Segreti della stella di natale

La vostra stella di Natale

Si avvicina la stagione fredda e volete dare un tocco di colore alla vostra casa, magari coltivare una pianta che richiami già la stagione festiva. La stella di Natale, il cui nome scientifico è euphorbia pulcherrima, è di sicuro un'ottima scelta: coi suoi colori rossi e verdi intensi e accesi e la particolare forma dei suoi fiori, è sicuramente la pianta più adatta per questa stagione. Pur fiorendo tra dicembre e marzo, questa pianta non è adatta ai climi invernali (è infatti originaria del Messico ed è stata importata in Europa in tempi relativamente recenti) e teme il freddo, proprio per questo è una pianta ideale per arredare l'interno della vostra casa durante i mesi invernali, mentre, come vedremo, durante la stagione calda è meglio spostarla all'aria aperta. La stella di Natale, inoltre, è piuttosto facile da curare, basterà scegliere per essa la giusta posizione e usare qualche piccolo accorgimento.
Stella di Natale fiorita su un tavolo

LJY 150 clip Pezzi del fiore dell'orchidea del Cymbidium pianta Supporto Morsetti, verde scuro

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€


Il posto ideale per la vostra stella di Natale durante la fioritura

Dettaglio foglia di stella di Natale irrorata La stella di Natale è una pianta che arreda benissimo qualsiasi casa e non necessita di particolari cure. Bisogna però collocarla in un ambiente che abbia le condizioni adatte per farla crescere. In inverno la stella di Natale, infatti, ha bisogno di una temperatura costante tra i 18 e i 20 gradi ed è molto sensibile alle correnti d'aria fredda (evitate dunque di posizionarla vicino a porte o finestre). Ricordatevi anche, specie se comprate una pianta già di dimensioni medie o grandi, di collocarla lontano da punti stretti o di passaggio, per evitare che, a causa degli urti, foglie e rametti vengano strappati. Scegliete un posto con una buona luce diffusa, ma evitate di esporla alla luce diretta del sole che la danneggerebbe. Per quanto riguarda l'acqua, la stella di Natale ha bisogno sia di irrorazioni che di vere e proprie annaffiature: è una pianta che ama molto l'umidità. Bagnate le foglie e i fiori ogni giorno con un po' d'acqua (meglio usare acqua non calcarea o il calcare, depositandosi, formerà sulle foglie delle brutte macchioline opache) e annaffiatene il terriccio ogni due o tre giorni.

    10 articoli Piante da siepe bosso (Buxus sempervirens), alta 70cm, dimensioni del piatto: 19cm, sempreverdi

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 50€


    La vostra pianta quando non ha i fiori

    Disegno stella di Natale Attorno al mese di marzo e in generale con l'arrivo della primavera, la vostra stella di Natale perderà tutti i suoi fiori. È questo il momento di spostarla in un ambiente diverso, per far sì che l'anno successivo vi offra nuovamente una splendida fioritura. Quando i fiori sono tutti seccati, tagliate un poco i rametti e spostate la vostra pianta in un ambiente un po' più fresco (tra i 18 e i 15 gradi) e sempre luminoso. Appena la temperatura minima notturna sarà uguale o superiore ai 15 gradi, potrete spostarla all'aria aperta. Quando non è in fioritura, la stella di Natale richiede acqua soltanto una volta a settimana. Per farla crescere più forte e assicurarvi dei fiori splendidi per l'inverno successivo, concimate la pianta con un fertilizzante a base di fosforo e potassio, che potrete facilmente reperire dal vostro vivaio di fiducia.


    Segreti della stella di natale: Perché la mia stella di Natale sembra star male?

    Dettaglio stella di Natale Purtroppo anche la stella di Natale può mostrare segni di sofferenza, dovuti a un posizionamento scorretto o a qualche malattia. Se le foglie ingialliscono o tendono a seccarsi, non vi preoccupate: spostate la pianta in un luogo meno caldo e meno secco (curatevi, soprattutto, che sia lontana dai caloriferi quando questi sono accesi) e la vostra pianta si riprenderà in pochi giorni. Ci sono invece due minacce più serie alle quali dovrete stare attenti: i funghi e gli afidi. Se la vostra pianta presenta macchie grigie, si tratta di un'infezione fungina, che purtroppo non ha rimedio. Dovrete allora gettare via pianta e terriccio rapidamente per evitare che l'infezione possa diffondersi ad altre piante. Se invece le foglie sono collose al tatto, molto probabilmente la vostra pianta è affetta da afidi. Se osserverete più da vicino, potrete vedere questi parassiti a occhio nudo. Non disperate: in questo caso basterà somministrare alla pianta un insetticida a base di piretro per farla guarire.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO