Nematodi

Caratteristiche principali

I nematodi sono tristemente famosi per essere dei parassiti diffusi un po' ovunque, infestano infatti specie tra loro molto diverse, come piante, animali e in alcuni casi anche l'uomo. Sono chiamati così perché hanno una forma cilindrica e una sezione trasversale, sono estremamente numerosi in natura, basti pensare che ne esistono circa 20.000 specie conosciute. Alcune di esse non sono parassiti ma riescono a vivere liberamente cibandosi a volte di funghi, altre di batteri o erbe. I nematodi hanno diversi habitat in cui riescono a vivere, tra questi terreni, fondali acquatici e addirittura sorgenti termali. Possono infettare l'uomo a livello dell' apparato digerente, espandendosi in alcuni casi anche a quello circolatorio, sfruttando il quale riescono a posizionarsi come cisti polmonari.
Microscopio nematode

XENTARI INSETTICIDA BIOLOGICO A BASE DI BACILLUS THURINGIENSIS VARIETA' AIZAWAI IN CONFEZIONE DA 500 GRAMMI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,41€


Come agiscono

Terreno parassiti Essendo vermi dotati di una cuticola molto spessa e pluristratificata, i nematodi hanno la possibilità di vivere in ambienti estremamente diversificati fra loro. Questo vuol dire che riescono a infestare le piante sfruttando condizioni particolari di terreno e clima, ma soprattutto che riescono a sopravvivere alle stesse, rendendo la loro eliminazione veramente un' impresa difficile. La loro azione si esplica in modo molto semplice, sono attirati da terreni definiti "stanchi", cioè quelli non sottoposti alla pratica della rotazione delle colture e impoveriti a livello di sostanze nutritive. Questi piccoli vermi, si annidano nelle radici delle piante, pungendo i loro tessuti e succhiandoli. In questo modo le piante non riescono ad avere una crescita corretta, e tendono a mostrare un aspetto avvizzito a livello fogliare.

  • afidi La rosa padroneggia nella maggior parte dei nostri giardini e terrazzi; i colori dei suoi fiori ci comunicano una sorta di poesia ed eleganza. Fiore per eccellenza, non è molto difficile da coltivare,...
  • Da generazioni, gli agricoltori praticano l’efficace procedura agronomica della rotazione delle colture seguendo uno schema di ordine regolare, predefinito e pianificato. Già menzionata dalla letterat...
  • basilico Il basilico è un piccolo arbusto annuale, che fa parte della grande famiglia delle Lamiacee a cui, tra le altre piante, appartiene anche la menta.In ogni caso, il basilico è una pianta aromatica che...
  • mirto bacche Il nome scientifico del mirto è “Myrtus communis L.” e appartiene alla famiglia delle Mirtacee. Il mirto è un arbusto sempreverde che presenta un aspetto particolarmente eretto e cespuglioso, che prov...

Vebi - Nufos 5 G 1Kg Insetticida del terreno - (Ex Clorpirifos 7,5 G)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,62€


Quali piante vengono colpite

Nematodi patate Le piante che vengono colpite da questi piccoli vermi lunghi fino a 6 cm sono quelle da orto. Patate, melanzane, pomodori subiscono l'infestazione quando la temperatura del terreno tende a salire nella stagione primaverile. Ciò accade spesso in piante coltivate in regime di monocoltura e in modo intensivo, condizioni che favoriscono quindi l'insorgere della parassitosi. Come già detto, i nematodi rendono la crescita delle piante estremamente difficoltosa, e anche la loro eradicazione non è una cosa semplice da ottenere. La migliore arma in questo caso è la prevenzione, con lo studio del terreno nel quale si andrà a porre a dimora la pianta. Vi sono anche piante soprannominate trappola che li attirano e li bloccano al loro interno, non sempre però efficaci. Ugualmente poco incisivi risultano essere altri metodi quali la sterilizzazione del terreno, infusi di vario tipo e funghi e batteri antagonisti dei vermi.


Nematodi: Come si combattono

Infestazione nematodi I nematodi sono duri da eliminare, ma non gradiscono nella maniera più assoluta i terreni ricchi di sostanze organiche e in particolare di azoto. È opportuno utilizzare fertilizzanti che ripristinino la componente organica del terreno, in questo modo infatti sarà più facile, per la flora batterica che si forma successivamente, bloccare e contenere lo sviluppo dei nematodi, normalmente veloce. Essenziale rimane comunque l'applicazione di un piano di rotazione delle colture, favorendo l'inserimento delle leguminose, che impediscono lo sviluppo dei parassiti. A tale pratica si può accompagnare anche la coltivazione di specie tossiche per i nematodi, quali il rafano, il tagete e la senape bianca, nematocidi naturali e privi di effetti collaterali. In alternativa vi sono dei nematocidi di sintesi, fertilizzanti specifici, che vanno applicati sul terreno prima del suo utilizzo.



COMMENTI SULL' ARTICOLO