Alkekengi

L'annaffiatura giusta

L'alkekengi è una pianta perenne, questa resiste tutto l'anno se posizionata in zone calde, che non scendano sotto i 16°; in caso contrario sarà necessaria una risemina annua da effettuare tra la fine dell'inverno e l'inizio della primavera. Appartiene alla famiglia delle Solanacee e cresce spontanea nei sottoboschi da oriente ad occidente, pertanto si adatta bene in tutti i luoghi con buona percentuale d'umidità. Se coltivata in vaso o in aperta campagna, quindi con perenne esposizione al sole, esige innaffiature giornaliere non troppo abbondanti, perché teme le stagnazioni delle acque, che indurrebbero i rizomi a marciumi, specialmente nei mesi più caldi da giugno a metà settembre; mentre con l'arrivo delle prime precipitazioni e delle basse temperature è essenziale diminuire fino ad eliminare totalmente le innaffiature.
Piante alkekengi

Rare Physalis alkekengi semi rossi lanterna cinese ciliegia della vescica Medio frutta, pacchetto originale, 120 Semi, alchechengi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Come effettuare raccolto e pulizia

Fiore alkekengi Queste piante perenni hanno radici che si sviluppano in profondità nel terreno, tendono ad essere invasive, per cui si consiglia la manutenzione durante la crescita. Resistono tutto l'anno, fioriscono con piccoli boccioli bianchi nei periodi che vanno dalla seconda metà di giugno a fine agosto, questo dipende molto dalle temperature e dalle zone in cui dimorano. I piccoli fiori si trasformano in bacche di colore giallo-aranciato, e raggiungono maturazione nei seguenti mesi di settembre e ottobre, in cui sarà possibile effettuarne la raccolta. L'alkekengi non richiede particolari attenzioni di potatura, tranne che per l'eliminazione dei fusti e del fogliame secco subito dopo la fine dei periodi invernali, momento in cui avviene l'infoltimento delle foglie e si rigenerano i fusti che hanno superato i freddi.

  • foto gelso Il gelso, nome comune per morus, appartenente alla famiglia delle Moraceae comprende un piccolo genere di alberi decidui, molto affascinanti per il loro sviluppo, che nel corso degli anni diventano co...
  • gelso Il gelso è un albero da frutto secolare appartenente al genere Morus e alla famiglia delle Moraceae. E’ diffuso in Asia, Europa e Nordamerica, ma le sue origini si riferiscono alla Cina orientale e ce...
  • Gelso bianco Il Gelso appartiene al genere Morus, della famiglia delle Moracee e si divide in tre specie principali: Morus nigra, Morus alba e Morus rubra, rispettivamente conosciute come Gelso nero, bianco e ross...
  • Albero fico Il frutto degli alberi di fico è oggi utilizzatissimo in cucina, dalla preparazione di piatti sofisticati alle più semplici marmellate, anche fatte in casa. Al fine di garantire frutti sani, grandi, p...

Heirloom Physalis alkekengi Semi lanterna cinese Giallo ciliegia della vescica Big Frutta, pacchetto originale, 250 Semi, alchechengi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Tipo di concimazione

Frutti alkekengi La "solanacea", come tutte le altre piante appartenenti alla stessa famiglia, predilige un tipico terreno medio, con ph tendenzialmente neutro, anche se tollera bene suoli acidi e alcalini, l'essenziale è che il terreno sia ben drenato e molto ricco di sostanze nutrienti. Tra i primi accorgimenti per l'impianto o per la semina della pianta,è importante sistemare il fondo con letame maturo, ovviamente questa procedura è valida sia nel caso di coltivazione in vaso, sia in profondità della buca per trapianto. L'alkekengi ha inoltre bisogno di interventi di concimazione liquida a base d'azoto per aumentare e rafforzare la crescita del fusto e delle foglie; e di potassio per arricchire e migliorare la produzione di fiori e di conseguenza procurare frutti più ricchi e gustosi. Questa operazione va effettuata nei periodi estivi (ogni 15 giorni).


Alkekengi: Come combattere i marciumi e i parassiti

Bacche alkekengi L'alkekengi è un tipo di pianta che incorre spesso in marciumi delle radici a causa degli habitat umidi in cui cresce, o anche nel caso in cui si esageri con le innaffiature. In questi casi ci si accorge del troppo apporto d'acqua, tramite l'ingiallimento fogliare, pertanto si potrà intervenire per tempo diminuendo le irrigazioni e arricchendo la terra con prodotti antimarciumi sistemici, a base di fosetil alluminio o propamocarb. In alternativa, per colture biologiche si può ricorrere a prodotti organici che arricchiscono il terreno attraverso microflora, questo tende a sviluppare e fortificare velocemente l'apparato radicale. La pianta è soggetta ad attacchi di Aleurodide, conosciuta anche col nome di "mosca bianca", il parassita si nutre dalle foglie provocando macchie bianche e ingiallimenti, è possibile combatterlo con i piteroidi, insetticidi da contatto o ingestione.


  • alkekengi L'alkekengi è una pianta originaria dell'Asia, ma è possibile vederla crescere spontaneamente nel nostro Paese dal Centr
    visita : alkekengi

COMMENTI SULL' ARTICOLO