uva apirene

Caratteristiche

L'uva apirene si caratterizza per essere un'uva da tavola che, nella maggior parte dei casi, presenta una colorazione bianca: si tratta, senza ombra di dubbio, della qualità maggiormente venduta sul mercato ed è anche notevolmente coltivata all'interno della parte meridionale della penisola italiana.

Con il termine di uva apirene si fa riferimento ad una particolare caratteristica dell'uva: in poche parole, si tratta di una tipologia di uva che non va a produrre alcun seme.

Si tratta indubbiamente di un fenomeno piuttosto particolare, ma interamente naturale, senza che vi siano interventi artificiali: per una volta, quindi, i comportamenti e le attività dell'uomo non sono la causa di questa particolare caratteristica dell'uva apirene.

In poche parole, questa particolare tipologia di uva deve fare i conti con l'apirenia: stiamo facendo riferimento ad un fenomeno di natura fisiologica insito nella vite che, in diverse varietà, come ad esempio l'uva sultanina, presenta la particolarità di non produrre alcun seme.

Nel momento in cui, però, ad essere oggetto di apirenia sono altre varietà che, nella maggior parte dei casi, crescono con una buona quantità di semi senza problemi, allora probabilmente è meglio cercare di capire le motivazioni di tale fenomeno.

uva apirene

BRICCHETTI COMBUSTIBILI DI VINACCIOLO A LUNGA DURATA IN SCATOLA DA 15 KG

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,5€


Acinellatura

uva <em>apirene</em> 2Un discorso a parte si può per quanto riguarda il termine dell'acinellatura: anche in questo caso, si tratta di un fenomeno che va a colpire la pianta della vite e può verificarsi sia in precedenza che successivamente al fenomeno dell'apirenia.

L'acinellatura si tratta di un fenomeno che compare nel momento in cui la vite non riesce più a crescere, per via della presenza di un eccessivo quantitativo di zuccheri o di acidi, mentre i semi e le bacche presentano la particolarità di avere delle dimensioni piuttosto limitate.

Tutti e due i fenomeno vengono a formazione in seguito all'allegagione.

Più di una volta, infatti, sul medesimo grappolo esiste una tendenza alla formazione di un gran numero di bacche che si sono sviluppate e tante altre che, al contrario, non hanno raggiunto il pieno sviluppo.


  • tintura madre uva ursina L'uva ursina si caratterizza per essere una pianta particolarmente importante in campo erboristico, per via delle sue notevoli virtù curative, dal momento che viene utilizzata con discreta frequenza i...
  • vite La vite si può considerare come una di quelle piante che vengono coltivate da diversi secoli: infatti, le testimonianze ci riportano addirittura fino ai tempi del Neolitico, senza dimenticare come anc...
  • uva americana L'uva americana è una delle uve più famose in tutte il mondo e si caratterizza per essere chiamata anche con il nome di “uva fragola”. Proprio l'uva americana è una delle viti che hanno una storia le ...
  • uva fragola L'uva fragola si caratterizza per essere una delle varietà più diffuse della pianta di vite. Tra le sue principali caratteristiche troviamo sicuramente il fatto di provenire dal Nord America e, inoltr...

Il Kit Piante da Cocktail di Plant Theatre - 6 variet&#224; da coltivare - Un fantastico regalo per gli amanti del giardinaggio che non disdegnano di farsi un bicchierino.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


L'uva apirena

L'uva apirena, nel corso degli ultimi anni, sta diventando una varietà sempre più diffusa e ricercata, affermandosi come una moda un po' particolari e, per certi versi, utilizzata come un vero e proprio pretesto: stiamo parlando proprio del fatto che tanti consumatori risultano quasi infastiditi dal notare dei semi all'interno dei chicchi di uva.

Ecco spiegato il motivo per cui questa particolare tipologia di uva ha trovato un commercio davvero molto fertile, mentre nei tempi passati rappresentava più che altro un problema per tutti i coltivatori, dal momento che dovevano fare a meno di nuovi semi e, per tale ragione, rinunciare alla moltiplicazione in proprio delle viti.

Al giorno d'oggi quest'ultimo problema sembra essere assolutamente scomparso, dal momento che sono estremamente numerose le sperimentazioni che sono state organizzate in modo tale da garantire l'apirenia , senza però modificare il gusto che caratterizza l'uva.

Vengono sfruttati piuttosto frequentemente anche diversi incroci naturali, in modo tale da provare a ricavare questa proprietà anche in tante altre varietà di uva da tavola, nonostante un gran numero di coltivatori stia cercando di proteggere la produzione di uve con i semi.

Tra le regioni che si sono maggiormente adoperate per lo sviluppo di uve da tavola senza semi, troviamo senza ombra di dubbio la Puglia.


uva apirene: Le Sperimentazioni

Come abbiamo già avuto modo di sottolineare, la Puglia è senza ombra di dubbio una delle regioni maggiormente attive per quanto riguarda le sperimentazioni per ottenere delle altre varietà di uva da tavola senza semi.

Proprio in Puglia, di recente, è stata ricavata una varietà che prende il nome di Apulia Rose Seedless, senza dover sfruttare la genetica, ma provvedendo ad effettuare degli incroci in modo naturale tra differenti varietà.

L'azienda che produce questa particolare varietà può fregiarsi del fatto di aver realizzato la prima varietà di uva pugliese che è in grado di adattarsi senza particolari problemi al clima mediterraneo: è importante mettere in evidenza il fatto che i sistemi di allevamento tradizionali della regione sia quelli a tendone.

L'uva si caratterizza per giungere a completa maturazione piuttosto tardivamente e anche per produrre dei medie dimensioni, con dei chicchi che hanno un'ottima colorazione rossa.

Proprio nella regione pugliese è partita anche la sperimentazione per quanto riguarda un sistema di allevamento a Y, che ha lo scopo di prendere il posto del sistema a tendone che è stato utilizzato fino ad ora.

Quest'ultimo sistema innovativo che sta per essere implementato dovrebbe essere in grado di garantire una copertura del vigneto decisamente più efficace nei confronti sopratutto di agenti atmosferici pericolosi come la grandine.

Senza ombra di dubbio, il sistema di allevamento a Y risulta essere quello ideale per poter combattere in modo efficace il problema climatico rappresentato dalla grandine, che frequentemente si abbatte sulle coltivazioni della vite, apportando un gran numero di danni.



COMMENTI SULL' ARTICOLO