Prunus

Quanto annaffiare

Il prunus è un genere di pianta che comprende oltre 200 specie, offrendo così un'enorme quantità di frutti: ciliegie, pesche, albicocche, prugne. Di dimensioni non molto grandi, si presta anche alla coltivazione in giardino. Pianta auto-impollinante, ne è sufficiente un solo esemplare per avviare la produzione, ma è necessario fare attenzione ad alcuni semplici passaggi: durante in mesi estivi è bene annaffiare abbondantemente la pianta, soprattutto quando i frutti iniziano a maturare in luglio, per renderli teneri e succosi. Va bene annaffiare la pianta ogni 10-15 giorni, tuttavia, perché il prunus non sopporta i ristagni di acqua. Per questo motivo è bene assicurarsi di piantarlo su terreni con buona capacità drenante. Ha invece una buona resistenza alle basse temperature, per cui sopravvive anche in inverno, se bene non sia produttivo in questa stagione.
Ramo <em>prunus</em> fiore

Pianta di Kiwi Autofertile (variet&#224; JENNY) - Actinidia Deliciosa

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,99€


Come coltivare

Pianta frutti Il prunus viene coltivato dalle aziende agricole per produrre frutti da commercio, ma può essere coltivato anche in giardino, come pianta ornamentale e perché no, approfittare dei deliziosi frutti. L'importante è scegliere attentamente il terreno per la coltivazione, deve essere molto drenante. In generale non richiede moltissime cure, ma è importante l'annaffiatura, la concimazione e la potatura. Bisogna anche proteggerlo dai parassiti. Entro i primi tre anni di vita, queste operazioni sono fondamentali per la salute della pianta, che in età adulta richiede meno attenzioni. Appena messa a dimora, la pianta dovrà fissarsi saldamente al terreno, per questo è necessario controllarne le radici. Le piante adulte producono una grossa quantità di frutti, quindi è bene prestare attenzione alla potatura, perché in questo modo si potrà controllare la qualità del raccolto: meno frutti sui rami, saranno più saporiti e di migliore qualità una volta maturi.

  • potatura pesco Posso potare il pesco ed il pruno subito dopo la raccolta dei frutti ?...
  • foto sorbo Il sorbo, nome comune per sorbus, appartenente alla famiglia delle Rosacee è un albero di medie dimensioni originario dell'Europa settentrionale e diffuso nel nostro paese spontaneamente. Il genere so...
  • Fragola La fragola è il dolce e piccolo frutto di colore rosso che si sviluppa spontaneamente nel sottobosco collinare e alpino del nostro paese. Con il tempo si è diffusa la sua coltivazione in gran parte d'...
  • Sorbo Il sorbo, nome comune per sorbus, appartenente alla famiglia delle Rosacee è un piccolo albero apprezzato in particolar modo per il colore delle sue foglie e dei suoi frutti che conferiscono alla pian...

ALBERO DI FEIJOA TROPICALE - pianta da frutto da esterno vera

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,9€


Come concimare

Pianta terreno concimazione Il prunus, pianta resistente anche alle intemperie, ha bisogno di poche cure, ma per ottenere una fitta fioritura e frutti di migliore qualità, si deve concimare la pianta. In autunno e in primavere si nutrirà la pianta mischiando al terreno del concime stallatico. La concimazione deve proseguire durante il corso di vita della pianta, per mantenerla in salute e produttiva. I sali minerali che fanno bene alle piante ( anche di diverse specie, tra i prunus) sono soprattutto azoto, potassio e fosforo e la quantità varia in base al tipo di frutta prodotta. Il potassio, in particolare, produce una doppia azione perché fortifica la pianta e riduce l'acidità dei frutti. Dosi troppo elevate di concime, superiore ai 4 kg di fosforo per ogni kg di frutta prodotto, ad esempio, dall'albicocco, possono risultare nocive per la pianta.


Prunus: Malattie e trattamenti

Pesche frutto malattie Le varie specie del prunus sono soggette a diverse malattie, causate dai parassiti che le possono infestare. Per l'albicocco, tra i rischi più gravi c'è quello della Sharka, malattia portata dagli afidi che fa crescere i frutti deformi, li fa cadere prima della maturazione oppure li fa marcire. Non esiste cura per questa malattia, e gli alberi infetti vanno abbattuti. Anche il pesco è molto soggetto a parassiti e nei periodi più umidi rischia di essere danneggiato dalla bolla del pesco, un fungo che attacca la pianta. Contro questo problema si può agire con trattamenti allo zolfo, che disidrata e uccide il fungo. In generale, tutti i trattamenti che possono essere utilizzati sugli alberi da frutto contro insetti, batteri e altri parassiti, vanno comunque evitati nei 15 giorni precedenti la raccolta dei frutti, perché li renderebbero non più commestibili.


Guarda il Video
  • prunus L'irrigazione è un'operazione di fondamentale importanza durante il processo di coltivazione del prunus, perché avere un
    visita : prunus

COMMENTI SULL' ARTICOLO