Papavero da oppio

Come innaffiare

Per quanto concerne il processo di irrigazione, il papavero da oppio non ha bisogno di bagnature molto frequenti. La pianta infatti è in grado di sopportare piuttosto bene dei brevi periodi di siccità. Inoltre, è bene controllare sempre il livello di umidità del substrato ogni volta che si intende procedere con una nuova irrigazione. Qualora si procedesse con delle innaffiature in presenza di un terreno ancora umido dalla volta precedente, si rischierebbe solamente di sommergere le radici e di causarne l'asfissia. Questa asfissia porta successivamente alla formazione del marciume radicale, una delle cause principali di morte del papavero da oppio. Dunque, le bagnature non rimangono costanti durante tutto il corso dell'anno e sono più frequenti in estate piuttosto che durante i mesi più freddi. Per quanto riguarda l'acqua di irrigazione, il papavero da oppio non presenta delle necessità particolari.
Fiori papavero oppio

Asklepios-seeds® - 1000 Semi di Papaver somniferum giganteum, Papavero da oppio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,99€


Come prendersene cura

Papaveri oppio Il papavero da oppio necessita di un'esposizione in zone soleggiate o semi-ombreggiate. La pianta ha bisogno di poter godere della luce solare per almeno qualche ora al giorno. Per quanto riguarda gli agenti atmosferici, il papavero da oppio sembra resistere piuttosto bene anche ai mesi più freddi in quanto la pianta sfiorisce completamente con l'arrivo dell'autunno al fine di preservarsi meglio. Inoltre il papavero da oppio riesce a sopportare bene anche i periodi maggiormente caldi ed afosi. Per quanto riguarda la riproduzione, la pianta durante la fioritura produce anche delle capsule semilegnose contenenti i semi che saranno utili per la moltiplicazione. Tuttavia, il papavero da oppio è in grado di autoinseminarsi e quindi non è necessario mettere in atto particolari pratiche per la riproduzione.

  • Papaveri Il papavero è una pianta caratteristica che si trova in abbondanza allo stato naturale con germinazione spontanea in molte zone d'Italia, e comprende 125 diverse specie. Il papavero è comunemente rico...
  • Piante di oppio papavero La pianta dell'oppio papavero proviene dall'Afghanistan, dove il clima è di tipo indoeuropeo: molto simile al nostro quindi. Questo fattore di equivalenza climatica permette all'oppio di sopravvivere ...
  • Lantana Il nome della Lantana si riferisce al genere di piante Dicotiledoni, appartenente alla famiglia delle Verbenacee e comprendente, inoltre, numerose specie, la maggior parte delle quali originarie dell’...

100 bianco organico afghano Semi di papavero Papaver somniferum

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Come concimare

Boccioli papavero Per la concimazione del papavero da oppio è bene procedere in maniera distinta a seconda della stagione. In primavera, si procede utilizzando dei fertilizzanti specifici per piante da fiore che siano piuttosto ricchi di fosforo e potassio e meno pieni di azoto. In autunno i concimi da utilizzare avranno dei contenuti di azoto ancor più ridotti al fine di permettere un rafforzamento del fusto del papavero da oppio. È consigliato procedere con una certa regolarità nella fertilizzazione e dunque, concimare circa una volta al mese. Il fertilizzante è da somministrare in forma liquida disperdendolo nell'acqua di irrigazione in dosi leggermente inferiori rispetto a quanto riportato sulla confezione. Per quanto riguarda il terreno, il papavero da oppio non presenta particolari necessità, ma è sempre bene rendere il substrato piuttosto drenante.


Papavero da oppio: Malattie e parassiti

Piantagione fiore oppio Il papavero da oppio può essere attaccato da parassiti ed insetti. Ad esempio la cocciniglia può infestare la pianta formando delle macchie bianche e dalla consistenza farinosa sulle foglie e sui germogli. Per rimuovere queste macchie è possibile utilizzare dei batuffoli di cotone imbevuti di alcol. Inoltre il papavero da oppio può subire l'attacco da parte degli afidi, o pidocchi delle piante. Il modo migliore per contrastare quest'infestazione è utilizzare degli antiparassitari specifici. La pianta può facilmente andare incontro al marciume radicale nel caso in cui le bagnature fossero troppo abbondanti. Il marciume radicale può condurre anche alla morte della pianta stessa. Per quanto concerne gli agenti atmosferici, invece, il papavero da oppio si dimostra piuttosto resistente in quanto è in grado di mettere in atto dei meccanismi di autodifesa che rafforzano le radici ed il fusto.


  • fiore papavero I papaveri rossi, con fiori che abbelliscono qualunque spazio all'aperto e si impongono per la vivacità dei colori, cres
    visita : fiore papavero

COMMENTI SULL' ARTICOLO