Come coltivare la Zamioculcas

vedi anche: Pianta zamioculcas

Quando e quanto annaffiare

La Zamioculcas zamiifolia è una pianta originaria del continente africano. Viene abitualmente coltivata in vaso ed è molto apprezzata, poiché non richiede particolari attenzioni. Le irrigazioni vanno calibrate in base al contesto in cui vivono questi vegetali. Se crescono in zone abbastanza luminose, le annaffiature devono diventare regolari in primavera e durante l'intera stagione estiva. Invece, nei contesti a mezz'ombra è opportuno diradare la quantità e le somministrazioni d'acqua. Infatti, questa specie è estremamente sensibile e non tollera assolutamente i ristagni idrici, che ledono con molta facilità il delicato apparato radicale. Con l'arrivo dell'autunno e dell'inverno le irrigazioni vanno quasi del tutto sospese, garantendo un apporto limitato, dispensato solo una volta al mese.
Piante sempreverdi

Compo 1086302005 Concime per Azalee, Rododendri e Camelie, 1 L, Verde, 9x18.7x27 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,97€


Come prendersene cura

Foglia Zamioculcas Gli esemplari di Zamioculcas zamiifolia sono le piante ideali anche per i meno esperti. Infatti, queste succulente sempreverdi sono semplici da coltivare e possono durare per molto tempo, se tenute in condizioni ottimali. Sono piante da interno che prediligono i terreni composti da un substrato ben drenato e molto soffice, in maniera tale da garantire il corretto drenaggio delle irrigazioni. Sopportano molto bene i periodi siccitosi e le temperature afose mentre temono fortemente le condizioni climatiche inferiori ai 15 gradi. Il rinvaso deve essere effettuato all'incirca ogni due/tre anni, quando il vano contenitore diviene troppo piccolo per contenere tutte le radici. Non occorrono abituali interventi di potatura ma devono essere sempre eliminate le foglie ingiallite e tutti i rami secchi.

  • Disegno botanico di zamia tonkinensis La zamia è una pianta sempreverde, dalle foglie lussureggianti e verde lucido, che appartiene alla famiglia delle zamiaceae e all'ordine delle Cycadales, che è lo stesso cui afferiscono molte varietà ...
  • giardino fiorito Il giardino richiede cura e manutenzione costante, poiché le piante e i fiori devono essere seguite costantemente durante l’anno. Il giardinaggio è la tecnica che si occupa della coltivazione di piant...
  • piantesiepisempreverdi1 La siepe è forse la struttura verde più ambita e sognata dai proprietari di un giardino. Questa barriera, composta da piante più o meno alte, viene usata per ombreggiare, schermare e proteggere la pr...
  • piantesempreverdisiepe1 Le siepi stanno assumendo sempre più importanza nella ridefinizione degli spazi esterni. Sono presenti nei giardini, negli spazi pubblici e nelle campagne. In ognuno di questi luoghi, le siepi assolvo...

semi Pachira macrocarpa, 100% vero seme albero bonsai - 1 pc / pacchetto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,97€


Quando e come concimare

Fogliame piante sempreverdi Per ottenere piante di Zamioculcas zamiifolia sane e rigogliose è utile fornire ai vegetali tutti i necessari elementi nutritivi. Il momento migliore per iniziare le somministrazioni di concime è a partire dalla ripresa vegetativa, che avviene durante la stagione primaverile. Inoltre, è consigliabile acquistare un fertilizzante per piante succulente, composto da un basso contenuto di azoto, da diluire direttamente nell'acqua destinata alle annaffiature. Le somministrazioni vengono ripetute all'incirca ogni due settimane, fino all'arrivo dei mesi autunnali. A partire da questo momento vanno sospese per tutto il periodo invernale. É opportuno non esagerare mai eccessivamente nel dosaggio del concime, poiché questa specie di sempreverdi cresce molto lentamente e non ama ricevere troppe sollecitazioni.


Come coltivare la Zamioculcas: Esposizione, malattie e rimedi

Pianta Zamioculcas Le piante di Zamioculcas zamiifolia possono vivere in diversi contesti ambientali. Crescono bene sia in zone luminose che a mezz'ombra, l'importante è che non ricevano mai i diretti raggi solari, che lederebbero il fogliame causando delle evidenti bruciature. Questi esemplari non sono particolarmente soggetti agli attacchi dei parassiti, ma talvolta può succedere che vengano colpiti dagli afidi. In questo caso è opportuno intervenire utilizzando prodotti specifici, da acquistare presso del personale autorizzato. Le maggiori patologie che portano al deperimento, sono legate all'eccessivo apporto idrico. Infatti, il mancato drenaggio del terreno o i ristagni nel sottovaso possono facilmente intaccare l'apparato radicale con muffe e marciumi, portando al lento e graduale deperimento della pianta.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO