Impiego concime organico

Fabbisogno nutrizionale

La concimazione in agricoltura non è un fatto naturale come per le piante selvatiche che vivono di ciò che ricevono dall'acqua, dall'aria e dal terreno, cioè sali nutritivi e sostanze organiche derivanti dalla decomposizione di piante e animali morti. Le aree coltivate, al contrario necessitano di concimazioni, perché con la raccolta dei frutti l'uomo le priva degli alimentari naturali. Secondo la teoria dello scienziato chimico Liebig, sostenuta dall'industria chimica che produce i fertilizzanti per l'agricoltura, le sostanze nutritive di cui la pianta ha bisogno sono fondamentalmente tre minerali, l'azoto (N), il fosforo (P) e il potassio (K). Ne consegue che per una crescita ottimale delle piante e delle coltivazioni in genere è sufficiente introdurre nel terreno, con regolarità ed abbondanza, composti chimici appositamente studiati che contengono i minerali necessari.
Principali nutrienti terreno

BIOSTALLATICO concime organico naturale da kg 4,5

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,45€


L'eccesso nella concimazione

Concimazione azoto liquido La teoria che sostiene i concimi minerali non è completamente corretta ed i risultati lo confermano ampiamente, l'abbondanza di concime minerale non equivale sempre ad abbondanza di raccolto, risulta invece il contrario, in quanto un eccesso di alcuni sali minerali è controproducente, indebolendo notevolmente la pianta. Si può prendere in considerazione uno dei principali minerali di cui si serve la pianta, cioè l'azoto, che è utile per la formazione di clorofilla, tanto che in sua mancanza le foglie tendono a diventare gialle e rosse e le piante si indeboliscono. Se l'apporto chimico di azoto è però eccessivo le piante tendono ad assorbire troppa acqua, si indeboliscono diventando bersaglio di malattie e parassiti, con l'obbligatorio ricorso a trattamenti anticrittogamici e antiparassitari, inoltre i fiori e i frutti sono ostacolati nella loro crescita.

  • concimebiologico1 Le piante, per svolgere molte funzioni vegetative e per crescere, hanno bisogno di assorbire le sostanze nutritive del terreno. Quando questo assorbimento non è possibile, per via delle condizioni chi...
  • fertilizzantibiologici I fertilizzanti biologici sono degli elementi molto usati nella concimazione delle piante. Il loro utilizzo è antico, anche se oggi si tende a usarli per un ritrovata voglia di ritorno alla natura e a...
  • concimebio Il termine concime “bio” o biologico si riferisce a concimi prodotti senza utilizzo di sostanze o di procedimenti chimici. Il consumo di concimi bio è aumentato negli ultimi anni in corrispondenza al...
  • Humus lombrico L'humus di lombrico è una sostanza concimante ottenuta dalla digestione dei lombrichi, che trasformano le sostanze ingerite in un compost ricco di nutrienti. Si tratta di un compost adatto a tutte le ...

Concime Fertilizzante per Prato Bottos Bio Start 12-20-15- 2 Kg

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,9€


Arricchimento del terreno con concime organico

Maturazione letame Un ottimo sostituto della concimazione chimica a base di azoto è il concime organico a base di guano o di letame, che sviluppano humus. Nel caso di terreni troppo concimati di azoto si può intervenire con materiale organico povero di questo minerale, come paglia o segatura che si decompongono sottraendo l'azoto in eccesso nel terreno. Il fosforo è il minerale che stimola la formazione dei fiori e quindi dei frutti, ma una concimazione chimica eccessiva provoca un rallentamento della crescita delle piante perché alcuni oligo elementi indispensabili non vengono assimilati convenientemente. Si deve anche considerare l'inquinamento delle acque reflue per l'eccesso di fosforo non consumato dalle coltivazioni. Un terreno ricco di humus e con un'intensa vita microbiologica organica non è mai carente di fosforo.


Impiego concime organico: Principali vantaggi

Humus lombrichi La concimazione chimica ha il vantaggio di fornire sali minerali solubili al terreno, che la pianta può assorbire con estrema facilità e crescere rapidamente, ma a discapito della sua resistenza. La rapida crescita della sua massa incide infatti notevolmente sulla sua capacità di opporsi a malattie e parassiti, che devono essere contrastati artificialmente con l'uso di specifici trattamenti chimici. Un concime organico, come il compost, il letame o l'humus derivato dai lombrichi rende più lenta l'assimilazione degli elementi, che risultano legati ad altre sostanze, ma la crescita è naturale e più omogenea. La pianta assorbe l'indispensabile, l'eccesso non la disturba e non inquina l'ambiente, irrobustisce la sua struttura in modo equilibrato ed il terreno, che si arricchisce di microrganismi che lo rendono vivo, non è solo un semplice piano di supporto della pianta.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO