Pianta del caffè

Le annaffiature ideali per la pianta del caffè

Date le origini della pianta del caffè, i periodi di siccità anche abbastanza prolungati non rappresentano assolutamente un problema grave. La resistenza ai momenti siccitosi, infatti, è tra le peculiarità di questa pianta. Nonostante questo, è consigliabile annaffiare regolarmente la pianta del caffè aspettando che, tra un'operazione e l'altra, il terreno risulti asciutto. L'acqua da utilizzare è meglio che sia di origine piovana o demineralizzata. Tra la stagione primaverile e quella autunnale le irrigazioni devono avvenire regolarmente circa 2 volte alla settimana. Tra novembre e febbraio, invece, devono ridursi in maniera abbastanza drastica per diventare semplicemente sporadiche. I substrati devono risultare ben freschi e sono da evitare i ristagni idrici che possono portare la pianta del caffè alla morte.
Frutti pianta caffè

T4U 8cm Pianta Grassa Vasi Rotandi di Stile Giapponese in Ceramica con Piattini Set di 3 per Piante in Miniatura

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,99€


Come coltivare e curare la pianta del caffè

Pianta caffè  fiore Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, la coltivazione della pianta del caffè non è per niente un'operazione complicata. I terricci ideali dovrebbero essere contraddistinti da un ph acido e risultare profondi, fertili e drenati. Devono, inoltre, essere ricchi di sostanze nutritive (da integrare al bisogno). Se la coltivazione della pianta del caffè è realizzata in vaso sono sconsigliate le operazioni di potatura, al massimo si può procedere a periodiche cimature. Il periodo ideale per iniziare a coltivare questa pianta è quello primaverile quando nei vivai si trovano esemplari di buone dimensioni. Il terreno deve essere quello per piante fiorite con buone dosi di ammendanti. Il rinvaso è effettuabile mediamente ogni 2 anni, nella stagione primaverile, aumentando gradualmente le dimensioni del vaso.

  • foto caffè Volevo conoscere la tecnica per piantare i semi del caffe', il terriccio da usare e come bagnarlo ed infine quanto tempo impiegano a germogliare queste piante?Grazie ...
  • caffè ginseng Il caffè al ginseng si può trovare ormai piuttosto frequentemente all'interno di tutti i bar: infatti, viene servito alla stregua di una bevanda solubile, resa disponibile ai clienti sia sotto forma d...
  • cicoria appena colta La cicoria è una pianta appartenente alla famiglia delle Asteracee. Si tratta di una pianta erbacea perenne, che può raggiungere anche dimensioni notevoli: va da un minimo di 20 centimetri fino al met...
  • foto colocasia La Colocasia è una pianta perenne sempreverde rizomatosa coltivata anche come pianta da appartamento oppure all’esterno sulle rive di un laghetto. Questa pianta trae la propria origine dalle regioni t...

21 colori 100 PCS semi Cymbidium, Rare Stagioni bonsai semi di orchidee, piante in vaso, fiori blu per la casa e giardino,

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,05€


La concimazione della pianta del caffè

Caffè raccolto La concimazione è un dettaglio importantissimo nella coltivazione di qualsiasi tipologia di pianta. Solo integrando correttamente le sostanze nutritive presenti nel terreno e di cui le piante hanno bisogno, infatti, si possono ottenere ottimi risultati. La pianta del caffè rientra anch'essa nella regola della buona concimazione. Essa, per crescere sana e rigogliosa, ha necessità di elementi fondamentali come il fosforo, l'azoto ed il potassio oltre che di una serie di microelementi fondamentali come il ferro, il manganese o lo zinco. I concimi scelti, quindi, devono assolutamente risultare ben bilanciati scegliendo quelli per pomodori o piante fiorite. L'elemento più importante per la pianta del caffè è il fosforo. In occasione dei rinvasamenti e ad ogni inizio dell'inverno, è consigliabile un'integrazione del terreno con materiale organico.


Pianta del caffè: L'esposizione ideale e le malattie

Raccolta chicchi caffè L'esposizione ideale per la pianta del caffè è quella in cui sono garantite un'ottima illuminazione e delle temperature alte durante tutto l'anno (in media comprese tra 18 e 21°C), oltre ad elevati livelli di umidità proprio come avviene nelle zone tropicali di cui è originaria. Assolutamente da evitare il contatto diretto con le fonti di calore così come il sole diretto che può causare spiacevoli bruciature alla pianta. L'aerazione è un altro fattore importante. La pianta del caffè teme moltissimo le temperature eccessivamente fredde, per cui non si dovrebbe mai scendere sotto il 10°C.La pianta, purtroppo, è di frequente vittima di diversi problemi. Tra i parassiti principali che la infestano vi sono gli afidi, la cocciniglia e il ragno rosso da debellare con appositi antiparassitari appena ci si accorge dell'insorgere del problema.


Guarda il Video
  • pianta del caffè La coffea arabica è un arbusto o piccolo albero originario dell’Etiopia e dello Yemen; l’altra specie più nota di caffè
    visita : pianta del caffè

COMMENTI SULL' ARTICOLO