Piantare rose

Piantare le rose: informazioni generali

Prima di piantare le rose occorre scegliere la specie che meglio si adatta al luogo in cui saranno messe a dimora, e successivamente seguire qualche semplice regola riguardo il terreno, le annaffiature e altre tecniche colturali indispensabili affinché questi esemplari crescano rigogliose e in salute. È bene sapere che le rose prediligono climi freschi, non umidi, e miti. Si adattano al freddo, resistono alle gelate (escluse quelle primaverili) e prediligono una posizione semiombreggiata. Non sopportano le temperature superiori ai 35/37 °C circa e vanno messe a dimora in un periodo compreso tra la fine della stagione invernale e l’inizio di quella primaverile; in questa maniera si evitano sorprese spiacevoli provocate da gelate tardive. Tutti gli esemplari di rose possono essere soggetti ad attacchi di: afidi, cocciniglia, coleotteri, marciume dei boccioli, cancro dei rami e cancro bruno, oidio. Se si segue una giusta tecnica colturale, questi fiori saranno sempre forti, robusti e in salute.
Dettaglio piante di rose

2 paia guanti da giardinaggio, Thorn Proof guanti giardinaggio per scavare e Roses Cactus Piantare la scuola materna, guanti da giardino con artigli (artigli sopra Entrambi Mani)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,99€


Piantare le rose: dove e come

Coltivare le rose Come affermato in precedenza, le rose devono essere messe a dimora in un periodo che dipende dalla condizione climatica in cui esse si trovano. In linea di massima si effettua tra la fine della stagione invernale e quella estiva. Se la messa a dimora avviene in un giardino, occorre scegliere una posizione semiombreggiata e al riparo dal vento. Si procede con l’eliminazione di vegetazione e radici presenti sulla zona; si scava una buca adatta alle dimensioni della pianta di rosa, tenendo conto dell’apparato radicale il quale non deve incontrare ostacoli durante la radicazione della pianta. Successivamente alla lavorazione del terreno e allo scavo della buca, si dispone alla base di quest’ultima uno strato di circa 4/5 centimetri una miscela di compost e concime organico. Se si devono interrare più piantine, tra una buca e l’altra occorre lasciare almeno mezzo metro circa. Se si tratta di esemplari rampicanti lo spazio da lasciare deve essere di almeno il doppio. Riguardo alle dimensioni delle buche per questi ultimi esemplari, esse devono distare dal muro o dalla spalliera circa 25/30 centimetri.

  • erika All’interno di questa sezione parleremo delle piante perenni, cioè quelle che vivono più di due anni; queste piante arricchiscono i giardini di colori meravigliosi soprattutto nella stagione autunnale...
  • rosa Il linguaggio dei fiori era un modo di comunicare molto diffuso nell’800 ma ancora oggi, ad esempio, le rose rosse si regalato per significare passione, quelle bianche purezza e quelle rosa amicizia. ...
  • stella di natale Chi di noi non conosce la stella di Natale, o meglio, l’Euphorbia Pulcherrima? Nessuno o quasi. Tutti noi, almeno una volta, abbiamo comprato questa pianta durante il periodo natalizio, per fare un re...
  • giardino fiorito Il giardino richiede cura e manutenzione costante, poiché le piante e i fiori devono essere seguite costantemente durante l’anno. Il giardinaggio è la tecnica che si occupa della coltivazione di piant...

20 semi Abracadabra rosa, colore raro, Osiria Rose semi splendidi fiori per piantare in vaso o fiori a terra semi perenni

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Piantare le rose: pratiche colturali

Semina delle rose Successivamente all’analisi di quelle che sono le tecniche per piantare le rose, è necessario esporre quelle che sono le pratiche colturali da mettere in atto durante tutto l’arco dell’anno per avere degli esemplari sempre in salute e resistenti. Le annaffiature devono essere frequenti, effettuate durante la mattina; bisogna evitare che il terriccio si asciughi tra un’annaffiatura e l’altra. Prima dell’arrivo della stagione invernale, nonostante la rosa resista alle gelate e al freddo, occorre praticare una pacciamatura del terreno, utilizzando della paglia, foglie, rametti e letame maturo per proteggere l’apparato radicale della pianta. Ogni anno, dalla fine del mese di marzo e fino all’inizio di aprile, occorre fertilizzare le piante con del concime organico o artificiale, ricco di potassio e magnesio. In seguito alla fertilizzazione si pratica un’operazione di potatura, rimuovendo rami danneggiati, secchi, spezzati o malati. In questa maniera, con il risveglio vegetativo, sin da subito si noterà il rigoglioso sviluppo di nuove foglie e boccioli.


Piantare rose: Piantare le rose: preparazione

Dettaglio annaffiatura rose La preparazione e le caratteristiche del terreno sono dei fattori fondamentali e indispensabili per piantare le rose. Ciò è evidente perché, se i fiori si trovano in un terreno troppo secco o poco drenato, si avrà un problema a livello del fiore; oltre a questo, il fogliame non sarà vigoroso e sia la parte aerea e sia quella radicale saranno soggette a infestazioni molto dannose. La preparazione del terreno in cui coltivare le piante di rose, deve avvenire almeno venti giorni prima della loro messa a dimora. Per il semplice fatto che la rosa predilige un terreno molto lavorato, occorre smuovere il terreno, lavorandolo con una vanga da giardinaggio, per almeno trenta centimetri di profondità. A lavorazione finita si prosegue con la concimazione mediante del comune compost o letame maturo, entrambi acquistabili presso negozi specializzati. Dopo aver lavorato e concimato il terriccio, l’ultima fase della preparazione consiste nel miscelare alla terra della ghiaia o sabbia. In questa maniera si alleggerisce e si drena il terreno, evitando che si creino ristagni idrici molto dannosi per l’apparato radicale delle rose.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO