Rudbeckia

Rudbeckia: caratteristiche generali

La Rudbeckia è una pianta perenne proveniente dalle regioni dell’America settentrionale. Essa presenta dei fusti semilegnosi nei quali sono attaccate tantissime foglie dalla forma allungata e lanceolata, sono di colore verde chiaro e possono raggiungere dimensioni massime comprese tra i 10 centimetri e i 15 centimetri circa; le loro dimensioni diminuiscono man mano che si avvicinano al fusto principale. All’estremità di ogni ramificazione è possibile osservare delle infiorescenze a forma di margherita di colore giallo o arancione, hanno un diametro di circa 10 centimetri e sbocciano con l’arrivo della stagione estiva fino all’inizio di quella invernale. Se durante quest’ultimo periodo, si nota che la pianta tende a seccare, non significa che si hanno messo in atto delle errate tecniche colturali, è un’azione normale per questo esemplare che riprenderà la sua normale crescita vegetativa con l’arrivo della stagione primaverile. La coltivazione della Rudbeckia può avvenire sia in piena terra e sia in vasi sistemati sul balcone o nei terrazzi.
Rudbeckia coltivata in piena terra

Gardman 34881 Annaffiatoio Metallico, Erica Antico

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,99€


Rudbeckia: coltivazione

Dettaglio infiorescenza della Rudbeckia La pianta di Rudbeckia è un esemplare di Asteraceae molto resistente che deve essere messo a dimora in un ambiente molto soleggiato o alternativamente semiombreggiato; è in grado di sopportare periodi di freddo intenso ma allo stesso tempo la calura estiva. Può essere messa a dimora in ambienti soggetti a forti inquinamenti ambientali. Durante il periodo vegetativo è conveniente fertilizzare l’esemplare, ogni 10/15 giorni circa, con del concime per fiori da miscelare all’acqua delle irrigazioni. Queste ultime devono essere ben ponderate, lasciare asciugare per bene il terriccio tra un’annaffiatura e l’altra, distribuendo l’acqua dal mese di marzo fino a quello di ottobre. La potatura non è un’azione indispensabile, va praticata solo per eliminare i rami sfioriti, danneggiati, secchi o per ridurre le dimensioni della chioma. Secondo la specie di Rudbeckia che si acquista, è bene sapere che può resistere a temperature molto rigide che possono scendere anche al di sotto dei zero gradi centigradi.

  • erika All’interno di questa sezione parleremo delle piante perenni, cioè quelle che vivono più di due anni; queste piante arricchiscono i giardini di colori meravigliosi soprattutto nella stagione autunnale...
  • rosa Il linguaggio dei fiori era un modo di comunicare molto diffuso nell’800 ma ancora oggi, ad esempio, le rose rosse si regalato per significare passione, quelle bianche purezza e quelle rosa amicizia. ...
  • giardino fiorito Il giardino richiede cura e manutenzione costante, poiché le piante e i fiori devono essere seguite costantemente durante l’anno. Il giardinaggio è la tecnica che si occupa della coltivazione di piant...
  • fioriera da giardino Il giardino è uno spazio verde dove sono predominanti piante e fiori. Se la superficie a disposizione per piantare nella terra le specie vegetali è piuttosto ridotta si può ricorrere all’uso delle fio...

Giapponese campanelle a vento vento campane in vetro fatto a mano regalo di compleanno regalo San Valentino Casa, Cucina, Spa, giardino, Finestra, dettagli interni Ciondolo Decor (crisantemo)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,15€


Rudbeckia: terreno e moltiplicazione

Sviluppo infiorescenza Rudbeckia La Rudbeckia, come affermato in precedenza, è una pianta che può essere tranquillamente coltivata in vaso o in piena terra. A questo proposito è bene affermare che può essere messa a dimora in un terriccio di comune terra da giardino. Nonostante ciò, predilige un terreno molto drenato e ricco di sostanze nutritive. Per quanto riguarda la moltiplicazione, essa può avvenire mediante seme o tramite divisione dei cespi, entrambi da praticarsi durante la stagione autunnale o all’inizio di quella primaverile. Per quanto riguarda la semina, essa può avvenire in maniera meccanica o naturale in quanto la Rudbeckia possiede la capacità di autoseminarsi. Riguardo alla divisione dei cespi occorre: sterilizzare le forbici, sradicare una parte della pianta ed eventualmente dividere i cespi tra loro; successivamente si elimina la terra dalle radici e si analizza il loro stato di salute; i cespi in salute si mettono a dimora in vaso o in piena terra, si annaffiano e si aspetta che le nuove piante acquisiscano un’autonomia indispensabile per la fiorente crescita.


Rudbeckia: pratica colturale

Rudbeckia in salute La Rudbeckia raramente è colpita da malattie o attacchi ad opera di parassiti, tuttavia è conveniente attuare una prevenzione mediante l’uso di antiparassitari durante il riposo vegetativo della pianta. Un'altro problema che può portare alla morte della stessa, è il marciume radicale; proprio per questo si miscela il terriccio con materiale drenante. Il rinvaso di questo esemplare non è di vitale importanza, esso si può effettuare quando la pianta lo necessita, o alternativamente, basta eliminare alcuni cespi in modo tale da evitare che essa cresca troppo. Nel caso in cui si scelga di coltivarlo in vaso, è conveniente tenerlo lontano da correnti d’aria, annaffiarlo la sera o al mattino presto, soprattutto durante le stagioni estive e primaverili. La Rudbeckia predilige substrati argillosi e misti, costituiti da terra, sabbia e torba.




COMMENTI SULL' ARTICOLO