Terreno calcareo

Terreno calcareo

Il terreno calcareo è quello in cui è presente una alta concentrazione di calcare; la presenza di questa molecola causa l'innalzarsi del ph del terreno, e quindi i terreni calcarei risultano alcalini. La gran parte delle piante vegeta in modo ideale in terreni a ph neutro, intorno a 7, mentre il terreno calcareo presenta una reazione di ph superiore a questo numero. Alcune piante, dette acidofile, prediligono terreni a ph acido, e non sopravvivono a lungo in terreni con ph elevato, superiore a 5.5/6. Il ph di un terreno modifica la disponibilità per le piante di alcuni sali minerali; il molibdeno risulta molto disponibili in terreni calcarei, con ph alto, mentre ferro, zinco, boro e manganese risultano difficilmente disponibili per le radici delle piante. Inoltre i terreni calcarei presentono scarse quantità di potassio, o in alcuni casi questo elemento risulta non facilmente assorbibile dalle piante.
Terreno calcareo in inverno

Surenhap PH Metro, misuratore di umidità 3 in 1 / Luce Solare/Test PH del Terreno, Funzione Test per casa e Giardino, Piante, Fattoria, Uso Interno/Esterno. (PH-Metro Terreno 3 in 1)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,69€
(Risparmi 1,3€)


Il terreno calcareo: caratteristiche fisiche

Terreno calcareo Oltre ad avere alte quantità di calcare al suo interno, e a manifestare un ph decisamente alto, superiore a 7 ma inferiore a 8.5, il terreno calcareo presenta anche particolari caratteristiche fisiche. Generalmente le molecole di calcare tendono a causare una scarsa attitudine del terreno a trattenere l'acqua delle piogge e delle annaffiature, che tende a scivolare via rapidamente, senza imbibire lo strato superiore del terreno. Inoltre spesso si nota la presenza di una spessa crosta, rigida e dura, quasi impermeabile, che impedisce all'acqua ed ai fertilizzanti di penetrare lo strato superficiale, rendendo difficoltoso la circolazione dei fluidi, compresa l'aria: le radici delle piante divengono quindi asfittiche e tendono a svilupparsi poco. Per alcune piante la vita nei terreni calcarei risulta assai difficile, ad esempio le piante acidofile o gli ortaggi da radice.

    ABETE BLU ARGENTATO PICEA PUNGENS KOSTERIANA HOOPSII VASO 26 ALTEZ 80-100 CM

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 33,4€


    Piante per terreni calcarei

    Terreno calcareo Nonostante le particolari caratteristiche fisiche e chimiche, alcune piante vivono molto bene nei terreni calcarei; ad esempio tutte le brassicacee, come broccoli, verza, rape. Anche le viti e gli ulivi si sviluppano da millenni in zone caratterizzate da un terreno leggermente calcareo. Moltissimi arbusti, come viburni, fotinie, oleandri, sopportano senza problemi la vita in un terreno di questo tipo e non manifestano particolari problematiche. Chiaramente risulta opportuno lavorare a fondo il terreno calcareo, prima di porvi a dimora delle piante. Tipicamente si cerca di aggiungere al substrato materiale organico, che permetta di arricchire la concentrazione di sali minerali, oltre a migliorare l'impasto generale del terreno. Quindi, prima di posizionare a dimora piante da giardino e da orto, si cospargono le aiuole con stallatico e con terriccio di torba, e si lavora bene in profondità, rivoltando e spaccando le zolle. In casi di terra molto compatta ed asfittica, si aggiunge anche della sabbia, che tende a rendere meno coese le zolle. In questo modo si ottiene un substrato più soffice e permeabile.


    Migliorare il terreno calcareo

    Pianta per terreni calcarei In alcuni casi l'alcalinità di un terreno risulta estrema, con la quasi totale impossibilità di coltivarvi buona parte delle più comuni piante ornamentali e da orto; in questi casi, oltre ad aggiungere terriccio e stallatico, risulta necessario intervenire da un punto di vista chimico. Per diminuire il ph di un terreno fortemente calcareo o argilloso si interviene aggiungendo dello zolfo, appositamente formulato per questo tipo di interventi: grazie ai batteri presenti nel terreno, viene trasformato nel corso dei mesi i piccole quantità di acido solforico, che causa un forte abbassarsi del ph, in modo da rendere disponibili i sali minerali a gran parte delle piante. Purtroppo in gran parte della nostra penisola le acque degli acquedotti risultano molto dure, cioè ricche in calcare; ad ogni annaffiatura aggiungiamo ulteriore calcare al terreno e ne alziamo il ph. Per questo motivo risulta conveniente scegliere di coltivare piante che amano il calcare, e tenere in vaso, in apposito terriccio, le piante acidofile, annaffiandole con acqua in cui il calcare viene lasciato depositare.



    • terreno calcareo Quando si parla di terreno calcareo si fa riferimento a un tipo di terreno nel quale il carbonato di calcio risulta pres
      visita : terreno calcareo

    COMMENTI SULL' ARTICOLO