Il bruco americano

Caratteristiche del bruco americano

Il bruco americano è un lepidottero anche conosciuto col nome di ifantria. Originaria del Nord America, la specie è arrivata in Italia solamente da quarant'anni a questa parte, proliferando e causando notevoli danni alla vegetazione che costeggiava le ferrovie del Paese. La farfalla adulta ha colore bianco, presenta dei puntini neri ed è completamente ricoperta di peluria anch'essa di colore bianco. Essa depone le sue uova sulla pagina inferiore delle foglie di piante ornamentali prediligendo soprattutto il gelso, o di alberi da frutto come ad esempio meli e peri. Le uova sono di colore verde pallido e vengono deposte in placche, mentre le larve hanno il capo nero e il corpo di colore bruno e giallo ocra, con peli lunghi attaccati a dei tubercoli gialli. Sia le larve che gli esemplari adulti sono pericolosi per la salute delle piante di cui si nutrono.
Larve bruco

Il Museo Outlet - Studio di Farfalla, Bruco, Giovane Donna e Numeri - Poster (Medio)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,36€


Danni causate dal bruco americano

Danni foglie I danni prodotti dal bruco americano sono a discapito delle foglie che perdono la loro naturale funzione di fotosintesi. I bruchi si nutrono, infatti, inizialmente della superficie e alla fine di tutta la foglia, lasciando intatte solamente le nervature. Inoltre il bruco americano secerne una particolare sostanza con la quale ricopre le foglie. Tale sostanza induce una condizione di stress nella pianta che viene tecnicamente costretta a produrre nuovi germogli, dei quali i bruchi possano nutrirsi. Anche le larve al primo stadio intaccano l'attività vitale della pianta, distruggendo la clorofilla e di fatto snaturandola. Un albero o una pianta infestata da questo insetto, allora, presenta delle foglie lesionate oppure del tutto trasparenti. Per evitare la morte della pianta è necessario intervenire al più presto.

  • Esemplare adulto di bruco americano. Il bruco americano noto anche con il nome di Hyphantria cunea è origine delle regioni canadesi e degli stati uniti. Nel 1940 la sua diffusione arriva in Olanda e nel 1984 in Italia. Questo lepidottero...
  • Lepidottero I lepidotteri sono un ordine di insetti composto da più di 120 famiglie diverse e raggruppano quasi 160.000 specie: solo i coleotteri sono più numerosi. L'ordine dei lepidotteri si suddivide in quattr...
  • Esemplare pieris brassicae La cavolaia è un'insetto dell'ordine dei lepidotteri, appartenente alla famiglia delle Pieridi. È una farfalla che colpisce principalmente il cavolfiore e le altre Crucifere, ma può colpire anche le r...

Provado 80052561 1L Pronto ultimo Bug Killer

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,66€


Rimedi naturali contro le infestazioni

Ifantria uova La lotta naturale al bruco americano passa attraverso l'utilizzo di altri insetti che rappresentano i loro principali predatori e che riescono a tenere sotto controllo l'infestazione. Esistono anche metodi di lotta meccanici che prescrivono di tagliare e bruciare i nidi quando le larve cominciano a nutrirsi. L'operazione va ripetuta con tutte le tre generazioni di larve, per assicurarsi di rimuoverle del tutto. La lotta biologica, invece, passa attraverso l'utilizzo di un prodotto a basso impatto ambientale e che non danneggia ulteriormente le piante. Si può, infatti, usare il Bacillus Thuringiensis, e precisamente la varietà Kurstaki. C'è bisogno generalmente di un quantitativo di prodotto pari a circa dieci o quindici litri per pianta che deve essere usato dopo venti giorni dalla schiusa delle uova.


Il bruco americano: Rimedi chimici

Pianta bruchi Nel caso in cui l'infestazione del bruco americano abbia raggiunto dimensioni preoccupanti, non si può pensare di eliminare il problema utilizzando solamente rimedi naturali e biologici, ma risulta necessario intervenire con prodotti chimici. Prima di dare inizio a questo tipo di lotta e affinché essa risulti efficace, si rende necessario utilizzare delle esche con feromoni sessuali che attirano l'insetto e permettono di verificare quale sia lo stadio della sua evoluzione. Si tratta di una prassi fondamentale, dal momento che questa operazione ci fornisce indicazioni sul momento più opportuno per agire. Per la lotta chimica al bruco americano si possono utilizzare piretrine naturali o anche piretroidi di sintesi. Inoltre risultano particolarmente efficaci nella lotta a questo insetto prodotti a base di diflubenzuron e di tebufenzide.



COMMENTI SULL' ARTICOLO