Sensore crepuscolare

Funzionamento del sensore crepuscolare

Il sensore crepuscolare è un dispositivo elettrico o elettromeccanico che, tramite un componente fotosensibile integrato, è in grado di percepire le variazioni di luminosità dell'ambiente circostante. Si tratta di una soluzione il più delle volte adottata negli spazi esterni, in particolare nei giardini e nelle strade, o ancora sulle insegne, anche se talvolta troviamo sensori crepuscolari nei pianerottoli a regolare l'illuminazione delle scale. La loro azione si può paragonare a quella di un interruttore, il cui compito è fornire tensione al circuito elettrico non appena la radiazione solare risulta insufficiente. Dunque, una volta installato ad esempio un sensore esterno nel nostro cortile, ecco che ogni giorno al crepuscolo potremo assistere ad una sorta di magia: come d'incanto, infatti, non appena il sole sarà calato all'orizzonte, vedremo le lampadine accendersi istantaneamente, per regalarci momenti magici e visioni suggestive, o anche solo per permetterci di controllare al meglio l'outdoor della nostra abitazione, senza ovviamente doverci preoccupare in prima persona di accendere le luci.
sensore crepuscolare

Steinel interruttore crepuscolare NightMatic 2000 - Sensore crepuscolare da esterno per l'illuminazione notturna - Illuminazione automatica notturna - Bianco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 33,7€


Sensore crepuscolare esterno

illuminazione esterni a led con sensori Sul mercato sono disponibili diversi modelli di sensori crepuscolari esterni, che si distinguono tra loro non solo per forme e dimensioni, ma anche secondo la potenza energetica. Rispetto a quest'ultima, in particolare, quelli più comuni hanno un voltaggio rispettivamente di 220 e 12 volt. La differenza di potenza spiega ovviamente anche la diversa destinazione dei due tipi di sistemi. Infatti, se i primi, alimentati a corrente, sono ideali per illuminare anche giardini di discrete dimensioni, i secondi, che funzionano a batteria, data la loro scarsa luminosità sono studiati invece per aree più ristrette. Di entrambi, comunque, esiste anche la versione programmabile, più costosa ma che permette all'utilizzatore finale di settare l'ora di spegnimento e dunque di aumentare ulteriormente il risparmio energetico.

    Osram Endura Flood Proiettore LED per Esterni con Sensore Crepuscolare e di Movimento, 3000 K 20 W, Bianco

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 39€
    (Risparmi 0,95€)


    Sensore crepuscolare ricaricabile

    lanterne solari da giardinoIl sensore crepuscolare ricaricabile rappresenta la tipologia più eco-friendly, dato che si ricarica semplicemente sfruttando l'energia solare immagazzinata durante le ore diurne, tramite un piccolo pannello fotovoltaico integrato. Dunque, si tratta di un meccanismo ad impatto zero, ma che nonostante ciò si rivela efficace a livello di prestazioni. I sensori crepuscolari ricaricabili sono incorporati su lampade a led, solitamente di basso consumo e che spesso arredano aree esterne nelle quali non arriva la corrente elettrica. Ma la soluzione del sensore crepuscolare ricaricabile non presenta solo vantaggi funzionali, economici ed ecologici. Infatti, sono molti i giardini che ospitano design particolari, creati attraverso sapienti posizionamenti delle lampade, o ancora giochi di luce, per i quali dobbiamo semplicemente ringraziare l'energia solare.


    Sensori crepuscolari: vantaggi e svantaggi

    giardino illuminato con sensore crepuscolare I sensori crepuscolari, come accennato, presentano svariati vantaggi, a cominciare da quello economico, dato che l'efficienza del meccanismo di funzionamento consente di evitare ogni spreco. Il risparmio economico, poi, va naturalmente di pari passo con quello energetico e dunque si può affermare che i sensori crepuscolari sono un'ottima soluzione per tutti coloro che desiderano ridurre l'impatto ambientale. Anche la comodità è infine un plus dei sensori crepuscolari: la loro capacità di regolare in modo del tutto automatico l'illuminazione, fa sì che non ci si debba più preoccupare di nulla, se non di controllare ogni tanto lo stato dei dispositivi. Passando invece agli svantaggi, i sensori crepuscolari non sembrano averne, anche se talvolta può accadere che si verifichino accensioni indesiderate, ad esempio nei giorni in cui le nuvole sono talmente fitte da ostacolare il filtraggio dei raggi solari.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO