Echinacea purpurea

Echinacea purpurea: generalità

L'echinacea purpurea è una pianta erbacea perenne della famiglia delle Composite Tubiflore. Si presenta con uno stelo lungo, alla sommità del quale si trova un grande fiore a forma di margherita (appartengono alla stessa famiglia), dotato di numerosi petali violacei (più raramente bianchi) e bottone centrale a cupola dall'arancione al mogano scuro, quasi nero. Le foglie sono lanceolate, con i margini dentati e piccioli molto lunghi. L'echinacea purpurea è nota sin dall'antichità per le sue proprietà: infatti, le sue foglie, i fiori e le radici trovano largo impiego in erboristeria per gli oli essenziali che contengono; la pianta viene però anche coltivata a scopo ornamentale, in terra piena e in vaso, per la durata della sua fioritura e il fatto che i suoi fiori recisi si mantengono a lungo.
Echinacea purpurea

UK importati Echinacea purpurea misto semi Coreflower, Professional Service Pack, 100 semi / Pack, facile da coltivare Molto bello

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Echinacea purpurea: coltivazione

Fiore di echinacea purpurea L'echinacea purpurea è una pianta rustica, di facile coltivazione. Ama le posizioni soleggiate e necessita la luce solare diretta almeno per alcune ore al giorno. L'echinacea purpurea non teme le temperature inferiori allo zero e, pur prediligendo un terreno ricco e leggero, prospera anche in terreni normali, pesanti e argillosi, purché ben drenati. Per quanto riguarda l'irrigazione, il terreno deve essere sempre mantenuto umido, con innaffiature abbondanti: in caso di siccità, le foglie appassiranno rapidamente e la fioritura risulterà compromessa. Ogni 15-20 giorni, all'acqua d'irrigazione andrà aggiunto del fertilizzante per piante da fiori. In vaso, l'echinacea purpurea necessita di innaffiature maggiori; inoltre, ogni 2-3 anni il substrato e il terriccio andranno rinnovati.

  • abete rosso Vorrei sapere come si sviluppano ed a quale profondita possono arrivare le radici dell'albicocco e dell'abete. Vi informo che lo spessore del terreno è di 70cm e sotto di questo ci sono dei garage. ci...
  • foto abete bianco Ho in giardino un albero di cedro del libano o pinus alba, piantato molto piccolo nel 1975..L'albero dista 200 mt dall'abitazione, ha chioma molto sviluppata ed ha raggiunto una notevole altezza. Le...
  • piante da orto Un orto correttamente pianificato garantisce un adeguato spazio di crescita ad ogni coltura aumentandone la resa, riduce la mole di lavoro per il mantenimento necessario (anche per eliminare le erba...
  • aglio L’aglio è una pianta diffusa fin dall’antichità, dato che veniva già abilmente sfruttata dal popolo egiziano nel corso del terzo millennio a.C. e, in seguito, anche dai Greci, dai Romani, dai Cinesi e...

Nuova varietà 100 semi / bag Echinacea purpurea cappello di paglia Semi fiore raro per la casa e giardino pianta molto facile piante Daisy Flores.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Echinacea purpurea: moltiplicazione

Radici d'echinacea purpurea La moltiplicazione dell'echinacea purpurea può avvenire per semina, per talea o per divisione dei cespi. Semina: quando la temperatura esterna si aggira sui 20°C, si mettono i semi direttamente a dimora o in vasetti. Una volta che le piantine saranno cresciute e potranno essere maneggiate, si rinvaseranno in contenitori più grandi, per poi metterle a dimora in autunno. Divisione dei cespi: ogni 2-3 anni, alla base del cespo di echinacea purpurea si sviluppano nuove piante, che andranno separate dalla "madre" in primavera e subito messe a dimora. Talea radicale: prelevare la parte più esterna delle radici, ripiantandola subito nella stessa posizione in cui era disposta nel terreno al momento del prelievo. La piantina che spunterà dall'apice del complesso radicale costituirà poi il fusto della nuova pianta.


Echinacea purpurea: utilizzo

Echinacea purpurea (illustrazione) Come già detto, in fitoterapia si utilizzano sia le radici sia le parti aeree dell'echinacea purpurea, per il loro alto contenuto di polisaccaridi, glicoproteine, poliacetileni, flavonoidi e alcamidi. Diversi studi hanno infatti accertato le proprietà immunostimolanti di glicoproteine, polisaccaridi, acido cicorico e alcamidi, nonché quelle antibatterica e antivirale dell’echinacoside. Le varie parti della pianta di echinacea purpurea vengono impiegate sotto forma di infusi, tinture madri, pomate e decotti, principalmente nella cura di infezioni batteriche di natura cronica e infezioni da funghi e da virus (herpes e influenza); inoltre, vengono utilizzate per la cicatrizzazione delle ferite e delle ulcerazioni e nella cura di malattie allergiche quali eczema e psoriasi.




COMMENTI SULL' ARTICOLO