Pesco nano

Quanto annaffiare un pesco nano

Il pesco nano, disponibile in molte varietà, può crescere in vaso o essere messo a dimora in giardino, ma non raggiungerà mai altezze superiori ai 2 metri, il che lo rende un arbusto molto gestibile. Soprattutto nella fase in vaso, il pesco nano va annaffiato molto frequentemente nella stagione calda, quasi tutti i giorni, badando bene di far arrivare l'acqua fino alle radici: ci si può anche procurare un sottovaso che mantenga un'umidità costante nei pressi della radice della pianta. L'irrigazione non dev'essere mai svolta nelle ore più calde per non bruciare terreno e pianta, e bisogna ricordare che l'irrigazione va aiutata anche con prodotti specifici per l'acqua a base di minerali. Si può procedere anche con l'irrigazione goccia a goccia, ma è preferibile utilizzare la tecnica per aspersione con il classico innaffiatoio.
Pesco nano

10 pezzi semi pesca dolce, semi di Pesco, nani pesche Bonanza, semi bonsai frutta per piante giardino di casa

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Come coltivare

Pesco nano coltivazione La coltivazione del pesco nano richiede molta cura. Prima che la pianta inizi a produrre frutta ci vogliono almeno due anni, da accompagnare con una potatura frequente di tutti i rami in eccesso che piano piano sorgono dal tronco principale. A volte, infatti, dal ramo centrale nascono dei piccoli rami che presentano sia foglie che boccioli, ma mantenendo abbastanza basso il numero di rami e non rendendo troppo fitta la pianta si può massimizzare e migliorare la produzione fruttifera. Il terriccio nel quale coltivare il pesco nano dev'essere ricco di minerali come azoto e ferro e non dev'essere disposto troppo pressato nel vaso, ma inserito in esso con una soffice pressione delle mani e lasciando passare dell'aria. Nella messa a dimora in terra bisogna scavare una buca non troppo profonda, adagiando il pesco nano con tutta la zolla di terra prelevata dal vaso senza premere troppo. Se si innesta il pesco nano a terra si può irrigare con aspersione.

  • alberofrutti Gli innesti sono delle pratiche colturali che consistono nell’unire tra loro due parti di pianta appartenenti alla stessa famiglia. Praticati in agricoltura e giardinaggio, queste tecniche permettono ...
  • generalitã  delle piante da frutto Il ciclo vitale che riguarda le colture arboree da frutto si caratterizza per essere formato da ben tre stadi che hanno cadenza periodica: il primo viene definito stadio giovanile, mentre il secondo è...
  • avocado1 L'avocado è un albero tropicale che si caratterizza per appartenere al genere dei sempreverde, che è provenuto dall'America Centrale.Si tratta di un frutto la cui coltivazione avviene sopratutto nel...
  • malattiepiantefrutto In natura esistono tantissime piante da frutto, da coltivare per fini produttivi e al tempo stesso ornamentali. Per le loro caratteristiche, queste piante sono particolarmente suscettibili agli attac...

Nuove - semi rari: Prunus persica var.'Record' - il più grande varietà di pesco -3 semi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Come concimare un pesco nano

Concime naturale organico La concimazione del pesco nano è un momento molto importante per la sua crescita. Il prodotto migliore è il concime organico o stallatico, che va integrato però con dei concimi di tipo sintetico ricchi di minerali. La stagione migliore per concimare è la primavera: è consigliabile farlo con moderazione quando il pesco è ancora in vaso, evitando di appesantire il terreno, mentre è un'azione importantissima nel momento di messa a dimora. Nel primo caso lo stallatico può essere adagiato sul vaso aspettando che penetri nel terreno, mentre nel secondo caso può essere inserito direttamente nella buca quando la pianta viene trasferita dal vaso al suolo. Si può, alternativamente, anche concimare il terreno prima della messa a dimora del pesco, preoccupandosi però di bagnare il composto nel momento in cui si inserisce l'arbusto.


Pesco nano: Esposizione, malattie e possibili rimedi

Foglia pesco Il pesco nano per produrre frutti gustosi e succosi ha bisogno di un clima mite e temperato, ma soprattutto dell'esposizione a molta luce. Questa, infatti, permette alle pesche di maturare meglio e più velocemente. La malattia più comune che può attaccare questa pianta è la bolla del pesco, una malattia che prevalentemente interessa il legno del fusto del pesco. Passando dal midollo ligneo questa malattia si espande anche alle foglie, compromettendo la capacità di crescita del pesco e seccandolo dall'interno. La malattia si manifesta dotto forma di bolle che somigliano alle pustole della peste umana, con dei rigonfiamenti dalla superficie irregolare e spessa. Per prevenire la bolla bisogna irrorare del verderame al pesco nano, specie in fase di sviluppo, e bisogna farlo due volte l'anno: a fine autunno e prima dell'inizio della primavera. La pianta non deve prendere acqua piovana per 24 ore dopo il trattamento.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO