Rosa iceberg rampicante

Irrorazione e annaffiamento della rosa iceberg rampicante

La meravigliosa pianta proviene dai continenti asiatico ed europeo e viene annoverata nell'ampio ed importante raggruppamento familiare delle Rosaceae. Questa peculiare varietà di rosa, che deve il nome alla tinta candida delle sue durevoli infiorescenze, viene diffusamente impiegata nell'abbellimento di ogni tipologia di spazio e parete del giardino. Non è infrequente, difatti, vederla ornare elegantemente finestre e balconi, o ricoprire recinzioni e gazebo di ville e caseggiati. La Rosa iceberg rampicante dovrà essere periodicamente e con costanza bagnata nella stagione primaverile ed estiva, pur senza esagerazioni, mentre nella restante parte dell'annualità le irrorazioni saranno eseguite con misura e moderazione, e soltanto qualora la terra di coltura si mostri asciugata o indurita.
Rosa iceberg

Clg. Iceberg®, rosa rampicante in vaso di Rose Barni®, pianta di rosa rampicante rifiorente a mazzi, altezza raggiunta fino a 5 metri, rifiorente con fiori color bianco puro, semidoppio, cod. 18035

Prezzo: in offerta su Amazon a: 32,9€


Coltivazione della rosa iceberg

Rosa rampicante giardino La Rosa iceberg rampicante troverà la sua perfetta sistemazione all'aria aperta, nondimeno sarà possibile coltivarla anche all'interno dell'abitazione, in un vaso di buone dimensioni. Pur non particolarmente esigente in fatto di terreno, preferirà una terra morbida e densa di sostanze organiche, nonché adeguatamente drenata anche attraverso l'aggiunta di materiali sabbiosi e limosi. Verso la fine della stagione fredda occorrerà sottoporre l'arbusto a vigorosa opera di potatura, consistente in buona sostanza nel modellarne le forme e le dimensioni nella maniera più appropriata o gradita. Bisognerà, inoltre, aver cura di rimuovere tutte le ramificazioni e le infiorescenze ormai vecchie ed avvizzite, al fine di aumentare la resistenza e la robustezza della pianta e prevenire la possibile insorgenza di patologie.

  • Specie di Viburnum Opulus I giardini non molto spaziosi in cui non è possibile disporre alberi da frutto o da fiore devono essere decorati con fiori piccoli, ma graziosi e profumati come pochi. Nel caso in cui i nostri gusti ...
  • rose rampicanti Come posso fare a calcolare l'età di una pianta di rosa rampicante?Grazie, Giuseppe ...
  • Caratteristiche rosa cocktail La rosa cocktail è un grande arbusto ed è spesso utilizzata come pianta rampicante. Non riesce a raggiungere altezze molto elevate, resta piuttosto bassina ma ordinata. La caratteristica principale di...

Rosa Bianca Iceberg [Vaso Ø15cm]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,6€


Fertilizzazione e concimazione della rosa

Rosa rampicante fiore In ordine all'assunzione dei necessari nutrienti, la pianta ornativa denoterà normali e non eccessive esigenze di essere concimata. La fertilizzazione andrà compiuta con misura e moderazione nel corso dell'intero anno e dovrà essere massimizzata esclusivamente in periodo primaverile. Di norma, sarà consigliabile conferire fertilizzante di natura solida, pellettato a cessione programmata e differita, che preferibilmente sia organico a prevalente composizione letamica. Il fertilizzante impiegato dovrà essere specifico per la Rosa iceberg rampicante, ovvero generico per rose, e prevedere la predominanza delle componenti azotate e soprattutto potassiche a discapito della residua macrocomponente fosforata, oltre al corredo dei dovuti e non meno importanti microelementi, tra i quali spicca per rilievo il magnesio.


Rosa iceberg rampicante: Esposizione e patologie

Rosa iceberg L'aggraziata pianta potrà essere posizionata in un habitat decisamente luminoso ed aerato, con diretta esposizione agli irraggiamenti del sole per diverse ore della giornata, tuttavia potrà adeguarsi anche ad ambienti parzialmente ombrosi. Forte e rustica, sarà in grado di tollerare anche condizioni termiche particolarmente fredde e rigide, sino a molti gradi sottozero. La Rosa iceberg rampicante, in conclusione, potrà essere interessata da diverse patologie crittogamiche, in genere addebitabili ad erronea collocazione oppure a sovrabbondanza di irrorazioni, nonché attaccata da insetti e parassiti, come la cicalina della rosa. È un minuscolo e nocivo insetto che si nutre della linfa presente nel fogliame e nei germogli e che andrà contrastato con specifici insetticidi naturali e biologici a base di piretro.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO