Pistacchio

vedi anche: Il pistacchio

Annaffiamento e irrorazione del pistacchio

Questa magnifica pianta trae origine quasi esclusivamente dal continente asiatico e fa parte dell'ampio raggruppamento familiare delle Anacardiaceae. Solamente nell'estremo meridione d'Italia, in particolare nell'isola siciliana, l'albero viene abitualmente coltivato, e ciò in virtù delle peculiari favorevoli condizioni ambientali e climatiche. La coltura viene normalmente praticata per la raccolta degli edibili e pregiati frutti, nondimeno la pianta può trovare utilizzo anche per finalità ornamentali. Il Pistacchio andrà irrorato con costanza e regolarità durante la stagione primaverile e soprattutto nel pieno dell'estate, con frequenze anche molto ravvicinate tra loro. Nella restante parte dell'anno, le bagnature verranno opportunamente sospese, tranne che in caso di lunghi periodi siccitosi.
Pistacchio

Semi Di Pianta Pistacchio Busta Contenente 4 Semi Facile Coltivazione

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,9€


Cura e coltura del pistacchio

Pistacchio fiore Il Pistacchio ha una crescita progressiva e non repentina, e può arrivare a toccare un'altezza media di 7-8 metri. Assai durevole e di grande vigore, si adeguerà agevolmente a diverse tipologie di suolo, da quello calcareo e marnoso finanche a quello più povero e arido. Sarà consigliabile, in ogni caso, approntare una terra di coltura poco umida, profonda e non compatta, pregna di sostanze organiche e drenata efficacemente, mediante aggiunta di materiali sabbiosi. Al termine del periodo invernale, si renderanno necessarie annuali opere di potatura, finalizzate allo sfoltimento del fogliame e alla eliminazione delle ramificazioni ormai invecchiate e avvizzite. La pratica avrà l'effetto di donare maggiore aerazione e luminosità all'intera pianta, con benefiche conseguenze sulla produzione dei frutti.

  • foto pistacchio Il pistacchio è un albero conosciuto per il suo gustosissimo frutto usato per tantissimi scopi . Il frutto del pistacchio infatti è utilizzabile per un numero enorme di usi culinari . Ma il pistacchi...
  • Coltivazione di arachidi Le arachidi sono originarie dell'America Latina e le piantagioni più grandi sono dislocate nella fascia tropicale e sub tropicale. Le prime coltivazioni di arachidi che si incontrano nel corso della s...
  • Albero castagno Un albero di castagno è generalmente una pianta che ha bisogno di pochissime cure e che si abitua all'ambiente circostante con facilità, per questo motivo si può trovare in numerose zone, anche molto ...
  • Coltivazione arachidi La pianta delle arachidi resiste bene alla siccità, ma per ottenere una buona produzione richiede annaffiature frequenti, si consiglia quindi di bagnare spesso ma con poca acqua per evitare di formare...

Lechuza Colore Cascade 36 centimetri, Contiene 6 piante, verde pistacchio auto Watering fragola, verdura, Herb & Flower Planter

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,95€


Fertilizzazione e concimazione della pianta

Frutti pistacchi Per quanto riguarda l'assunzione dei necessari nutrienti, la pianta arborea presenta comuni e non particolari esigenze di essere concimata. La fertilizzazione sarà concentrata in periodo primaverile, orientativamente dalla fine di marzo sino al maggio inoltrato, e si differenzierà notevolmente in base all'età dell'albero. Per quanto riguarda i nuovi esemplari, difatti, andrà privilegiato un concime contenente in netta prevalenza l'azoto a discapito delle componenti potassiche e fosforate, mentre per le piante adulte risulterà maggiormente adeguato un fertilizzante che preveda un perfetto equilibrio tra le 3 macrocomponenti. In tutti i casi, il fertilizzante prescelto dovrà essere specifico per il Pistacchio, oppure generico per piante fruttifere, nonché di natura solida, meglio se organico a base letamica.


Pistacchio: Esposizione e patologie ravvisabili

Frutta secca La pianta in esame dovrà essere preferibilmente posizionata in un habitat decisamente illuminato e assolato, con diretta esposizione agli irraggiamenti del sole. Rustica e vigorosa, non patirà caldi torridi né i freddi invernali, sino a molti gradi sottozero, nondimeno condizioni termiche rigide potranno compromettere seriamente la produzione dei desiderati frutti. Il Pistacchio, infine, potrà essere in qualche occasione soggetto a patologie crittogamiche, in particolare alle ramificazioni, nonché danneggiato da vari insetti e parassiti, come ad esempio il megastigmus pistaciae. Si tratta di un piccolo e nocivo insetto che suole cibarsi abitualmente del succo e della polpa delle drupe mature: il contrasto sarà affidato all'impiego di specifici insetticidi, preferibilmente biologici oppure chimici.



COMMENTI SULL' ARTICOLO