Litchi

Come irrigare il litchi

Qualora si presentino periodi privi di piogge, il Litchi necessita di irrigazioni regolari ed abbondanti; in giardino un ottimo sistema quello per aspersione, detto anche a goccia, il quale prevede appositi meccanismi da collocare ai piedi dell'albero. Grazie a questa tecnica, possibile indirizzare sottili getti d'acqua direttamente alle radici, evitando di bagnare il fogliame, i fiori ed i frutti. Naturalmente durante la stagione invernale, ed in particolare se le precipitazioni sono frequenti, fondamentale limitare le annaffiature: si rischierebbe, altrimenti, di sottoporre la pianta ad uno stress eccessivo, provocando ristagni idrici e, di conseguenza, marciumi all'apparato radicale e varie malattie fungine. Il clima e le piogge sono dunque fattori essenziali in base ai quali va somministrata l'acqua.
Albero litchi

Pianta di ciliegie Albero ciliegio Amarena

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,71€


Coltivazione e cura del litchi

Frutti lLitchi Questa pianta capace di adattarsi a numerosi tipi di terreno; quello ideale, tuttavia, si presenta sciolto e ben drenato. Naturalmente, come operazione preliminare all'impianto, il suolo deve essere lavorato in maniera accurata, ed indispensabile eliminare tutte le erbe infestanti che potrebbero ostacolare il corretto sviluppo dell'albero. In pi, una pacciamatura periodica opportuna per rendere il terreno pi fertile ed aerato e per scongiurare la comparsa di altre erbacce. Alla moltiplicazione tramite semina, inoltre, bisogna preferire quella per talea; nel primo caso, infatti, il processo risulterebbe lento e faticoso, mentre nel secondo garantita una crescita ottimale e rapida. La potatura necessaria per rimuovere i rami disseccati, quelli malati e quelli rovinati dai parassiti.

  • foto gelso Il gelso, nome comune per morus, appartenente alla famiglia delle Moraceae comprende un piccolo genere di alberi decidui, molto affascinanti per il loro sviluppo, che nel corso degli anni diventano co...
  • gelso Il gelso un albero da frutto secolare appartenente al genere Morus e alla famiglia delle Moraceae. E diffuso in Asia, Europa e Nordamerica, ma le sue origini si riferiscono alla Cina orientale e ce...
  • Gelso bianco Il Gelso appartiene al genere Morus, della famiglia delle Moracee e si divide in tre specie principali: Morus nigra, Morus alba e Morus rubra, rispettivamente conosciute come Gelso nero, bianco e ross...
  • Albero fico Il frutto degli alberi di fico oggi utilizzatissimo in cucina, dalla preparazione di piatti sofisticati alle pi semplici marmellate, anche fatte in casa. Al fine di garantire frutti sani, grandi, p...

1 PIANTA DI KAKI CACHI MELA ALBERO DA FRUTTO POLPA SODA

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,9€


Come concimare la pianta

Lici concimato La fertilizzazione deve essere praticata una volta all'anno, in primavera o in autunno; si consiglia di adoperare un prodotto ternario, in grado di fornire alla pianta le sostanze necessarie per lo sviluppo. I tre macroelementi essenziali che il concime deve includere sono il fosforo, il potassio e l'azoto, ma sono ugualmente importanti elementi da fornire in misura minore, come il magnesio, il ferro, il rame ed il molibdeno. Il fosforo indispensabile per il metabolismo dell'albero e per il processo di radicazione, il potassio offre un notevole supporto all'assorbimento dell'acqua e degli zuccheri, mentre l'azoto aiuta la crescita dei tessuti e garantisce un'adeguata presenza di clorofilla. Questi tre elementi non devono mai mancare, in quanto altrimenti la pianta andrebbe incontro ad una generale debolezza.


Litchi: Esposizione, parassiti e malattie

Pianta ciliegia cinese Per l'esposizione del Litchi si suggerisce un ambiente soleggiato e luminoso; importante, inoltre, che gli alberi pi giovani siano collocati al riparo dai venti troppo intensi. Un nemico, per questa pianta, rappresentato dagli afidi, i quali rovinano le foglie, i germogli ed i rami, perforandoli per succhiare la linfa; tra l'altro, questi insetti fitomizi costituiscono un frequente veicolo di numerose infezioni. Tra le soluzioni naturali bisogna annoverare il macerato d'ortica, facile da preparare o da reperire. Una malattia fungina piuttosto diffusa l'oidio, che si manifesta con una muffa biancastra, motivo per cui chiamato anche albugine o mal bianco; i rimedi raccomandati sono i prodotti anticrittogamici a base di zolfo, da somministrare due o tre volte in un mese per una maggiore efficacia.



COMMENTI SULL' ARTICOLO