prato rotolo

Prato rotolo

Il prato è forse la parte più bella e suggestiva del giardino, perché da esso si snodano tutti gli altri elementi vegetativi che lo arricchiranno e coloreranno ( arbusti, piante erbacee, a fiore, ecc.). In un simile ambiente, il risultato estetico del prato deve essere impeccabile. Un buon tappeto erboso lo si riconosce proprio dalla sua uniformità e dal colore dell’erba. Non sempre però, da un prato seminato è possibile ottenere simili risultati. Il prato da semina richiede tempo e fatica nello spargimento dei semi, tempo che non sempre viene compensato dai risultati sperati. Dopo l’attecchimento del prato si possono, infatti, verificare crescite di erbe infestanti e spazi vuoti causati da una dispersione dei semi durante la semina. La soluzione per evitare gli imprevisti del prato seminato esiste e si riferisce al prato a rotoli o avvolto in forma di rotolo. Questo prato non ha nulla da invidiare a quello seminato, perché ottenuto sempre da erba naturale.

pratorotolo1

Bellissa - Rotolo per bordi aiuole zincato 118 cm contorno aiuola, in Prato limitazione di Gartenwelt Riegelsberger

Prezzo: in offerta su Amazon a: 49,99€


Caratteristiche

pratorotolo2 Il prato avvolto in un rotolo è un prato adulto coltivato da ditte specializzate. Questo prato è composto da graminacee di diverso tipo e adatte a vivere in qualsiasi condizione climatica: dalla più rigida, alla più calda. Il prato in rotolo adatto ai climi freschi sarà composto da graminacee microterne, mentre quello adatto ai climi caldi sarà composto da graminacee macroterme. Le graminacee per il prato a rotoli vengono coltivate per un periodo compreso tra sei e diciotto mesi. Subito dopo la prima crescita, il prato viene tagliato a una certa profondità dal suolo, ottenendo un manto composto da terreno con erba attaccata. Quest’erba è ancora vegetante e con radici pronte ad attecchire su un nuovo substrato. Il prato a rotoli viene ormai prodotto su larga scala e in rotoli che possono comprendere varie metrature. Esistono prati a rotoli da 50 metri quadri, da 100 e persino da 300 metri quadri. Naturalmente, si sceglierà la metratura più adatta alla superficie da adibire a manto erboso. Il prato a rotoli presenta certamente degli innegabili vantaggi rispetto a quello da semina. Questi vantaggi sono la possibilità di non eseguire la semina, la totale assenza della formazione di erbe infestanti e della presenza di spazi vuoti legati alla dispersione dei semi, la non assoluta necessità di ricorrere al diserbo, ottime qualità estetiche e di resistenza al calpestamento e alle avversità atmosferiche. Naturalmente, per ottenere un prato a rotoli duraturo, bisogna scegliere quello con le erbe più adatte al clima dell’area in cui sorge il giardino.

  • pratopronto1 La nostra epoca è caratterizzata dalla fretta e dalla mancanza di tempo. Tutto ciò incide anche sulla cura che dedichiamo o possiamo dedicare alla nostra casa e al nostro giardino. Il poco tempo a dis...
  • pratorotolo2-1 Gli ultimi anni sono stati segnati da profondi cambiamenti economici e dello stile di vita. La mancanza di risorse e le crisi economiche intercorse hanno interessato anche i consumi e le spese quotidi...

GRG® Prato sintetico 7mm rotolo da 10m ed altezza 1m, in polipropilene di alta qualità, drenante, 100% made in Italy.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 59,99€
(Risparmi 284,24€)


Posa

La posa del prato a rotoli è semplice e immediata. Il prato a rotoli si può posare in qualsiasi stagione, anche se bisogna sempre fare attenzione alle erbe di cui è composto. Quello a base di microterme va preferibilmente posato in inverno e non in estate, perché il sole e il calore rischiano di farlo ingiallire entro poco tempo. Il prato a rotoli composto da microterme è adatto a manti erbosi che devono sorgere in zone completamente ombreggiate. Per un risultato estetico ineccepibile, è meglio posare il prato entro pochissime ore dall’acquisto. Si sconsiglia, invece, di tenere il rotolo in garage o in casa per alcuni giorni, perché in ambienti chiusi e senza contatto con il terreno, le radici del prato possono seccarsi. Prima della posa occorre preparare adeguatamente il terreno, vangandolo e rivoltandolo. Per ottenere una superficie completamente piana e dopo aver praticato degli scavi, si può aggiungere un substrato di sabbia e torba, che garantiscono un buon drenaggio e una buona nutrizione all’erba. Il substrato va poi rastrellato e compattato per posare il rotolo. Il rotolo va aperto srotolato proprio come si farebbe con un tappeto. L’operazione deve riguardare tutti i rotoli che compongono il prato. La posa degli stessi avviene alla stessa maniera di quella di un pavimento: bisogna fare attenzione a unire i bordi tra un rotolo e l’altro senza creare avallamenti o spazi. Dopo la posa sul terreno, le radici del prato si fisseranno allo stesso entro pochissimi giorni.


prato rotolo: Costi

Il prato a rotoli, come già detto in un precedente paragrafo, è un prato adulto raccolto con erba attaccata al terreno e arrotolata su se stessa come un tappeto. Un simile prodotto richiede mesi di lavoro e coltivazione per poter essere commercializzato per la posa. Quest’ultima consente di avere un prato adulto pronto, di facile attecchimento e con risultati estetici immediati. Il tutto, senza necessità di ricorrere alla semina e all’eventuale risemina o al diserbo. Tutte le comodità appena citate, naturalmente hanno un costo. Questo costo varia in base alle dimensioni del rotolo e alla tipologia di erba di cui è composto. Un rotolo di prato inglese da 50 metri quadri costa quindici euro al metro quadro, mentre uno con erba Dicondra ( che dà origine a un prato nano) costa ventiquattro euro al metro quadro. Il prato a rotoli a base di Dicontra è più costoso perché dà vita a un tappeto erboso con l’erba cortissima. Il costo del prato a rotoli decresce all’aumentare delle dimensioni dei rotoli. Un rotolo da 200 metri quadri di prato inglese costa, infatti, undici euro al metro quadro, mentre uno di Dicondra, sempre delle stesse dimensioni, costa diciotto euro al metro quadro.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO