Ardisia - Ardisia crenata

L'Ardisia

L’ardisia è un arbusto sempreverde originario della Cina e dell’India Orientale. Nelle zone di origine assomiglia ad un vero e proprio albero con foglie di colore verde piuttosto che crescono in modo alternato sui rami; i fiori dell’ardisia sono caratterizzati da un leggero profumo, hanno una forma a stella e sono di colore bianco sfumato di rosso e crescono riuniti rendendosi simili ad una pannocchia. I frutti dell’ardisia sono delle bacche rotonde di un rosso vivo e lucente, essi durano da giugno all’autunno successivo. Grazie a queste bacche molto colorate, nel periodo natalizio, spesso viene acquistata in sostituzione alla stella di Natale. L’ardisia è una pianta di tipo ornamentale, d’appartamento, che cresce molto lentamente, in modo eretto e con fusto corto, in età adulta può raggiungere il metro di altezza.
ardisia crenata bacche

Balsamo del cavallo riscaldante extra forte, Gel da massaggio per riscaldamento Cura del corpo con extra forte Effetto, contiene Estratti in foglie di vite rossa, Ippocastano, Melisse, Camomilla, Luppolo, Valeriana, Millefoglie, Vischio e Finocchio "Vegetale" 500ml Barattolo con Pellicola in alluminio sigillata

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,91€


Varietà

ardisia pianta Esistono tantissime specie di ardisia, ma le principali sono: Ardisia Crispa o Crenata, l’Ardisia Humilis e l’Ardisia Solanacea. L’Ardisia Crispa è la specie più diffusa, è la varietà che si coltiva per giardini ed appartamenti. Ha avuto la sua origine in Cina e India. E’ il tipo di ardisia che si coltiva più frequentemente.Le foglie hanno forma a punta, contorni ondulati ed un colore verde piuttosto scuro. Ha fiori bianchi delicatamente profumati. La fioritura avviene alla fine della stagione primaverile inizio di quella estiva, i frutti raggiungono la maturazione nei mesi autunnali. L’Ardisia Humilis è simile alla Crispa ma di dimensioni minori e con fiori rosa, i frutti sono bacche rosse che, col passare del tempo, avvicinandosi alla maturazione, acquistano un colore tendente al nero. L’Ardisia Solanacea ha foglie verde chiaro, frutti lucidi e neri, fiori rosa-violetto.

  • Ficus elastica Sono davvero tante le piante da appartamento tra cui scegliere quelle più adatte allo spazio disponibile ed ai propri gusti. La prima cosa da fare è valutare l'ambiente nel quale la pianta verde andr...
  • Fiori di medinilla La medinilla è una pianta di tipo arbustivo che è stata importata nel nostro continente direttamente dalle Filippine. In natura gli esemplari più grandi possono raggiungere anche i due metri e mezzo d...
  • La diffenbachia compatta La scelta di acquistare delle piante per il nostro appartamento può aiutarci ad arredare con gusto e dare un tocco di verde alle nostre stanze. Prima di acquistare le nostre piante dobbiamo sapere qua...
  • erica carnea L’Erica è una pianta perenne sempreverde che ha origine nell’Europa occidentale e mediterranea ed in Africa, ha dei fiori molto belli che variano a seconda della specie, per questo spesso viene utiliz...

BSI - Concime biologico per ortensia/rododendro, 40 m

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,95€


Terreno

pianta ardisia crenata L’ardisia ha bisogno di un terreno fertile composto da torba e terriccio. Sarebbe opportuno aggiungere anche della sabbia in modo da favorire il drenaggio dell’acqua necessaria all’irrigazione. E' importante, infatti, che nel terreno non si formino ristagni d'acqua in quanto le radici potrebbero sviluppare facilmente dei marciumi.


