Malus Floribunda

Domanda : Malus Floribunda

Buongiorno, ho una pianta di melo da fiore in giardino e volevo sapere se sono commestibili i frutti del Malus Floribunda?

grazie

















frutti di malus floribunda

Gre 30225 - Trattamento 10 Azioni 5kg, tavolette da 250g

Prezzo: in offerta su Amazon a: 40,55€


Risposta : Malus Floribunda

Carissima Nadia, iniziamo la risposta ringraziandoti per aver scelto giardinaggio.net e la sua rubrica “Domande e risposte” . Per noi è sempre un piacere rispondere alle domande dei nostri lettori.

Il Malus floribunda, conosciuto anche più comunemente come melo da fiore, è un arbusto di 4-8 metri di altezza, con foglie di medie dimensioni a forma ovale e di color verde brillante. Solitamente questi meli hanno una chioma densa e rotonda, che nel periodo che va da marzo a giugno, si riempiono di moltissimi fiori a stella che hanno cinque petali e sono riuniti in corimbi di colore rosso, bianco o rosa.

Il frutto, molto particolare, è una drupa delle dimensioni di una prugna e di colore arancio, giallo o rosso, che compare dopo la fioritura e resta molto a lungo attaccato ai rami. I frutti di questa varietà di melo non sono commestibili, hanno consistenza dura e legnosa e non hanno un sapore gradevole: sono spesso amari e cattivi. Tuttavia questi frutti non sono, per così dire, inutili, perché possono essere sfruttati per produrre dei liquori, del sidro, oppure per estrarre la pectina, addensante naturale utilizzato spesso per preparare le marmellate.

Per quanto riguarda il temperamento del Malus floribunda, possiamo affermare che è una specie che ama stare al sole, non teme il freddo e resiste anche quando le temperature vanno sotto lo zero. Specie rustica, non ha particolari necessità idriche (fiorisce in primavera, periodo già di per sé molto piovoso) né richiede terreni particolari, anche se preferisce terreni soffici, ben drenati ed un poco acidi.


Per Notebook inserimento per albero motore per frutta macinino 7 litri

Prezzo: in offerta su Amazon a: 34,49€




COMMENTI SULL' ARTICOLO