Hypericum

Caratteristiche principali della pianta dell’hypericum

La pianta dell’hypericum è originaria dell’Asia ma cresce bene anche alle nostre latitudini. Sviluppa ramificazioni lunghe di tipo strisciante che tendono a propagarsi rapidamente formando tappeti compatti. Raggiunge un’altezza di quaranta centimetri e presenta fusti bruni sottili. Le foglie di medie dimensioni sono disposte in maniera opposta e hanno una forma allungata ovale. La loro pagina superiore è di un verde molto intenso mentre quella inferiore si presenta più biancastra. L’hypericum fiorisce dalla primavera inoltrata fino al principio dell’autunno e regala fiori di un colore giallo intenso. Hanno una forma a stella e proprio in virtù di questa caratteristica, queste piante vengono utilizzate per decorare giardini privati o parchi pubblici.
Pianta dell'hypericum fiorita

St Johns Wort Infuso Di Olio - 1 Litro - Hypericum perforatum

Prezzo: in offerta su Amazon a: 44,95€


Esposizione e annaffiature

La pianta dell’hypericum preferisce i luoghi ben soleggiati e arieggiati. Tuttavia a volte viene adoperata per tappezzare intere aree che si trovano in semi ombra ma in tal caso la produzione dei fiori si riduce drasticamente. Non è particolarmente sensibile ai climi rigidi ma, con il repentino abbassamento della colonnina di mercurio, può arrivare a perdere tutte le foglie senza però riportare altri segni di sofferenza. Le estati particolarmente calde e con poche precipitazione potrebbero causare qualche problema all’ hypericum, soprattutto se la pianta è molto giovane e ancora non ha compiuto i due anni di vita.Per quanto riguarda le annaffiature, sopporta la sete anche per due settimane consecutive e vive bene con l‘acqua piovana che cade durante le piogge.

  • iperico1 L’iperico è una pianta erbacea perenne originaria dell’arcipelago britannico e ormai diffusa in tutto il mondo. Il suo nome botanico completo è Hypericum perforatum, nato dal fatto che le foglie in co...
  • vinca major La Vinca, più nota come Pervinca, è una graziosa pianta molto apprezzata per le sue abbondanti fioriture. Il genere Vinca appartiene alla famiglia delle Apocynaceae e comprende 7 specie erbacee, sem...
  • pomodori Il pomodoro appartiene al gruppo delle solanacee ed è una pianta che produce dei frutti commestibili, nella maggior parte dei casi, di colore rosso, molto usati in cucina per prepare insalate, sunghi,...
  • foto pianta di luppolo All'Aquila ho preso un lungo tralcio di una pianta che mi sembra essere Luppolo. Come posso riprodurlo? Posso fare talee adesso, magari mettendole in serra? Abito nel centro-sud.Grazie mille! ...

170 cm matrimonio fiore artificiale rosa ortensia Hypericum ghirlanda da GT decorazioni

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,34€


Moltiplicazione e terreno

Pianta dell'hypericum fiorito La moltiplicazione della pianta dell’ hypericum avviene sia per mezzo della divisione dei cespi che tramite talea semilegnosa. Le talee devono essere prelevate dalla pianta madre prima della ripresa vegetativa ovvero nel periodo compreso fra la fine di febbraio e l’inizio di marzo. Per aumentare la possibilità che le nuove piantine attecchiscano, cospargete la parte del taglio ancora fresca con della polvere radicante che potete acquistare presso qualsiasi negozio di agraria.L’ hypericum si adatta bene a tutti i terreni a patto che siano drenati. Riesce a prosperare anche in suoli sabbiosi e poveri i sostanze nutritive organiche. Per ottenere una fioritura più appariscente, effettuate regolari concimazioni agli inizi di aprile con fertilizzanti liquidi per fiori.


Hypericum: Parassiti e malattie

Pianta dell'hypericum fiorita L’ hypericum non è originario del continente europeo ma è riuscito a naturalizzarsi senza problemi. Sono rari i parassiti che possono inibire la sua crescita o addirittura portare la pianta ad un rapido deperimento. Difficilmente viene infestata dai pidocchi e basta un solo trattamento fitosanitario eseguito secondo le modalità riportate in etichetta per risolvere in ventiquattrore il problema.La malattia più temibile è la ruggine. Si presenta sotto forma di macchie di rossastre tendenti al bruno sulle foglie che giorno dopo giorno si propagano sempre più facendo arrivare a perdere prima le foglie e poi la vitalità dell’arbusto. Per sconfiggere questo gravoso problema non c’è altro rimedio se non quello di ricorrere a prodotti specifici appositamente formulati.



COMMENTI SULL' ARTICOLO