erba naturale

Erba naturale

L’erba naturale è usata per i prati e per i campi da gioco. Solo recentemente, però, viste anche le difficoltà di molti a trovare il tempo per la cura dell’erba naturale, si sta diffondendo la moda di usare prati in erba artificiale o sintetica. Questa moda sta prendendo piede anche in ambito sportivo, dove si assiste spesso al montaggio e all’allestimento di campi da gioco in erba sintetica. I fautori delle due soluzioni di arredo e decorazione esterna sono molto agguerriti ed entrambe le parti sostengono che l’una sia più ecologica dell’altra. Il concetto “ecologico”, però, quando di parla di soluzioni che impattano con l’ambiente, va usato con molta cautela. L’erba naturale è sicuramente ecologica perché si tratta di un prodotto già esistente in natura e che non deve essere smaltito. L’erba sintetica è invece meno ecologica, perché una volta esaurito il suo ciclo di vita deve essere adeguatamente smaltita. Il fronte dell’erba naturale caldeggia anche le innegabili qualità estetiche di questa soluzione di decoro esterno, a cui vanno aggiunte anche l’usabilità nel caso dei campi da gioco o sportivi. Ma allora, per il prato e per il campo da gioco è meglio l’erba naturale o quella sintetica? Non sarà facile dare una risposta a questa domanda che sicuramente molti di voi si staranno già facendo. La scelta dell’una o dell’altra dipenderà sempre e soltanto dalla propria sensibilità, dai propri “valori” e dalle proprie disponibilità economiche.
erbanaturale1

Biocin animali All In One 350ml Biospray 100% agenti di erbe naturali per animali domestici trattamento bio contro le zecche e pulci

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,9€


Caratteristiche

erbanaturale2 L’erba naturale si sviluppa da semi di erba per prato. Questi semi sono di solito composti da miscugli contenenti diverse varietà di erba. L’erba più comune si ottiene dai semi di graminacee, da cui si ricavano ottimi prati seminati sia per usi decorativi che sportivi. In base alla tipologia di miscugli si possono ottenere prati rustici, prati con erba alta, prati con erba bassa e uniforme, prati calpestabili e prati inglesi. Le erbe graminacee possono essere classificate in base alla loro resistenza alle avversità e alle condizioni atmosferiche. In questo caso avremo le macroterme e le microterme. Le prime resistono al calore e alla siccità e consentono di avere un bel prato verde anche in inverno, mentre le seconde sopportano solo le temperature fresche e i luoghi ombreggiati. In estate, l’erba naturale da microterme tende a ingiallire, per poi riprendere il suo colore naturale in autunno. L’erba naturale, proprio in base alla tipologia di semi da cui è composta, richiede differenti cure e manutenzioni. In genere, l’erba naturale da macroterme non necessita di abbondanti irrigazioni, perché è in grado di resistere al calore e alla siccità, mentre l’erba naturale da microterme richiede, specie nei mesi più caldi e non solo, irrigazioni più abbondanti e ravvicinate. L’erba naturale, in ogni caso, richiede sempre una maggiore manutenzione rispetto a quella sintetica. Questa manutenzione si concretizza nel taglio della stessa quando supera una certa altezza ( tra 5 e 10 centimetri), nelle irrigazioni, nella concimazione, nella risemina e nel diserbo. Tutto questo non è necessario nell’erba sintetica, ma è innegabile che la resa estetica di quella naturale sia sempre unica e inconfondibile.

    Erba sintetica casa pura® Nantes | Prato sintetico | Per giardino e balcone | Drenante Colore e design naturale | 6000 ore di stabilità ai raggi UV | 17 misure, 200x100 cm

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 59,99€


    Confronti

    La scelta tra l’erba naturale e quella sintetica non è sempre facile, anche perché tutti amano un risultato estetico ben visibile e apprezzabile. Ancora più difficile è scegliere l’erba del campo da gioco. Il dibattito sulla validità dell’erba naturale rispetto a quella sintetica e viceversa è più che mai acceso ed aperto e pone diverse questioni pratiche non più rinviabili. Tra queste spiccano la sicurezza del campo, la sua durata, la sua manutenzione e l’impatto ambientale. La sicurezza dipende dalla tenuta dell’erba e dalla sua calpestabilità e resistenza al camminamento dei giocatori. La durata è una variabile che si pone nettamente a favore dell’erba naturale che, se ben curata, dura praticamente per sempre, riducendo i costi dello smaltimento dell’erba sintetica usurata. La manutenzione dell’erba naturale è certamente maggiore rispetto a quella sintetica e uno degli svantaggi di quest’erba, specie nei campi da gioco, è quello dello smaltimento dell’acqua piovana che si accumula al suolo nei mesi autunnali o invernali. Per garantire una corretta uniformità del manto erboso naturale bisogna, infatti, prevedere un buon drenaggio dell’erba. Un manto in erba naturale correttamente installato, in genere, fornisce un discreto drenaggio; il problema è che durante l’allestimento del campo in erba naturale non si procede a effettuare i test di infiltometria come avviene per quella sintetica, sottoposta ad obbligo di omologazione. L’erba naturale inoltre dà ai giocatori una maggiore percezione del movimento di gioco. L’erba naturale è anche più ecologica, perché non necessitando di smaltimento contribuisce a ridurre notevolmente le emissioni di anidride carbonica.


    erba naturale: Costi

    Il confronto tra l’erba naturale e quella sintetica si consuma anche sul fronte dei costi. Da alcuni calcoli comparativi è stato visto che l’erba naturale, a conti fatti, specie in ambito sportivo, costa meno di quella artificiale. Per la prima, infatti, il costo di manutenzione si aggira intorno ai 10 mila euro annui, mentre per la seconda, intorno ai 15 mila. L’erba naturale garantisce un minor numero di ore di utilizzo: 450, a fronte dei 1000 dell’erba sintetica. La prima, però, batte la seconda per l’assenza dei costi di riciclo, che nell’erba sintetica si aggirano intorno ai 75 mila euro, con una media di 10 euro al metro quadro.


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO