Irrigazione rose

Irrigazione rose

Come tutti noi anche le piante hanno bisogno di acqua per vivere e svilupparsi al meglio; apportare acqua è un’operazione molto importante, ma deve essere fatta seguendo alcuni criteri fondamentali. In questo articolo vi parleremo e spiegheremo delle esigenze idriche delle rose, dei periodi in cui ci sarà bisogno di un’irrigazione più consistente ed altre cose molto importanti per avere sempre rose belle e rigogliose. Prima di procedere con l’irrigazione, ecco alcune cose che dobbiamo tener presenti: innanzitutto, come le altre piante ed anche gli esseri umani, le rose hanno maggior bisogno di acqua durante le stagioni calde o periodi siccitosi, infatti, come tutti sanno, il calore asciuga il terreno in tempi molto più rapidi del freddo. Anche durante le stagioni più piovose, le nostre rose avranno ugualmente bisogno di essere innaffiate, naturalmente in maniera meno abbondante in quanto l’acqua piovana contribuisce a fornire già una certa dose di acqua. E’ ben noto che irrigazioni troppo abbondanti possano provocare l’insorgere di malattie fungine, per evitare questo problema si potrà provvedere anche con un’operazione di pacciamatura, cioè una copertura della base della pianta con foglie, paglia ecc.; per evitare questo problema, non bisognerà bagnare né foglie né fiori, ma apportare acqua dalla base della pianta facendola arrivare fino alle radici.
irrigazione

C.K G7945 Lancia a doccia per sistemi di irrigazione

Prezzo: in offerta su Amazon a: 34,21€


Quando e quanto innaffiarle

Dopo la fase di trapianto e per tutto il primo anno le rose vanno innaffiate molto abbondantemente, dopo questo periodo l’apporto di acqua andrà leggermente diminuito. Una caratteristica delle rose è quella di sviluppare delle radici profonde e molto ramificate quindi, grazie a questo, nel periodo che va da marzo a settembre, potremo apportare loro acqua in maniera più rara ma sempre regolare; durante questi mesi in genere saremo anche aiutati dalle piogge che manterranno il terreno costantemente bagnato. Durante le stagioni più calde, primavera ed estate, le fasi del giorno migliori per innaffiare le rose saranno rispettivamente al mattino ed alla sera; in questi periodi con temperature molto elevate le rose andranno irrigate ogni settimana molto abbondantemente e ben in profondità. E’ bene ricordare che un mancato apporto sostanzioso di acqua durante i periodi più caldi causerà una mancata produzione di fiori da parte della pianta.

  • rose rosse Le rose, fiori per eccellenza, regine indiscusse di parchi, prati, giardini, bella, profumate e non difficilissime da coltivare, con i loro fiori decorano e colorano i giardini delle nostre case donan...
  • rosa ruggine La rosa è una delle piante maggiormente colpite da malattie più o meno gravi. In questo articolo vi parleremo delle più frequenti causate da funghi, parassiti, virus o comportamenti di manutenzione e ...
  • come potare una rosa La potatura è un’operazione molto importante per avere rose sane, belle e rigogliose; di rose ce ne sono di tanti tipi e portamenti e ognuna di loro necessita di una potatura precisa e specifica. Anch...
  • rose rampicanti Le rose rampicanti sono piante arbustive perenni originarie delle zone dell’emisfero boreale che producono bellissimi fiori e proprio per questo vengono perlopiù coltivate a scopo ornamentale sia in v...

Mkono 3pcs d' irrigazione irrigazione automatico vaso vasi in plastica PP Office Home Decor Flower pots -- rose Red, Purple, L

Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,4€


Regole fondamentali

Una delle regole fondamentali è quella di apportare acqua in modo regolare, affinché non ci siano sbalzi tra siccità e apporto eccessivo di acqua. Come abbiamo detto in precedenza, nel periodo estivo e in quello primaverile le innaffiature devono essere più abbondanti, attenzione però a non esagerare perché anche la rosa teme i ristagni idrici e un eccessivo apporto di acqua potrebbe favorire la comparsa di funghi come Botrytis e Peronosposa, provocando malattie come le muffe, indebolimento della pianta e la mancata apertura e sviluppo di germogli e boccioli. Cosa sarebbe la pianta della rosa senza i suoi meravigliosi e coloratissimi fiori?


Rose in vaso

Naturalmente anche per le rose coltivate in vaso l’acqua è un elemento fondamentale che deve essere fornito alla pianta in maniera regolare e nella giusta quantità; è appunto questa quantità che, a volte, può diventare anche un problema: sia troppa sia poca, in alcuni casi, porta all’ingiallimento delle foglie. E allora che fare?

Anche qui dobbiamo seguire delle regole semplici ma ben precise e necessarie. Innanzitutto non dovremo mai fare asciugare completamente il terreno, ma neanche bagnarlo troppo perché, come detto nei paragrafi precedenti, l’eccesso di acqua può provocare danni molto gravi. Riguardo alla quantità di acqua necessaria, durante il periodo estivo si potranno innaffiare le rose anche due volte al giorno, mentre negli altri periodi un po’ meno, in quello invernale pochissimo.

Oltre a considerare le stagioni in generale però, dovremo anche far riferimento alla zona climatica in cui ci troviamo e coltiviamo le nostre rose. Ad esempio, nel caso fossimo in una zona con clima continentale, caratterizzato da inverni abbastanza freddi con presenza costante di neve ed estati poco piovose, dovremmo innaffiare le rose circa ogni due-tre settimane solo per mantenere il terreno della giusta umidità, in inverno invece non sarà necessario apportare acqua. Nel caso di clima alpino invece, la rosa andrà innaffiata regolarmente ma sporadicamente, circa una volta al mese, in modo da mantenere il terreno umido. Per quanto riguarda un clima mediterraneo, tipico delle nostre zone, caratterizzato da inverni più o meno miti ed estati calde e asciutte, si dovrà mantenere il terreno sempre umido e innaffiare sempre in modo regolare ogni settimana o quindici giorni.


Conclusione

Quelle che vi abbiamo descritto sono alcune regole principali riguardanti le rose in generale, naturalmente siamo consapevoli che ogni specie e varietà di questa pianta abbia esigenze particolari e specifiche. In ogni caso osserviamo sempre le nostre piante, attraverso particolari sintomi esse ci manifestano stati di malessere e sofferenza.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO