Saponaria

Caratteristiche generali

La saponaria è una pianta perenne che prende il suo nome dalle saponine presenti sulla parte radicale della pianta. Essa è originaria dell’Europa (anche se si può trovare in Siberia e in America) e cresce formando una sorta di cespuglio, infatti, è impiegata per coprire muretti a secco, zone spoglie del giardino e si può osservare anche in natura. La sua struttura è caratterizzata da lunghi fusti molto ramificati che possono raggiungere dimensioni di circa 10/ 30 centimetri; il fogliame è costituito da verdi foglie lanceolate oppure ovali, le quali vengono superate dagli innumerevoli fiori che nascono a grappoli. Questi ultimi hanno un colore rosa e si sviluppano fino all’arrivo di primi freddi. Per avere una pianta sempre in salute, occorre potare rami e fiori secchi, favorendo la crescita di nuovi.
Dettaglio infiorescenze saponaria.

Brucia essenze in pietra saponaria buddha.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,5€


Coltivazione

Struttura saponaria. La saponaria, nonostante sia in grado di adattarsi a qualsiasi tipo di ambiente, predilige essere messa a dimora in luoghi semiombreggiati o in pieno sole. La mezz’ombra è opportuna nel caso in cui si vivano stagioni estive molto calde. La saponaria, inoltre, non teme il freddo della stagione invernale, ma occorre fare molta attenzione alle gelate perché possono causare la morte della parte aerea della pianta. Se gli esemplari sono stati messi a dimora da poco tempo, occorre annaffiare regolarmente, in modo tale da sviluppare l’apparato radicale. Se la pianta è un esemplare adulto, le annaffiature vengono sostituite dall’acqua delle piogge. Se invece si vivono periodi di siccità, occorre annaffiare la pianta in maniera sporadica. Durante la stagione primaverile è conveniente sistemare alla base della saponaria del concime in granuli adatto per le piante da fiore.

  • erika All’interno di questa sezione parleremo delle piante perenni, cioè quelle che vivono più di due anni; queste piante arricchiscono i giardini di colori meravigliosi soprattutto nella stagione autunnale...
  • rosa Il linguaggio dei fiori era un modo di comunicare molto diffuso nell’800 ma ancora oggi, ad esempio, le rose rosse si regalato per significare passione, quelle bianche purezza e quelle rosa amicizia. ...
  • giardino fiorito Il giardino richiede cura e manutenzione costante, poiché le piante e i fiori devono essere seguite costantemente durante l’anno. Il giardinaggio è la tecnica che si occupa della coltivazione di piant...
  • fioriera da giardino Il giardino è uno spazio verde dove sono predominanti piante e fiori. Se la superficie a disposizione per piantare nella terra le specie vegetali è piuttosto ridotta si può ricorrere all’uso delle fio...

Portacandela - Saponaria & a due, Speckstein & zu zweit

Prezzo: in offerta su Amazon a: 33,93€


Terreno e moltiplicazione

Saponaria con infiorescenze. Come affermato in precedenza, la saponaria è una pianta che si adatta a qualsiasi tipo di ambiente anche a quelli asciutti e aridi. Tuttavia preferisce essere messa a dimora in terreni ben drenati e molto sciolti. Se il terriccio non è abbastanza drenato, questa pianta perenne può morire. La moltiplicazione può avvenire mediante seme, talea o utilizzando i cespi dell’anno prima. La propagazione mediante seme deve avvenire durante la stagione primaverile. La diffusione mediante talea invece si pratica nella stagione estiva. Occorre recidere un ramo semilegnoso della pianta madre, metterlo in vaso, annaffiarlo e aspettare che si formi l’apparato radicale. Quando la pianta figlia ha formato le radici e quindi è oramai autonoma, si può mettere a dimora in piena terra.


Saponaria: Malattie e usi

La saponaria è una pianta che solitamente non è attaccata da parassiti o sulla quale insorgono malattie specifiche. L’unica cosa a cui occorre fare attenzione è il marciume radicale. Esso avviene nel momento in cui la pianta si mette a dimora in un terreno poco drenato o se si annaffia troppo spesso. I principi attivi presenti nella saponaria, permettono alla stessa di avere innumerevoli usi in tantissimi campi. Questi esemplari sono costituiti da saponine, resine, mucillagini, flavonoidi, vitessina, gomma e vitamina E. Possiedono quindi proprietà diaforetiche, depurative, colagoghe e diuretiche. Fare molta attenzione se si fa un uso interno perchè si può andare incontro a conseguenze molto gravi per la salute. Inoltre, dalla saponaria è possibile ricavare dei detergenti per l’igiene personale, impiegati nel restauro, per il lavaggio delle stoffe etc.


  • pianta saponaria Fogliame ovale o lanceolato per la pianta Saponaria, appartenente alla famiglia delle Caryophyllaceae, è un'erbacea pere
    visita : pianta saponaria

COMMENTI SULL' ARTICOLO