amaca

Origini

L’amaca è un oggetto che non nasce in Italia, ma ha origine dagli indigeni del sud America, ed è stata portata in Europa dagli spagnoli. L'utilizzo originario era quello di un letto, si usava cioè per riposare e dormire, visto che a quei tempi si era costretti a farlo a terra. Oggi l’amaca è presente in tutto il mondo, non è più utilizzata nella sua funzione originaria ma è diventata un elemento ed un accessorio del giardino a cui nessuno vuol rinunciare. Oltre ad essere una comoda seduta per prendere il sole, riposarsi, stare in compagnia, è anche qualcosa che serve a ravvivare l'ambiente perché si discosta dalla classica poltrona da giardino. I tessuti, oggi come allora, sono rimasti delle stesse tonalità vivaci. L'amaca di un tempo riportava i colori tipici della zona ed era tessuta a mano, mentre oggi la produzione è per lo più industriale.
amaca tonda

YKS 200 × 86 cm Amaca da Giardino Amaca Campeggio Amaca Tessuto, 100% Cotone, Portata Massima 120kg

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,99€
(Risparmi 11€)


Modelli

amaca autoportanteEsistono due differenti modelli di amaca: l’amaca da terra e l’amaca con le corde. L’amaca da terra è successiva all'amaca con le corde, rappresenta una soluzione alternativa a quanti non hanno la possibilità di legarla a due alberi. Essa infatti è dotata di una struttura di sostegno realizzata inizialmente in legno, sulla quale è teso un tessuto. L'altezza è pressappoco la stessa, e alcuni la ritengono addirittura più sicura. Il sostegno di questo tipo di amaca può essere anche, oltre che il legno, l’alluminio, leggero e facile da trasportare. In alcuni casi, l’amaca è dotata anche di un vano sottostante realizzato in rete, per raccogliere i piccoli oggetti. Il modello più attuale prevede anche la presenza di un piccolo cuscino, come comodo appoggio per la testa ma è fondamentale che questa struttura, per essere legata al modello tradizionale, ne riproduca il medesimo dondolio e oscillamento. Ritornando al modello classico, che deve essere legato per mezzo di corde a due alberi, si ripropone un modo di vivere il riposo proprio come accadeva per gli indigeni. L’amaca deve essere posizionata tra due alberi che devono avere una distanza minima fissa, l'installazione è piuttosto semplice, poiché oltre a legare le due corde non occorre fare altro.

  • Tavolo e sedie da giardino: un classico per l'arredamento da esterno Giardino e terrazzo diventano una risorsa preziosa se ben arredate e, il tavolo giusto con le sedie appropriate consentono addirittura di guadagnare un ambiente extra all'interno della propria abitazi...

Amaca ultra portatile in tessuto nylon usato nei paracaduti - amache - per viaggio e camping - alta resistenza ultraleggera e compatta.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 26,99€
(Risparmi 13€)


Il comfort e le varie versioni

La struttura dell’amaca è in un tessuto dai colori molto allegri e vivaci, comoda perché si adatta alla posizione del nostro corpo. Inoltre garantisce un lento dondolio che favorisce il riposo. L’amaca ha un fascino del tutto particolare, più è grande e più è comoda, infatti ne esistono di diverse misure e larghezze. Ogni negozio di arredamento per esterni propone l’amaca sia nella sua versione classica che nella sua versione contemporanea. Per quanti non hanno un giardino con molti alberi, l’amaca con la struttura di sostegno è senz'altro l'unica soluzione alla quale possono rivolgersi, perché può essere messa in qualsiasi luogo e fungere anche da lettino. Se invece si vuole avere l’amaca classica e non si hanno supporti, per farla reggere occorrerà scegliere uno spazio del giardino dove piantare due alberi abbastanza distanti l'uno dall'altro.


Conservazione dell'amaca

Durante il periodo invernale l’amaca dovrà essere custodita all'interno. Nel caso dell’amaca con struttura fissa, il telo può essere smontato e riposto in un piccolo spazio, mentre quella con le corde dovrà essere slegata per evitare che l'acqua piovana possa, a lungo andare, danneggiare il tessuto. Come si accennava prima, le amache tradizionali hanno colori piuttosto sgargianti e a causa dell'esposizione continua al sole tendono a scolorirsi. Per questo motivo occorre chiedere presso il punto vendita dell’amaca se dispongono anche di tessuti sostitutivi.


Dove collocarla

Solitamente l'amaca classica è posizionata in una zona d'ombra perché riparata dalla chioma degli alberi che la sostengono, mentre quella con struttura fissa può essere usata come un semplice lettino e quindi spostata a seconda della necessità. La si può ad esempio collocare sotto il gazebo quando si desidera stare all'ombra, oppure la si può portare a bordo piscina quando si vuole prendere il sole. I costi, in entrambi i casi non sono eccessivamente elevati, molto dipende anche dalla qualità del tessuto che, per le amache con struttura fissa, è anche impermeabile.


Consigli per la scelta

L’amaca deve essere scelta da chi la utilizzerà, ed è giusto che l'acquirente la provi per avere la certezza che gli possa garantire il relax che sta cercando. In un giardino solitamente si vede solo un’amaca, sia perché ciascuno sceglie l’elemento a lui più congeniale per riposare sia perché in un giardino piccolo due amache potrebbero essere troppo ingombranti. Valutando attentamente gli spazi in cui il giardino è suddiviso si riuscirà a trovare l’area dove si può inserire meglio l’amaca. Se ci si attiene alle istruzioni l’amaca è sicura e se si seguono attentamente le indicazioni per la manutenzione può essere usata per svariate stagioni.


mobili da giardino : amaca la storia

amaca: la storia La storia dell’amaca comincia quasi prima 1000 anni fa.

Oggi, quindi rappresentano simbolicamente uno degli oggetti più tradizionali e di successo che la cultura europea abbia importato da quella sudamericana.

Una delle più importanti è situata dell’oro a Bogotá (Colombia) ed è interamente prodotto con oro giallo purissimo.

Nella maggior parte dell’America centrale come Guatemala, Nicaragua, El Salvador, Costa Rica, cosí come negli stati dell’ America del sud, Messico, Brasile, Venezuela ed Ecuador, l’amaca viene usata, in periferia particolarmente nelle regioni calde, abitualmente per dormire all’aperto.

Le sue origine sono semplice eppure questo oggetto del riposo evoca suggestive reminiscenze magiche.

Forse perché appartenete alla cultura Maya.

I Maya sono infatti i maestri e ispiratori di questa cultura e commercio.




COMMENTI SULL' ARTICOLO