Tecniche di coltivazione

ardisia crenata Le temperature ideali per l’ardisia sarebbero intorno ai 20°C nei periodi estivi e circa 15°C in quelli invernali, climi eccessivamente caldi o freddi provocherebbero la caduta di foglie e frutti. L’ardisia è una pianta che ama molto il caldo e la luce, in estate può essere posta all’esterno, stando attenti, durante i giorni con caldo torrido, a non esporla alla luce diretta del sole; in inverno sarebbe opportuno tenerla all’interno della casa lontano da caloriferi e, possibilmente, vicino ad una finestra dove possa entrare luce. L’ardisia comunque è una pianta che non teme il freddo, si può quindi procedere alla sua coltivazione in giardino tutto l’anno, avendo l’accortezza, nei periodi più freddi, di coprire le radici delle piante più esili con della paglia.


Moltiplicazione

La moltiplicazione dell’ardisia avviene per seme o per talea. La prima si effettua nella stagione primaverile, elemento necessario per far germogliare i semi è l’elevata temperatura che dovrà mantenersi costante a circa 24-25°C, mentre in inverno sarà opportuno abbassarla a 14-15°C, il terriccio dovrà essere ricco di sostanza organica e umido. State attenti a porre i semi dell’ardisia ad una minima profondità, circa 4-5 millimetri. Come abbiamo detto nei paragrafi precedenti, questa pianta ha una crescita parecchio lenta, quindi non preoccupatevi se dopo un anno le vostre piantine avranno raggiunto un’altezza di 2-3 cm. Per quanto riguarda la moltiplicazione per talea dell’ardisia, nel periodo tra maggio ed agosto, si prendono dei germogli lunghi circa 8-10 cm non dai rami principali, avendo cura anche di staccare anche un pezzo di corteccia, il taglio deve avvenire con un coltello e in maniera obliqua. Ora si tolgono le foglie che si trovano nella parte più in basso e si piantano le talee in un vaso di circa 7-8 cm di diametro, contenente del terriccio composto da torba e sabbia in egual misura, a questo punto si procedere con l’innaffiatura e la copertura delle talee con un sacchetto di plastica che permetterà alla temperatura di restare costante. Comunque è bene controllare ogni giorno o ogni due il grado di umidità del terriccio. Passati 2-3 mesi compariranno i primi germogli, togliere la plastica, lasciar passare un po’ di tempo affinché le piantine diventino più robusto, passato questo tempo rinvasare in un altro vaso più grande oppure nel terreno.


Concimazione ed Irrigazione

ardisia elliptica L’ardisia va concimata dalla primavera dalla fine dell’estate, si deve usare un concime liquido mescolato all’acqua usata per innaffiare, esso deve contenere i giusti elementi come: Azoto, Fosforo, Ferro, Magnesio, Rame, Manganese, Zinco, Boro, Molibdeno, necessari alla corretta crescita della pianta. Riguardo all’innaffiatura, durante le stagioni più calde, la pianta dell’ardisia va sempre bagnata in modo da tenere il terreno sempre umido, in quelle più fredde bagnare lo stesso la pianta ma stando attenti a procedere con una successiva innaffiatura quando l’acqua si sia asciugata del tutto, con questo giusto comportamento andrete a prevenire il pericolo di ristagni d’acqua.


Potatura

La potatura dell’ardisia si effettua nel mese di febbraio fino all'inizio della primavera, in particolar modo se la pianta manifesta segni di indebolimento oppure se i rami siano cresciuti in modo irregolare, dandole così un’impressione antiestetica; con una cesoietta si tagliano i rami dell’ardisia a circa 7 cm dalla base.


Malattie e Parassiti

fiori ardisia I maggiori nemici di questa pianta sono gli afidi e la cocciniglia farinosa, i primi attaccano germogli e foglie, la seconda crea sulle bacche delle macchie bianche con una consistenza simile al cotone, unico rimedio sono gli antiparassitari o dei preparati naturali a base di acqua e sapone di marsiglia da vaporizzare per poi sciacquare con cura. Altro rimedio contro gli afidi è un preparato a base di aglio, che va fatto bollire in acqua; dopo aver filtrato, si può vaporizzare sulle piante colpite dagli afidi.




COMMENTI SULL' ARTICOLO