Barbabietola rossa

L'irrigazione

L'irrigazione della barbabietola rossa prevede un generoso apporto idrico. Soprattutto nelle prime fasi di vita dobbiamo assicurarci che alle giovani piantine non manchi mai l'acqua. Essendo una verdura che viene seminata e che spunta dal terreno nel periodo primaverile, le precipitazioni atmosferiche potrebbero anche essere naturalmente intense e frequenti, stimolando la vegetazione. In questo caso eviteremo di irrigare avendo cura, semplicemente, di constatare che le piogge non manchino per più di una settimana di fila. Invece, durante la vita della pianta, quando la barbabietola rossa inizierà a svilupparsi, è bene non esagerare con le annaffiature. Apporti idrici troppo abbondanti provocherebbero, esattamente come succede nel ravanello, la crescita rigogliosa dell'apparato fogliare a discapito della barbabietola stessa. In estate, ovviamente, dovremo comunque intensificare le annaffiature.
Barbabietole

Pacchetto di 1.000 semi, Detroit Rosso Scuro barbabietola semi (Beta vulgaris)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,97€


Tecniche di coltivazione

Barbabietole rosse La barbabietola rossa va seminata intorno al mese di aprile, a seconda del clima, per essere sicuri che le temperature, comprese quelle notturne, non scendono mai al di sotto dei 7-8°C. Dovremo rigorosamente evitare di esporre la giovanissima piantina all'ultima gelata e all'ultima ondata di freddo intenso. I semi potranno essere immersi preventivamente in acqua per alcune ore, per favorire la germinazione che avverrà dopo qualche giorno. Provvederemo alla semina a 3cm di profondità. Dovremo regolarci lasciando 10-15cm tra una piantina e l'altra e 30cm tra le file parallele. Per una coltivazione di piccole dimensioni non sarà necessario installare impianti di irrigazione fissi e potremo procedere manualmente al bisogno. Quando le piantine spunteranno dal terreno avremo modo di verificare la corretta disposizione. Se sono cresciute troppo ravvicinate diraderemo andando a sradicare quelle di troppo.

  • Barbabietola rossa Barbabietola rossa: proprietà antiossidanti, dietetiche e non solo! Oltre a contenere vitamine A e C, questo ottimo ortaggio è ricco di vitamine del gruppo B, in partiolare la B59, o acido folico, con...
  • Barbabietola La barbabietola è una pianta che appartiene alla famiglia delle Chenopodiaceae, ha caratteristiche erbacee biennali con radice fittonante. I fusti della pianta possono arrivare ad un'altezza di 2 metr...
  • Cicoria pan di zucchero La cicoria è una pianta erbacea di tipo perenne presente in tutto il mondo che può arrivare ad un’altezza di un metro e mezzo. In Italia è molto diffusa ad esclusione delle zone tirreniche e meridiona...
  • Orto casalingo Il vento, la grandine, la pioggia, il freddo condizionano il rendimento dell'orto. Gli ortaggi invernali però sono resistenti alle situazioni proibitive tipiche della stagione, quando non si verifica...

Nature's Root Semi di Barbabietola Rossa Bio 250g - Microgreens | Germogli di microgreen | Non OGM | Biologico Certificato

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,6€


Il terreno ideale

Barbabietola orto Il terreno per la semina e la coltivazione della barbabietola rossa va preparato in anticipo. Indicativamente potremo iniziare le operazioni nell'autunno che precede la messa a dimora. Opereremo una vangatura profonda ed una zappatura energica. La barbabietola rossa non è particolarmente esigente dal punto di vista dei nutrienti. Sarà più che sufficiente aggiungere alla terra un po' di letame maturo e di compost naturale. Verificheremo il drenaggio del terreno e se dovessimo notare che le precipitazioni atmosferiche più intense provocano la formazione di pozzanghere, dovremo lavorare ulteriormente la terra, all'occorrenza aggiungendo al substrato un po' di sabbia o terriccio universale. La barbabietola rossa non dovrà entrare a contatto direttamente con il fertilizzante, per cui è opportuno attendere che il terreno abbia assorbito completamente il concime.


Barbabietola rossa: Esposizione e clima

Barbabietole germogli La barbabietola rossa cresce bene in tutte le Regioni d'Italia, sia nelle zone costiere che in quelle collinari. Non necessariamente andrà collocata a tutto sole. Anzi, se ci trovassimo in un posto dove l'estate è particolarmente calda sarebbe meglio mettere a dimora la barbabietola rossa in un appezzamento dell'orto posto a mezz'ombra, dove i raggi diretti del sole arrivino solo per alcune ore durante l'arco della giornata. La barbabietola rossa può essere colpita da peronospora, oidio e altre malattie. Si dovrebbe evitare il più possibile l'utilizzo di antiparassitari e antifungini chimici. La pacciamatura è una valida misura di prevenzione, poiché con questa tecnica la terra si mantiene umida e la parte della barbabietola che spunta dal terreno risulta protetta. Per questo scopo si possono usare sfalci d'erba e cortecce.



COMMENTI SULL' ARTICOLO