Ellebori

La pianta dell’elleboro: origini

Gli ellebori sono piante perenni rizomatose della famiglia delle ranuncolaceae. Ne esistono una trentina di specie, fra cui la più famosa è la rosa di Natale o Helleborus Niger. Originari dei paesi mediterranei, sono diffusi anche in Asia occidentale. I fiori dell’elleboro variano tra i toni del bianco, del rosa, del porpora, del rosso e del verde pallido. Sin dall’antichità la pianta dell’elleboro era nota per le sue proprietà allucinogene e i romani le attribuivano il potere di guarire dalla follia e dagli stati malinconici. Il suo nome viene dal greco ed è una parola composta: "elein" (che significa ferire) e "bora" (che significa cibo mortale); e infatti l’elleboro è una pianta molto tossica, nessuna parte della sua pianta può essere ingerita e sarebbe meglio manipolarla usando dei guanti.
helleborus niger

Nuova casa giardino di piante 10 semi Heather Calluna Vulgaris semi di fiori

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,94€


Ellebori: coltivazione

ellebori D’inverno gli ellebori, grazie ai loro bellissimi fiori, donano allegria e colore a giardini e terrazzi. Fioriscono da novembre ad aprile. L’elleboro è una pianta rustica, resistente al freddo, però ama la luce e va posto in una zona a mezz’ombra. Nelle regioni in cui le estati sono calde e secche, gli ellebori possono essere messi a dimora in autunno, ma in generale anche la primavera è un periodo adatto. Fate dei buchi di 40 cm in un terreno argilloso e ben drenato e disponete le piante ad una distanza di 50 cm l’una dall’altra. Usate dei guanti e fate attenzione alle radici, molto fragili. Se optate per un vaso, sceglietene uno piuttosto grande: l’elleboro tende a svilupparsi velocemente. D’estate il terreno va mantenuto umido; concimate i piedi in primavera e in autunno. Importante: una volta a dimora, l’elleboro non ama essere spostato, quindi scegliete bene prima in quale punto del terrazzo o del giardino collocarlo.

  • Camelia Avete idea di quante possano essere le piante da giardino? Sicuramente moltissime e tutte molto interessanti e degne di considerazione ma noi ci limiteremo ad illustrarvene alcune come l’azalea, piant...
  • attrezzi da giardino Quando si parla di attrezzi per il giardinaggio, occorre fare una netta distinzione tra gli attrezzi di un giardiniere professionista e quelli di chi ha solo una passione per la cura del giardino. in ...
  • amaca tonda L’amaca è un oggetto che non nasce in Italia, ma ha origine dagli indigeni del sud America, ed è stata portata in Europa dagli spagnoli. L'utilizzo originario era quello di un letto, si usava cioè per...
  • tavolo da giardino Chiunque ama la natura e il verde, quando ha anche solo un piccolo giardino, è senz'altro fortunato perché può respirare aria sana e ammirare la bellezza dei fiori. Non è possibile, però, pensare di u...

Vivai Le Georgiche Rosa TERRACOTTA

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,6€


L’elleboro bianco

elleboro orientale biancoSull’elleboro bianco occorre fare chiarezza. Con questo nome si designa infatti anche la pianta chiamata "veratrum album", un’erbacea montana perenne (con un rizoma velenoso), molto usata nella medicina omeopatica. Esiste poi un elleboro bianco anche fra gli ellebori, ed è conosciuto come elleboro orientale bianco. E’ originario del Nord-est della Turchia e si estende fino al Caucaso e al Nord-Est della Grecia. Ha le stesse caratteristiche botaniche degli ellebori della famiglia delle ranuncolaceae a cui di fatto appartiene. Va quindi maneggiato con i guanti e i suoi bellissimi fiori decorano terrazzi e giardini durante l’inverno o fanno bella mostra di sé come mazzi per decorare l’interno delle nostre abitazioni: non appassiscono marcendo come la maggior parte dei fiori, ma seccano, dando vita a bouquet la cui bellezza ornamentale può durare a lungo.


Ellebori: Il significato dell’elleboro

fiori di elleboro Nel linguaggio dei fiori, l’elleboro ha diversi significati, a seconda del colore: bianco indica una domanda di matrimonio, porpora è una supplica a metter fine a dei tormenti, verde pallido interroga il partner che lo riceve circa la natura dei suoi sentimenti. Nella mitologia greca la pianta dell’elleboro era associata a Crono, re dei Titani e padre di Zeus. L’indovino e guaritore greco Melampo, con i vapori sviluppati dall’ebollizione di una pianta di elleboro, guarì le figlie del re Proteo dalla crisi di follia che le aveva colpite e che le induceva a tramutarsi in vacche. Grazie agli effluvi di ques’erba, anche Ercole fu liberato dalla demenza a cui lo aveva condannato Era. Una antica leggenda spiega perché l’elleboro è chiamato anche "rosa di Natale": la notte della nascita di Gesù, un povero pastore di nome Madelone, vide i re Magi e altre persone che si recavano alla grotta con dei doni e lui cominciò a piangere perché non aveva nulla da donare, nemmeno un umile fiore. Un angelo si impietosì e trasformò le lacrime cadute nella neve in un bellissimo fiore bianco screziato di rosa: così nacque la rosa di Natale.


  • ellebori Questo fiore invernale è chiamato comunemente Rosa di Natale. Appartiene alla famiglia delle Ranuncolacee. Esistono div
    visita : ellebori
  • elleboro bianco L'elleboro bianco viene comunemente chiamato anche rosa di Natale. I suoi fiori sbocciano nel periodo compreso fra l'ini
    visita : elleboro bianco

COMMENTI SULL' ARTICOLO