Stramonio

La pianta del Diavolo

Il nome botanico dello stramonio è Datura Stramonium; infatti appartiene al genere Datura, e alla famiglia delle Solanacee. A tale famiglia appartengono anche molte piante innocue, per così dire, come il pomodoro o la melanzana. Lo stramonio invece non è assolutamente commestibile, perchè al contrario è velenoso. Le sostanze che contiene, per lo più alcaloidi, possono avere effetti terapeutici, ma devono essere manipolate con molta cura da una persona esperta. Dosi eccessive possono risultare infatti mortali. Questo ha fatto sì che questa bella pianta, dai grandi fiori notturni di colore bianco, si sia guadagnata una fama sinistra: ma non sfigura affatto nei giardini o sui balconi. Inoltre, trovarla in Italia è molto semplice: per quanto sia originaria del Nord America, oggi cresce diffusamente in tutte le zone incolte della penisola.
Disegno botanico di Datura Stramonium

Semi per Prato Bottos Gramigna Kg 0,5

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,75€


Le caratteristiche dello stramonio

Fiore di stramonio Riconoscere lo stramonio in natura non è molto difficile, perchè ha delle caratteristiche assai identificabili. Si tratta di una pianta arbustiva, che però può raggiungere anche più di un metro di altezza. Le sue foglie sono coriacee e aguzze, spesso con i bordi seghettati; i fiori si formano da luglio a ottobre, e nascono spesso anche all'attaccatura di un ramo con l'altro. I fiori sono molto belli, per quanto però abbiano un profumo sgradevole, e la particolarità di aprirsi soltanto di notte. Si tratta di grandi campane bianche, a volte anche violacee, capaci di attirare le farfalle notturne. L'aspetto più identificativo dello stramonio sono i suoi frutti, che hanno l'aspetto di noci spinose. Infatti la pianta di stramonio è nota anche come melo spinoso, o noce velenosa; come si diceva però i suoi frutti non vanno assolutamente mangiati.

    Giapponese campanelle a vento vento campane in vetro fatto a mano regalo di compleanno regalo San Valentino Casa, Cucina, Spa, giardino, Finestra, dettagli interni Ciondolo Decor (crisantemo)

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,15€


    Lo stramonio in giardino

    Il frutto dello stramonio Se si volesse piantare lo stramonio in giardino, o metterlo in un vaso sul balcone, lo si può fare tranquillamente, perchè la sua coltura non richiede troppe attenzioni. Si tratta di una pianta sub tropicale, e quindi non ama molto le temperature troppo fredde. La maggiore accortezza che si deve avere sta nel posizionarla in un angolo riparato e soleggiato. Per quanto riguarda il terreno, sarebbe bene che fosse leggero e sabbioso, perchè lo stramonio teme molto i ristagni d'acqua, oltre che le gelate. Se infatti lo si mette in terra, in inverno dovrebbe essere espiantato e poi di nuovo messo a dimora la primavera successiva. Se si vive in un luogo soggetto a gelate dunque è meglio coltivarlo in vaso. Non necessita di eccessive innaffiature: basta bagnare il terreno ogni qual volta si secchi troppo. Il concime più indicato deve essere ricco di potassio e fosforo.


    Stramonio: Le proprietà dello stramonio

    Frutto e semi di stramonio Lo stramonio dunque è una pianta che va maneggiata con molta cura, perchè le sostanze contenute in ogni sua parte possono anche essere velenose, oltre ad avere virtù terapeutiche. Lo stramonio contiene degli alcaloidi, tra cui la scopolamina e la tropamina, che servono per calmare le crisi asmatiche. In passato le foglie dello stramonio venivano essiccate e fatte fumare da chi aveva problemi respiratori; ma poi si capì che questo creava dipendenza. Lo stramonio infatti può avere anche effetti allucinogeni, e in dosi eccessive condurre alla paralisi respiratoria. Non a caso, appartiene alla stessa famiglia della Mandragola, altra pianta che veniva associata ai riti delle streghe, e in passato era confuso con la belladonna. Se si tiene in giardino però non si corre alcun rischio: basta non ingerirne alcuna parte.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO