Melo

Quanto e come irrigare il melo

Il melo è un albero da frutto che si adatta perfettamente a qualsiasi condizione climatica, anche se non predilige i climi particolarmente caldi mentre si difende benissimo dal freddo. L’irrigazione del melo deve essere costante per favorire un corretto sviluppo della pianta e una redditizia fruttificazione. Gli interventi di annaffiatura potrebbero essere richiesti in misura maggiore subito dopo la messa a dimora, se non si verificano precipitazioni piovose. Inizialmente è opportuno bagnare il suolo frequentemente ma non in maniera abbondante, evitando i ristagni idrici. Successivamente potrebbe essere allestito un impianto a goccia per innaffiare la pianta qualora le piogge risultassero scarse, in caso contrario esse da sole potrebbero essere sufficienti a soddisfarne il bisogno d’acqua.
Alberi mele rosse

AvoSeedo Kit regalo da Giardinaggio per Avocado

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,32€


Come coltivare il melo

Coltivare melo La coltivazione del melo può partire dalla radice nuda, dai mini fusti, dalla palmetta a U o dal pollone. La messa a dimora della radice nuda prevede la realizzazione di una buca profonda pressappoco 50 cm e larga 80-100 cm per assicurare una favorevole sistemazione alla pianta. Se necessario riempire metà della buca con letame e terriccio e inserire la radice. Poi colmare la restante parte con la terra e bagnare abbondante per garantirne un’adeguata coesione. Per la messa a dimora dei mini fusti è opportuno potare i rametti più piccoli e poi alloggiare il risultato in una buca con le caratteristiche precedentemente descritte. Per il pollone occorre cimare l’albero affinché ne rimanga solo il tronco. Mentre per la palmetta a U si richiede il taglio a circa 30 cm dalla stessa palmetta.

  • potaremelo_zps277d2c23 Il melo è un magnifico albero da frutto originario del Caucaso del Sud e coltivato ormai in gran parte del mondo. Di dimensioni notevoli, l’albero presenta rami fruttiferi e rami legnosi. I primi pro...
  • potatura melograno Il melograno è una pianta cespugliosa originaria dei Paesi orientali. Il suo nome botanico è Punica granatum”, che letteralmente vuol dire “ melo con semi”. Questa pianta produce frutti tondeggianti c...
  • Potatura melograno albero La potatura melograno ad albero è scelta per diverse ragioni. Innanzitutto la chioma avrà più areazione, sarà esposta maggiormente ai raggi solari e i frutti avranno la possibilità di crescere rigogli...
  • potature autunnali Per contenere nelle dimensioni le piante, per eliminare i rami secchi con scarsa vitalità e per favorire una buona fioritura nella successiva primavera, molte piante da giardino devono essere potate i...

BioBizz All-Mix Sacco Terriccio 20L

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,38€


Il terreno ideale per la coltura del melo

Varietà mele I terreni ideali alla coltivazione del melo sono quelli collinari e di montagna. Per crescere adeguatamente quest’albero ha bisogno di una terra ricca di nutrienti, non troppo calcarea e giustamente drenata, anche se si adatta facilmente a qualsiasi tipologia di suolo. Le sostanze essenziali, per avere un ottimo sviluppo della pianta e un generoso raccolto, sono il potassio, il fosforo, l’azoto e altri microelementi. Se dalle analisi chimiche il terreno risulta carente di queste sostanze allora è meglio intervenire attraverso concimi specifici. L’accorgimento da tenere presente è che normalmente un apporto di azoto e fosforo deve essere garantito nel periodo primaverile, mentre i corretti livelli di potassio e degli altri microelementi vanno assicurati nella stagione estiva e a settembre.


Melo: Esposizione, malattie e possibili rimedi

mela matura Il melo preferisce un’esposizione ampiamente soleggiata ma esente da forti raffiche di vento.Tra le avversità più comuni per le pomacee e in modo particolare per il melo, vi sono le malattie fungine e le crittogame, che possono portare al marciume dell’albero e sono favorite da ambienti umidi e ristagni idrici. Tra queste ricordiamo la ticchiolatura e il mal bianco.Tra i parassiti vanno annoverati gli afidi e la tignola che si annidano nei germogli, i lepidotteri come la carpocapsa le cui larve penetrano nel frutto mangiandolo dall'interno, ma anche gli acari e i chiodini. In questi casi si possono utilizzare dei prodotti chimici specifici in grado di agire contro l'infezione o dei macerati vegetali (rosmarino, tabacco, ortica, peperoncino, aglio) miscelati e preparati a seconda della tipologia di parassita.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO