Ciliegio

Consigli per una corretta irrigazione

L'albero di Ciliegio non ha grandi esigenze idriche e richiede poche e piccole attenzioni nell'irrigazione. In generale, gli esemplari più maturi sono piuttosto autosufficienti e le innaffiature si possono intensificare nei periodi di siccità e di fruttazione, situazioni che aumentano il fabbisogno idrico della pianta. I ciliegi più giovani, invece, devo essere irrigati con maggiore frequenza, anche quotidianamente nei periodi estivi, visto che l'apparato radicolare è ancora immaturo e superficiale e rischia di seccarsi con più facilità. Il Ciliegio teme molto i ristagni idrici: per questo motivo è preferibile non eccedere nelle innaffiature ed evitare che il terreno sia costantemente umido. Per le coltivazioni intensive si può ricorrere a sistemi di irrigazione a goccia che, erogando una dose costante e continua di acqua, rendono l'operazione automatizzata.
Sistema irrigazione colture Ciliegio

Pianta vera da frutto ALBERO DI CILIEGIO NERA 'VERA' h 150 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11€


Principali pratiche colturali

Albero Ciliegio fiore Il Ciliegio cresce bene in diverse tipologie di terreno, purché siano ben drenate, perché teme eccessi di umidità. Prima dell'impianto è importante valutare che abbia una buona esposizione solare. Tollera bene ampie escursioni di temperatura, anche se i fiori, che spuntano tra marzo e aprile, risentono delle gelate notturne. La messa a dimora del Ciliegio andrebbe praticata nelle stagioni autunnali e invernali, in una buca preferibilmente cosparsa di letame o compost. L'innaffiatura inizialmente deve essere abbondante e si consiglia di inserire un sostegno per la crescita dell'arbusto. Se si piantano più esemplari, bisogna distanziarli di almeno cinque metri l'uno dall'altro, per garantire una buona crescita della chioma. Annualmente si consiglia la potatura dell'albero, per eliminare i rami secchi o danneggiati, ordinare le fronde e favorire la ripresa vegetativa.

  • Ghiandola nettarifera del Prunus avium Il Prunus avium è un albero caducifoglio assai longevo, può sopravvivere fino a 100 anni, e può raggiungere altezze fino ai 35 metri. Il ciliegio presenta un tronco dritto con una corona fogliosa pira...
  • Ciliegie Il ciliegio è una pianta che appartiene alla famiglia delle Rosaceae che ha origine in Europa. Le ciliegie possono essere prodotte da due specie diverse di piante, quelle dolci prodotte dal Prunus avi...
  • Ciliegio selvatico L'albero fruttifero proviene pressoché esclusivamente dal vecchio continente, ove si eccettuino talune aree asiatiche, ed è annoverata nel vasto e importante raggruppamento familiare delle Rosaceae. M...
  • Pianta visciole Accanto alle dolcissime ciliegie ed ai duroni, frutti della varietà Prunus avium, ci sono altre tipologie di ciliegie identificate come acide, quelle della specie Prunus cerasus, detto appunto ciliegi...

ROSMARINO Trucioli di Legno di Ciliegio - Chippati da Affumicatura di Ciliegio 500 g - Legno Affumicatura per Palla di Grill e Barbecue con Gratuito BBQ Ricette Ebook

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,95€


Come e quando fertilizzare il ciliegio

Concime organico Il Ciliegio, come gli altri alberi da frutto, ha delle esigenze di nutrienti che variano a seconda delle fasi stagionali. Sicuramente, infatti, le richieste della pianta sono molto diverse a seconda che si tratti del periodo di fruttazione estivo o della quiescenza vegetativa invernale. In generale, quando si pianta un Ciliegio, è importante distribuire del concime organico, come compost o letame maturo, sul fondo della buca. Questa operazione andrebbe ripetuta annualmente, interrando del concime alla base dell'albero, preferibilmente in inverno. Per sostenere la vegetazione e la produzione di frutti, invece, che riprende a marzo-aprile, è importante somministrare fertilizzanti a base di macroelementi, cioè contenenti fosforo, potassio e azoto. Questo tipo di concimi si miscela direttamente con l'acqua di irrigazione e il suo utilizzo può essere sospeso in autunno e inverno.


Ciliegio: Malattie e possibili rimedi

Afidi infestano Ciliegio Le condizioni atmosferiche possono determinare un danno soprattutto ai frutti del Ciliegio. Ad esempio, quando si verificano abbondanti precipitazioni,le ciliegie possono spaccarsi superficialmente; in questi casi un telone di protezione può salvare il raccolto. Anche gli uccelli possono danneggiare i frutti: in questo caso è utile il ricorso a dispositivi acustici di disturbo, che allontanano i volatili. Tra i parassiti che attaccano l'albero vi sono gli afidi, dei piccoli insetti infestanti che si nutrono della linfa della pianta e provocano l'appassimento e la conseguente morte delle fronde più giovani e immature. In questi casi è opportuno distribuire un antiparassitario specifico su tutta la chioma. La mosca delle ciliegie, invece, depone le sue larve sui frutti; queste riescono a perforare la superficie esterna delle ciliegie e a nutrirsi della polpa. In questi casi, è opportuno disporre vicino al Ciliegio, prima e durante la fruttazione, delle trappole contenenti un veleno specifico per questi insetti.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO