Giardini interni

Caratteristiche dei giardini interni

Una delle maggiori differenze tra i classici giardini per esterni ed i giardini interni è rappresentata dalla presenza di mura perimetrali in grado, molto frequentemente, di bloccare, o anche solo limitare, lo sviluppo e la crescita delle piante a causa dei problemi riguardanti il clima e il soleggiamento. Per far fronte a tali problemi è necessario tenere in conto diversi aspetti: - superficie dell'ambiente; - clima; - tipo di esposizione; - livello di soleggiamento; - possibilità di sviluppo di piante completamente diverse tra loro; - caratteristiche del terreno; - stile di irrigazione; - eventuale inquinamento. In merito alla scelta delle piante da utilizzare è fondamentale, quindi, basarsi sulle condizioni climatiche, sul livello di soleggiamento possibile sulla superficie del futuro giardino e sugli eventuali fattori limitanti, come ad esempio l'inquinamento.
Tipico esempio di giardino interno

VERDELOOK Maisonette, Casetta in Metallo Box da Giardino a Una Falda, 194x121 Altezza 181 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 169,08€


Possibili piante adatte per giardini interni

Esempio di giardino interno realizzato con piante estive Per poter realizzare un'opera di questo genere è necessario, non solo scegliere la tipologia di pianta adatta alla zona, ma anche abbinare in maniera sistematica e coerente con i vegetali le varie strutture di arredamento, quali sedie, tavoli, panchine e divani. E' fondamentale riuscire ad unire le esigenze fisiche delle piante con gli obiettivi estetici che vogliamo conferire all'ambiente. Unire, quindi, bellezza, arte e relax in un unico spazio. Tra le numerose specie vegetali che possiamo utilizzare in tali ambienti, si devono nominare: - piante arboree, ma solo nel caso si abbiano grandi spazi a disposizione; - cespugli; - rampicanti, spesso consigliati per rivestire e coprire i muri o le palizzate; - piante sempreverdi, in modo tale da avere un giardino verde tutto l'anno; - piante fiorite, così da decorare l'ambiente in maniera naturale; - piante aromatiche, per donare un tocco profumato all'ambiente.

  • gazebo da esterno Il gazebo è una struttura che permette di coprire uno spazio esterno, solitamente utilizzato come zona pranzo ma potrebbe essere usata anche come area relax oppure, acquistando un gazebo pieghevole, c...
  • grigliati per giardino I grigliati e i frangivento seppur hanno una struttura sostanzialmente differente possono svolgere la medesima funzione, i primi permettono, attraverso delle piante rampicanti di chiudere uno spazio, ...
  • tettoia da giardino La tettoia indica sostanzialmente una copertura di un determinato spazio, che varia per dimensioni, infatti, essa può essere usata sia per offrire riparo all’ingresso di un portone ma può anche essere...
  • giardino italiano decorato Il giardino all’italiana è un giardino che nasce e si sviluppa in Italia, un esempio di giardino spesso presente anche in altri paesi che hanno deciso di importarlo perché affascinati dal suo stile. I...

TACKLIFE Avvolgitubo da Giardino 30 + 2m, Avvolgitubo a Parete Orientabile Ruotabile di 180 °, Getti dell'Acqua Regolabili Riavvolgimento Automatico con Sistema di Blocco - GHR2A

Prezzo: in offerta su Amazon a: 94,99€
(Risparmi 25€)


Piante arboree: l'acero

Acero Tra le numerose specie di piante a disposizione dei giardinieri per la realizzazione dei giardini interni spiccano senza ombra di dubbio le piante arboree, poiché particolarmente adatte alle creazioni di ambienti interni in spazi ristretti. Tra queste ricordiamo l'acero. Per quanto riguarda l'acero, questa è una pianta latifoglie e caducifoglie. Le dimensioni sono notevoli e maestosamente imponenti, infatti può raggiungere anche i 40 metri di altezza. Le foglie sono di grosse dimensioni, a forma palmata dotate di 5 lobi visibilmente distinguibili, mentre il margine è dentato. Il colore è il verde scuro. Le foglie formano una chioma tonda e folta. Produce fiori e frutti. Può crescere solo in zone non calde ed ombrose. Passando al terreno, questa pianta necessita di un ottimo terreno umido e ben drenato, ricco di humus, ma soprattutto mai acido.


Giardini interni: Piante arboree: il castagno e l'abete bianco

Abete bianco Tra le varie specie arboree non si possono non nominare il castagno e l'abete bianco. Parlando del castagno, è necessario dire che si tratta di una maestosa pianta latifoglie e caducifoglie, in grado di raggiungere anche i 30 metri. E', inoltre, tra le piante più longeve in circolazione. Le foglie, di forma lanceolata, creano una chioma tonda e folta. Produce sia fiori che frutti. Il terreno necessario deve essere abbastanza profondo per permettere il sufficiente sviluppo delle radici e a componente acida, mai calcarea. Per quanto riguarda l'abete bianco, si tratta sempre di un albero molto longevo e dalle dimensioni maestose, ma le foglie, in questo caso, non creano una chioma tondeggiante. Le foglie sono di colore verde scuro. Il terreno deve assolutamente essere ben drenato e ricco di sostanze nutritive. A differenza del castagno che si adatta alla maggior parte delle condizioni climatiche, l'abete bianco predilige umidità e climi freschi.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO