Fertilizzanti organici

Cos'è la fertilizzazione

La fertilizzazione è quell'operazione che viene effettuata durante una coltivazione. Si esegue per vari motivi: quello principale è di apportare tutti gli elementi nutritivi di cui necessita la pianta. Essa infatti non richiede solo acqua, aria e terreno. Ha bisogno di vari elementi nutritivi e sali minerali che possono essere ricavati solo dal suolo, e se il suolo ne è carente le piante possono incorrere in varie patologie, più o meno gravi. Questi squilibri si possono verificare soprattutto nelle foglie, nei frutti e in generale nella parte epigea della pianta. La carenza di questi elementi nutritivi determina la resa della produzione colturale in modo negativo e anche dal punto di vista ornamentale non è un aspetto da sottovalutare. Perciò è molto importante eseguire una giusta concimazione, in modo che apporti al suolo tutti gli elementi di cui ha bisogno, senza però eccedere e danneggiare così le piante.
Fertilizzante chimico

MADAME GROW ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️ Fertilizzante concime Organico per la fioritura SUPERCONCENTRADO Flower Karma Induction Stimola la Produzione di Fiori e Frutti 30 gr a 50 L di irrigazione

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,99€


La sua composizione

Distribuzione concime organico La definizione di fertilizzanti organici deriva dal fatto che siano completamente naturali e che siano di origine animale o vegetale. Contengono al loro interno elementi primari, chiamati macroelementi, che sono essenziali per la normale crescita vegetale: questi comprendono azoto (N), fosforo (P) e potassio (K). Questi elementi sono contenuti per la maggior parte delle volte anche dai fertilizzanti chimici, i quali sono generalmente specializzati su un elemento nutritivo. Seguono poi i microelementi, ovvero quegli elementi nutritivi che non sono normalmente considerati nei concimi chimici, ma che sono molto importanti per la salute generale delle piante: tra questi ci sono il ferro, lo zinco, il rame, il boro, il cloro e molti altri. Inoltre nei fertilizzanti organici si trovano percentuali variabili di altri componenti: acqua, materiale legnoso, cellulosa, materiale vegetale e materiale secco di varia natura.

  • fertilizzante1 I fertilizzanti, in agricoltura e giardinaggio, comprendono delle sostanze e delle tecniche che mirano ad apportare sostanze nutritive al terreno, a stabilizzarlo, a modificarne o migliorarne le pro...
  • comcimifertilizzanti1 I concimi fertilizzanti sono dei composti naturali o sintetici che servono sia a nutrire le piante che a migliorare le proprietà chimico-fisiche del terreno. I concimi fertilizzanti possono, infatti, ...
  • fertilizzanteorganico1_zpsb232a0e8 I fertilizzanti sono delle sostanze che servono a nutrire sia il suolo che le piante. In tal senso il termine coincide con quello di “concime”, anche se nei fertilizzanti possono rientrare diversi tip...
  • fertilizzantenaturale Le piante, per crescere forti e sane, hanno bisogno di essere adeguatamente concimate. Durante la concimazione si somministrano regolarmente sostanze nutritive di origine naturale o chimica. Queste so...

MADAME GROW Kit di elezione DUOPACK - Concimi Organici. Fornisce alla Tua Cannabis i Migliori fertilizzanti organici per la nutrizione, la Crescita e l'ingrassamento dei germogli. 2 x 250 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 32,99€


Quali sono i concimi organici

Suolo fertile Sono molti i concimi organici, i più comuni sono descritti di seguito. Il più conosciuto ed utilizzato è il letame, o stallatico: si tratta di un prodotto formato da escrementi animali assieme a lettiera e urina. Può essere di origine bovina, equina, suina e ovina. La percentuale degli elementi presenti all'interno può essere differente in base alla specie animale e alla quantità di fluidi. Vi è poi l'humus, un composto di residui vegetali e microfauna decomposta. È estremamente fertile e al suo interno si possono trovare moltissimi elementi nutritivi. I suoli ricchi di humus sono perfetti per colture di ogni tipo. Gli sfalci di monocolture prevedono l'utilizzo di colture che forniscono azoto come fertilizzante organico: esse vengono coltivate e poi una volta sfalciate vengono lasciate decomporre sul terreno. Un altro tipo di fertilizzante organico è il guano, un prodotto composto da deiezioni di uccelli, in particolare di uccelli marini. Questo può essere raccolto in giacimenti in America meridionale. Normalmente viene definito come concime NP, avendo questi due elementi in maggior quantità.


Fertilizzanti organici: Come si utilizza

Macchinario agricolo letame campo È importante saper distribuire bene il fertilizzante per non arrecare danno alle piante e per non alterare negativamente la composizione del suolo. Bisogna stare attenti alle reali necessità di una pianta e non eccedere con gli elementi nutritivi. È molto utile l'utilizzo del concime organico in presemina, ovvero nel periodo prima della semina. Se però il materiale per la concimazione è ancora fresco è consigliabile distribuirlo qualche mese prima e lasciarlo riposare in modo tale che si decomponga. Se si distribuisce quando è ancora fresco subito prima della semina può danneggiare l'apparato radicale delle piante. Inoltre bisogna tenere conto dell'avvicendamento delle colture: in questo modo si evita di apportare elementi di cui il terreno non ha bisogno, dato che la coltura precedente glielo ha già fornito. Ci sono vari metodi per distribuire il concime: può essere sparso in superficie, operazione manuale su piccoli appezzamenti generalmente in presemina, può essere somministrato a strisce, metodo utilizzato soprattutto nelle coltivazioni industriali, e infine può essere effettuata una concimazione mirata, eseguita quando serve apportare ulteriormente un elemento.



COMMENTI SULL' ARTICOLO