Uva francese

Uva francese

Quando si parla di uva francese, non si può certamente rimanere impassibili di fronte a delle uve che hanno scritto la storia: senza ombra di dubbio, si possono considerare tra le uve maggiormente popolari ed anche tra le più nobili, al fianco di quelle che provengono dalla penisola italiana.

In confronto a tutte le uve che provengono dalla nostra terra, le uve transalpine si caratterizzano per essere decisamente più popolari in tutto il pianeta, mentre per le uve italiane, pare che solamente la California sia ben disposta.

Un grandissimo successo quello delle uve francesi, che si deve senza ombra di dubbio ad un livello qualitativo vicino all’eccellenza, ma non solo. Infatti, dietro ai grandi numeri che da sempre contraddistinguono il mercato vinicolo transalpino, si può riscontrare una completa ed efficace attività di marketing pubblicitario, che è partita addirittura dai primi anni del Settecento.

uva francese

UVA FRANCESE NERA 1 PIANTA MATURA A SETTEMBRE

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,9€


Storia

uve francesiL’occasione per i francesi di pubblicizzare le loro uve capitò proprio nel momento in cui compresero quanto fosse fondamentale il commercio di vino con i loro vicini britannici, che hanno sicuramente ben poco da imparare quando si tratta di scambi commerciali.

Infatti, furono proprio gli inglesi i più importanti importatori di vino fino al momento in cui sbarcarono sul commercio internazionale gli Stati Uniti, l’attuale potenza mondiale anche sotto questo punto di vista.

Ad ogni modo, il commercio vinicolo conobbe un binario, quello tra Francia ed Inghilterra, che si protrasse per diversi anni e che aumentò a dismisura, anche favorito dal fatto che, a quei tempi, i trasporti non erano così efficaci e pratici come al giorno d’oggi e, per tale ragione, la qualità e dei vini e la grande vicinanza territoriale tra le due nazione era un aspetto decisivo nello scambio commerciale.

Inoltre, i britannici avevano a disposizione, per diversi anni, le terre del Bordolese, che diventarono la principale fonte per approvvigionarsi, al punto tale che per i vini di tale regione si sfrutta spesso la denominazione di Claret, di derivazione inglese.


  • tintura madre uva ursina L'uva ursina si caratterizza per essere una pianta particolarmente importante in campo erboristico, per via delle sue notevoli virtù curative, dal momento che viene utilizzata con discreta frequenza i...
  • uva americana L'uva americana è una delle uve più famose in tutte il mondo e si caratterizza per essere chiamata anche con il nome di “uva fragola”. Proprio l'uva americana è una delle viti che hanno una storia le ...
  • uva fragola L'uva fragola si caratterizza per essere una delle varietà più diffuse della pianta di vite. Tra le sue principali caratteristiche troviamo sicuramente il fatto di provenire dal Nord America e, inoltr...
  • uva ursina L'uva ursina, il cui nome scientifico è Arcostaphylus uva ursi, è conosciuta anche con altri nomi, come ad esempio quello di uva orsina, uva selvaggia o uva dell'orso. Ad ogni modo, in qualsiasi manie...

Outdoorchef 18.221.38 Accessori per barbecue - Copertina per Linea City E 480

Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,9€


Innovazioni nella vinificazione

Oltre a tutto ciò che abbiamo appena avuto modo di sottolineare, dobbiamo anche mettere in evidenza come i viticoltori francesi ebbero il pregio di aver portato a galla diverse innovazioni, che ebbero il merito di rendere le proprie uve, e di conseguenza anche i vini, popolari ed apprezzati praticamente su tutto il pianeta, con un margine temporale di almeno qualche secolo in confronto a tutte le altre nazioni.

Quando parliamo delle innovazioni che sono state messe a punto dai viticoltori francesi facciamo riferimento indubbiamente al marketing ed alla Champagne, la vera ragione del grandissimo successo dell’enologia made in France.

I più importanti produttori della regione Champagne, infatti, ebbero il grande merito di comprendere per primi come il marchio e la pubblicità fossero due elementi inscindibili con la vendita di vino, già nel corso dei primi anni dell’Ottocento. Fu così che alcune potenti aziende cominciano a sponsorizzare lo sport ippico e poi quello delle quattro ruote, cominciando ad avanzare richieste e proposte come fornitori ufficiali di svariati casati reali europei, ma anche di alcune famiglie reali che si trovavano dall’altra parte dell’oceano.

La Francia ebbe anche il merito di aver subito provveduto a disciplinare la novità dal punto di vista normativo, emanando delle legislazioni di qualità dei vini, di cui la prima venne rilasciata sotto la guida di Napoleone III nel 1855, mentre la prima denominazione in assoluto risale proprio al 1907 con la Champagne.

Furono proprio queste le ragioni di un autentico boom per i viticoltori francesi e per le uve d’Oltralpe, garantendosi il primato mondiale fino a quando anche nella nostra penisola non è cambiato qualcosa, in particolar modo nel corso dell’ultimo ventennio, in cui l’Italia sta cercando di riprendersi lo scettro del panorama enologico internazionale.


Diffusione

Sono davvero estremamente numerose le uve francesi che vengono impiegate ormai in tutto il mondo per la produzione di ogni sorta di vino. Si tratta, in definitiva, di uve che si possono trovare praticamente in tutte le zone vinicole, a partire dalla sponda meridionale dell’America fino alla California, senza ovviamente dimenticare anche il Sudafrica e la nostra penisola.

In realtà, però, è un altro continente quello in cui tali uve sono estremamente popolari e coltivate: stiamo parlando, nello specifico, dell’Australia e della Nuova Zelanda, in cui vengono messe in risalto anche e soprattutto le conoscenze transalpine in tema enologico.

Sia l’Australia che la Nuova Zelanda, infatti, si possono considerare come due nazioni di una certa importanza per quanto riguarda la produzione di uve francesi, ma al tempo stesso sono tra i più celebri importatori di enologici e botanici transalpini, che stanno mettendo a disposizione tutte le loro conoscenze e la loro esperienza per garantire una migliore coltivazione delle uve in Australia.

Ebbene, già da qualche tempo i risultati di queste scelte stanno cominciando ad essere particolarmente positivi e, proprio per tale ragione, il continente australiano sta iniziando ad emergere ed a mettersi in risalto all’interno dell’enologia internazionale.




COMMENTI SULL' ARTICOLO