La cavolaia

Origini e caratteristiche

La cavolaia è un'insetto dell'ordine dei lepidotteri, appartenente alla famiglia delle Pieridi. È una farfalla che colpisce principalmente il cavolfiore e le altre Crucifere, ma può colpire anche le rape. Si tratta di uno dei lepidotteri più diffusi e comuni al mondo: si può trovare infatti in tutti i continenti, dal livello del mare fino i 2000 metri di quota. L'adulto può raggiungere un'apertura alare di 60 millimetri. Questa farfalla è caratterizzata da delle ali bianche, quelle anteriori sono ornate da una linea nera apicale. Si possono distinguere gli esemplari maschi dagli esemplari femminili per due macchie nere sulle ali anteriori e per una sfumatura più giallastra che possiedono solo le femmine. Le larve hanno una colorazione giallo-arancione, caratterizzate da una linea gialla sul dorso, da puntini neri sparsi lungo tutto il corpo e da setole chiare, e possono raggiungere una lunghezza di 30-40 millimetri. Ci sono due tipi principali di cavolaia: la cavolaia che colpisce i cavolfiori appartiene alla specie Pieris brassicae, mentre la cavolaia delle rape appartiene alla specie Pieris rapae.
Esemplare pieris brassicae

COMPO 1692502005 Fazilo, Insetticida Acaricida Pronto Uso per Piante Ornamentali in Casa e da Giardino, 750 ml, Trasparente, 5x8.5x13 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,01€


Ciclo biologico

Larva lepidottero In base al clima, la cavolaia può compiere generalmente dalle 3 alle 4 generazioni all'anno. Gli adulti della cavolaia compaiono da aprile e lo sfarfallamento continua fino a maggio, dove avviene il primo volo. Questi adulti si accoppiano e depongono poi le uova a gruppi di 30 nelle pagine inferiori delle foglie del cavolfiore. Le larve nascono dopo circa 15 giorni e compongono la prima generazione, vivendo per un certo periodo in gruppo. Quando raggiungono la maturità sviluppano la crisalide, i nuovi adulti che compongono la seconda generazione compaiono a fine giugno-inizio luglio, effettuando il secondo volo. Dopo questa generazione ce ne possono essere delle altre. Se le temperature sono troppo basse la cavolaia, appena nata, si nasconde nel terreno e trascorre il periodo freddo sotto forma di pupa. Una volta che le temperature sono più alte, la pupa diventa larva e si trasferisce sulle piante colpite per nutrirsene.

  • Ravanelli Il ravanello è una pianta commestibile proveniente dalla Cina e dal Giappone, molto coltivata negli orti e largamente usata nelle nostre cucine per preparare diversi piatti e insalate. Le radici sono ...
  • Cavolo cappuccio Il cavolo cappuccio è una pianta che trae la propria origine dall’Europa; attualmente si coltiva maggiormente in Cina, India e Giappone mentre, in Europa, i maggiori produttori sono i tedeschi; in Ita...
  • Cavolfiore Il cavolfiore probabilmente è originario dell’Asia minore ed era coltivato in Italia già nel settecento. Nel nostro paese i maggiori produttori sono le regioni della Toscana, della Sicilia, delle Marc...
  • Un orto ad alta resa al metro quadrato può essere ottenuto anche dai principianti e in spazi di ragionevole dimensione coltivando pomodori, fagioli, fagiolini, piselli, zucchine e patate, la produzion...

adama INSETTICIDA COCCINIGLIA Dusty Olio Bianco EMULSIONATO KOLLANT 500ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,9€


Prevenzione

Uova cavolaia Gli attacchi della cavolaia si verificano soprattutto in primavera perché è un insetto che non resiste ai climi troppo rigidi o troppo elevati. Di conseguenza, il periodo più pericoloso per la pianta è proprio la primavera, in quanto le larve divorano le foglie. Si può evitare, però, che si verifichino gli attacchi o che diventino eccessivi attraverso dei metodi preventivi. Uno dei metodi più sicuri consiste nell'accostare la coltura colpita dalla cavolaia a delle piante che abbiano un effetto repellente. Una di queste piante è sicuramente la menta, in grado di allontanare non solo le larve ma anche gli adulti. Un altro metodo che previene l'attacco di quest'insetto è la sarchiatura: questa operazione prevede il rimescolamento del terreno superficiale, distruggendo le malerbe, utile a scovare ed eliminare le pupe nascoste nel suolo. Da non scartare è l'azione preventiva manuale, ovvero rimuovere a mano le uova dalle piante, le quali sono facilmente riconoscibili per via del loro colore giallo.


La cavolaia: Come eliminarla

Larva parassita Per combattere la cavolaia si utilizzano insetticidi chimici o biologici. Sono maggiormente consigliati quelli biologici, in quanto non sono pericolosi per l'ambiente, e se usati correttamente possono avere effetto anche sulle larve della cavolaia. I prodotti biologici più utilizzati sono i macerati di pomodoro, di assenzio e di sambuco, e si ricorre a questi metodi quando non è possibile eliminare manualmente le uova. Si può utilizzare anche il piretro, un insetticida naturale ricavato dai fiori, ma questo non uccide soltanto la cavolaia ma anche tutti gli insetti utili. La lotta biologica avviene anche attraverso un batterio, il Bacillus thuringensis, che viene somministrato alle piante sotto forma di soluzione zuccherina. Per quanto riguarda la lotta che utilizza prodotti chimici è consigliata solo se gli attacchi sono massicci.



COMMENTI SULL' ARTICOLO