Il ciclamino

vedi anche: Ciclamino

Annaffiare il ciclamino

Nella coltivazione del ciclamino, la primissima regola che non bisogna assolutamente mai dimenticare è quella in base a cui questa pianta teme terribilmente i ristagni di acqua. Nelle annaffiature del ciclamino, quindi, occorre essere particolarmente attenti a questo dettaglio da cui dipende la buona salute della pianta. In estate le irrigazioni devono risultare molto abbondanti ed effettuate regolarmente ed esclusivamente quando il terreno è asciutto. Le foglie del ciclamino non vanno mai bagnate per evitare l'insorgere di possibili malattie. Durante il periodo di fioritura, al massimo ogni 2 giorni va riempito il sottovaso buttando l'acqua avanzata dopo mezzora in quanto significa che la pianta non ne ha bisogno. Dopo la fioritura, è indispensabile ridurre drasticamente gli apporti di acqua (ogni 20 gg).
ciclamini fioriti

100pcs 12kinds semi di ciclamino, semi in vaso, semi di fiore, varietà completa, il tasso di erba 95%, l'assorbimento di radiazione (colori misti)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Come coltivare e curare il ciclamino

Nuova piantina di ciclamino Nella coltivazione del ciclamino, i substrati ideali devono essere perfettamente acidi e formati da terra, torba e sabbia in rapporto 1:1:1. Il fondo deve essere assolutamente drenante per evitare ristagno idrico. Dopo svariati anni è indispensabile procedere al rinvaso. Si comprende benissimo quando è giunto il momento di quest'operazione, perché è quello in cui le radici non trovano più spazio nel vaso ed iniziano a fuoriuscirvi. Quest'operazione è da fare preferibilmente al termine della fioritura (tra la stagione primaverile e quella estiva). Il ciclamino si riproduce esclusivamente per seme da raccogliere in estate. Per simulare l'impollinazione, prendere un pennello e prelevare il polline depositandolo immediatamente sugli stimmi. La semina dei semi deve essere effettuata nel mese di settembre.

  • cyclamen coum 15090 Il cliclamino, nome botanico Cyclamen, è una bella pianta bulbosa perenne che racchiude numerose specie che traggono origine dalle zone del Mediterraneo orientale; in alcune parti dell’Italia cresce e...
  • pianta di ciclamino Da che parte vanno piantati i bulbi dei ciclamini?...
  • ciclamino spontaneo La pianta di Ciclamino è appartenente ad un genere di piante dicotiledoni e spermatofite chiamato scientificamente Cyclamen, della famiglia delle Primulaceae (da qui si può intuire la parentela geneti...
  • ciclamino Nel mio giardino, su circa 20 mq. di terreno con forte pendio sottostante un gruppo di piante alte a fogliame folto, quindi sempre all'ombra e con poca acqua, ho da qualche anno una fioritura di viole...

Garden4You Vaso per Orchidee, Trasparente con piattino (13,5, Ciclamino)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,85€


La concimazione per il ciclamino

Fiori di ciclamino rosa Una delle fasi più importanti nella coltivazione del ciclamino è quella relativa alla concimazione. Un corretto apporto degli elementi indispensabili, infatti, non solo permette una crescita ideale della pianta, ma anche una vita sana e, quanto possibile, al lontano dalla malattie. Il fertilizzante perfetto per il ciclamino deve essere possibilmente di tipo liquido e specificatamente indicato per le piante fiorite. Questo si deve disciogliere nella medesima acqua che si utilizzerà per l'annaffiatura e va somministrato mediamente ogni 10 giorni. Durante il periodo caratterizzato da una maggiore crescita vegetativa, il concime più adeguato deve contenere elevatissimi percentuali di azoto, in maniera da favorire una maggiore produzione di foglie. Successivamente si dovrà pensare anche all'integrazione di un altro elemento indispensabile, ovvero il potassio.


Il ciclamino: L'esposizione e le malattie del ciclamino

malattie ciclamino L'esposizione ideale è contraddistinta da una buona luce ma assolutamente non sotto il sole diretto. Anche le fonti di calore vanno evitate. Le zone in cui si colloca il ciclamino devono essere ben aerate e contraddistinte da un'ottima umidità ambientale. Il ciclamino non è frequentemente vittima di attacchi. Tra questi, la cosiddetta "botrite", causata dalla troppa acqua, per cui è indispensabile la rimozione delle foglie colpite ed una maggiore aerazione. Il "ragnetto rosso" è uno dei parassiti maggiormente temuti dal ciclamino. Provoca l'ingiallimento delle foglie e va combattuto con un apposito acaricida o semplicemente nebulizzando la pianta per aumentare l'umidità ambientale ed eliminare l'aria eccessivamente secca che favorisce la proliferazione di questi parassiti. Importante non esagerare con gli apporti di acqua perché si andrebbe incontro a marciume inevitabile delle radici.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO