La mosca bianca

La mosca bianca a Milano

Gli aleurodidi o mosche bianche sono una famiglia di insetti che appartengono all'ordine dei Rhynchota Homopteram, una sezione degli Sternorrhyncha. Le mosche bianche si possono trovare in ogni regione climatica, grazie alla resistenza e alla capacità di adattarsi, anche se hanno origine nelle regioni tropicali, è possibile trovarle anche in città come Milano, dove infestano il verde pubblico, causando danni alle piante. Questi parassiti rientrano nella categoria dei più problematici in quanto causano infestazioni e danni che possono anche comportare la perdita dei raccolti. Dal momento che prediligono climi caldi è molto facile trovarle all'interno delle serre. Il parassita è in grado di nutrirsi di moltissime varietà di piante, che siano tenere o coriacee come: la begonia, la dalia, il ciclamino, le petunie e quasi tutte le varietà di geranio.
Mosche bianche

TRAPPOLA ADESIVA TEMO-O-CID COLORTRAP MOSCA BIANCA CONFEZIONE DA 10 FOGLI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,5€


Morfologia della mosca bianca

Infestazione da mosca bianca Gli adulti di mosca bianca sono insetti di piccole dimensioni, con un corpo lungo circa 3 mm e con una colorazione giallastra. Possiedono una pigmentazione che però è completamente mascherata dalla copertura cerosa che li rende di aspetto farinoso. L'apparato boccale è di tipologia pungente-succhiante con un rostro composto da tre segmenti e completato da una base membranosa. Le ali talvolta sono maculate. Gli stadi giovanili invece sono di forma ellittica e appiattita molto simili alle cocciniglie. Questi insetti sono solitamente annidati sulla pagina inferiore della foglia, dove si nutrono provocando ingiallimenti e indebolimento della pianta, fino a portare al completo defogliamento e alla morte. Avendo un apparato boccale succhiante possono facilitare la propagazione di virus e batteri.

  • Frutto Il limone, come tutti gli agrumi, è originario dell’Asia meridionale e sud-orientale, in particolar modo delle montagne dell’Indocina. In Europa, per molto tempo, il limone fu considerato solo come al...
  • poinsettia Chi di noi non conosce la stella di Natale, o meglio, l’Euphorbia Pulcherrima? Nessuno o quasi. Tutti noi, almeno una volta, abbiamo comprato questa pianta durante il periodo natalizio, per fare un re...
  • basilico Il basilico è conosciuto in tutto il mondo, ha origini africane e indiane, si è diffuso in Europa, in modo particolare in Italia e Francia, attraverso il Medio Oriente. In Africa, Asia, America centra...
  • asparago L’asparago è una pianta perenne. In tempi antichi veniva coltivato nel Medio Oriente, in Egitto e in Grecia, pare che in Europa la coltivazione sia iniziata verso il 1400 dove i maggiori produttori so...

Ruichenxi ® Unità ultra sonic Electro Magnetic Pest Control Repeller della parete della spina per i roditori, topi, scarafaggi, zanzare, mosche, pulci, ragni (bianco)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€


Infestazione da mosca bianca

Mosca bianca Le mosche bianche sono in grado di produrre moltissima melata in grado di riempire le foglie e causando di conseguenza delle fumaggini che indebolirebbero la pianta. Gli organi maggiormente colpiti dalla mosca bianca sono le foglie, infatti si nutrono a spese della linfa elaborata. Le mosche bianche sono molto dannose a causa della tendenza ad aggregarsi, la frequente partenogenesi, il breve ciclo di sviluppo creando vere e proprie piaghe per l'agricoltura. Le punture di nutrizione sono in grado di creare modificazioni alle foglie che si potrebbero manifestare con necrosi e successivo disseccamento e portando infine ad un deperimento totale della pianta. Le piante maggiormente colpite fanno parte delle solanacee, delle leguminose, delle cucurbitacee, il tabacco, gli agrumi e le piante ornamentali.


Come combattere la mosca bianca

sprayCombattere le infestazioni di questi insetti non è sempre facile dal momento che si localizzano sulla parte inferiore della foglia, oltre alla capacità di adattarsi e di resistere ai farmaci. È possibile comunque utilizzare degli insetticidi specifici sia da contatto sia da ingestione come i piretroidi. È possibile utilizzare anche dei farmaci a base di olio bianco miscelato ad un insetticida, oppure la fumigazione in serra prima dell'inizio del ciclo della colture (per esempio con zolfo). Un'altra possibilità è quella di utilizzare insetti non parassitari antagonisti della mosca bianca, ma non in tutte le zone climatiche ciò è possibile. In fatto di prevenzione sarebbe necessario proteggere le piantine durante il trasporto, si dovrebbe isolare la serra dall'esterno, oppure applicare delle trappole cromotropiche gialle all'interno delle serre.




COMMENTI SULL' ARTICOLO