pidocchi delle piante

Pidocchi delle piante

Le piante possono essere attaccate da tantissime specie di insetti. Tra queste, ve ne sono alcune chiamate anche afidi o pidocchi delle piante. Gli afidi sono dei piccoli animaletti, lunghi appena pochi millimetri e capaci di infestare molte varietà di piante, sia da frutto che ornamentali. Questi insetti vengono conosciuti anche come pidocchi delle piante, per via delle loro dimensioni ridottissime e del loro colore, che li rende facilmente mimetizzabili con le foglie. Gli attacchi degli afidi si possono prevenire con corrette pratiche colturali e rimuovendo per tempo le prime colonie. La difficoltà nell’allontanare gli afidi dalle piante sta nel loro numero: più sono numerosi e più è difficile combatterli con rimedi manuali e colturali.

pidocchipiante1

Bi 58 ® Spray, Spray Insetticida con ampio spettro, ecc. Contro fogli pidocchi, zikaden e bosso zünsler, per tutti Piante ornamentali e in casa, 400 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,89€


Sintomi

pidocchipiante2-1 Gli effetti dei pidocchi delle piante sono ben visibili sui boccioli, sulle foglie e sull’apice dei germogli. In genere, in seguito a un attacco di afidi, le parti colpite tendono ad accartocciarsi e a seccarsi conducendo anche a gravi danni colturali, specie per le piante da frutto. La presenza di afidi è accompagnata anche da un viavai di formiche che si nutrono di una sostanza zuccherina, la melata, emessa proprio da questi insetti. Le formiche, di per sé, non danneggiano le piante, ma provocano solo dei disagi di natura estetica, visto che gli alberi appaiono contornati da schiere nerastre di formiche che li attraversano per nutrirsi della melata. Le piante colpite da questi “pidocchi” sono, come già detto, quelle ornamentali e da frutto, sia da interno che da esterno. Gli attacchi degli afidi si localizzano proprio nei germogli, ovvero in quelle parti dove sono presenti foglioline e boccioli. Gli afidi sono dotati di un apparato boccale molto pungente che serve a succhiare la linfa vegetale. La sottrazione di linfa, oltre a provocare l’abbondante produzione di melata, causa anche l’indebolimento generale della pianta, con grave compromissione della sua resa estetica e produttiva. La produzione della sostanza zuccherina provoca anche lo sviluppo di malattie fungine, tra cui la fumaggine.

  • afidi3-1 Le piante possono essere colpite da numerosi parassiti, tra cui afidi, acari e cocciniglie. La pericolosità dei parassiti deriva dal fatto che si nutrono di linfa vegetale, togliendo energia alle pia...
  • afide1-1 Le piante possono essere attaccate e danneggiate da fastidiosi insetti parassiti. Questi ultimi possono privilegiare solo alcune o più varietà vegetali, ma in ogni caso, i danni alle piante colpite po...
  • afide1 Gli afidi, chiamati “pidocchi delle piante”, sono tra i parassiti più temuti del mondo vegetale. Si tratta di una specie di insetti appartenenti alla famiglia delle Aphidoidea e al genere Rhynchota. L...

Gardigo hotel d'insetti per le api e coccinelle, colore naturale del legno, la protezione delle piante naturali, risorse naturali afidi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€
(Risparmi 2,91€)


Caratteristiche

Gli afidi, o “pidocchi delle piante” sono degli insetti appartenenti all’ordine dei Rincoti e alla famiglia degli Aphidoidea. In natura esistono diverse specie di afidi, alcune alate ed altre attere. In base alla specie di appartenenza, il corpo di questi insetti può essere colorato di verde, giallo, grigio o nero. Gli afidi verdi colpiscono il melo e il pero, mentre quelli neri, il ciliegio e l’amareno. Le condizioni ambientali che favoriscono lo sviluppo e la diffusione degli afidi sono le temperature medie e la siccità. Al contrario, estati calde e intense piogge causano la morte delle colonie di questi insetti.


pidocchi delle piante: Prevenzione e lotta

La prevenzione degli afidi, come già accennato al primo paragrafo, si realizza con delle adeguate strategie colturali che mirano a creare condizioni sfavorevoli per il loro sviluppo. Questi “pidocchi”, infatti, prosperano nei climi temperati e secchi, ragion per cui, la scarse irrigazioni possono diventare una condizione predisponente al loro attacco. Irrigazioni costanti e regolari e lievi spruzzature sulle foglie possono, invece, limitare o azzerare del tutto la comparsa degli afidi. La lotta a questi pidocchi parassiti può essere effettuata con rimedi chimici e biologici. Dal punto di vista chimico si usano i piretroidi, sostanze ricavate dai fiori, ma con un effetto tossico e ad ampio spettro anche sugli insetti impollinatori. Per tale motivo, la somministrazione di piretro deve avvenire lontano dalla fioritura. La lotta biologica contro gli afidi si può effettuare tramite le coccinelle, insetti utili che, sia da adulti che allo stadio larvale, si nutrono proprio degli afidi. In caso di infestazione iniziale, gli afidi possono essere rimossi manualmente passando sulle foglie acqua e sapone o spruzzando acqua con un po’ di alcool. Alcuni giardinieri usano anche dei rimedi fai da te e, a quanto pare, abbastanza efficaci. Si tratta dell’infuso o del macerato di tabacco e di ortica, che sembrano avere la proprietà di intossicare l’apparato respiratorio degli afidi. Queste sostanze vanno sempre vaporizzate sulle piante attaccate dagli insetti. L’epoca di somministrazione è preferibilmente la sera, al tramonto. Gli infusi di tabacco e ortica non vanno miscelati con altre sostanze, perché potrebbero formare una miscela tossica e dannosa per le piante. I preparati vanno effettuati solo a base di ortica o solo a base di tabacco. Il periodo di conservazione degli stessi non deve superare i tre giorni, in caso contrario si rischia di spruzzare, sulle piante, prodotti fermentati, capaci di far ingiallire e bruciare le foglie. Le formiche che si presentano secondariamente o contestualmente agli afidi possono, invece, essere combattute con specifici insetticidi o con trappole adesive a base di insetticidi naturali. Le trappole vanno poste lungo il tronco dell’albero, in modo da far rimanere attaccate le formiche durante il loro passaggio. I pidocchi delle piante possono colpire, come già detto, anche le piante ornamentali, tra cui le orchidee. I metodi di lotta naturale sono applicabili anche per eliminare i pidocchi che, a volte, colonizzano queste stupende piante ornamentali.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO