Il peperoncino calabrese

vedi anche: peperoncino

Il peperoncino calabrese

Il gusto piccante, anche se giunto in Europa in tempi relativamente recenti, è entrato ormai a far parte di molte cucine regionali ed è senz’altro indispensabile per la perfetta riuscita un gran numero di piatti, dalla pasta, al pesce, alle carni. Il suo utilizzo è diffuso un po’ ovunque nel nostro paese, ma è innegabile che le aree in cui viene sfruttato in maniera più massicciano siano quelle centro-meridionali. Le regioni a maggiore “tasso di piccantezza” sono il Lazio, la Basilicata, la Campagna e la Puglia. Il primo posto va tuttavia lasciato alla Calabria che ha con il peperoncino un legame ormai indissolubile: questo ingrediente viene usato in un gran numero di ricette, dai primi alle salse, agli insaccati e, ultimamente, anche nei dolci, nei liquori e nelle birre.

I Calabresi sono anche maestri nella coltivazione e nella conservazione di questi preziosi frutticini

peperoncino calabrese

Il Viaggiator Goloso Nduja con Peperoncino Calabro - 135 g

Prezzo: in offerta su Amazon a: 2,57€


Le Solanacee, i peperoni e i peperoncini.

peperoncino calabrese Come è noto molti ortaggi appartenenti della famiglia delle Solanaceae (peperoni e peperoncini, patate, pomodori) sono giunti in Europa solo a partire dal 1500: la loro origine è difatti americana. Dopo la loro introduzione per lungo tempo vennero trattati con sospetto a causa della loro parentela con alcune piante velenose (ad esempio labelladonna). In seguito si scoprì che la presenza di alcaloidi era per lo più concentrata nelle parti verdi (e quindi non nei frutti) e che, in altri casi, (come per la patata e la melanzana) la cottura era in grado di renderli perfettamente

edibili. Il peperone e il peperoncino (appartenenti al genere Capsicum) sono in realtà la stessa pianta, ma il primo è stato selezionato per avere dimensioni maggiori ed essere quasi o completamente privo di capsaicina (la sostanza che

causa la sensazione di piccantezza).

    HABANERO RED SAVINA Polvere Peperoncino Puro PICCANTE MEDIO Il Più Piccante degli Habanero, VASO VETRO 15g Prodotto in Calabria

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,99€


    Origini e prime selezioni

    peperoncino piccante cherry bomb Il genere Capsicum (cui appartengono principalmente quattro specie: frutescens, chinense, pubescens, baccatum) è originario del Continente americano. Secondo recenti studi genetici gli ascendenti botanici si possono ancora oggi rinvenire nelle aree comprese tra il Cile, il Perù, la Bolivia, l’Ecuador e il Brasile. I frutticini, inizialmente minuscoli, grazie all’opera di selezione umana, divennero mano a mano più grandi e più piccanti. In epoca precolombiana iniziò la diffusione in tutto il continente: la coltivazione divenne particolarmente diffusa nell’attuale Messico e nelle isole caraibiche. Proprio qui fu dove Cristoforo Colombo e i suoi compagni di viaggio videro il peperoncino per la prima volta. Già dal secondo viaggio nelle Americhe (datato 1494) decisero di portare in Spagna questa pianta, insieme ad altre che erano state selezionate come “interessanti”.


    L’arrivo in Europa

    Il peperoncino giunse quindi in Europa e cominciò ad essere coltivato nella penisola iberica (proprio per questo, in alcuni dialetti viene ancora denominato “spagnolino”). Bisogna però precisare che inizialmente non fu particolarmente apprezzato: la selezione predilesse le varietà dolci e prive di capsaicina. Il suo impiego divenne invece comune nelle regioni mediterranee (Catalogna, Andalusia). Da lì si diffuse velocemente al Nord Africa: il piccante, infatti, si sposava magnificamente con altre spezie nei piatti tipici del Maghreb. Queste popolazioni, che vivevano in un clima caldo, apprezzarono inoltre da subito le virtù antisettiche e il grande apporto di vitamine (per esempio della vitamina C).

    NomeForma e colorePiccantezzaDescrizione piantaUso piantaGustoUtilizzi
    Peperoncino di Soverato, Diavolicchio, Calabrese a mazzettiDi piccole dimensioni (lungo fino a 3 cm), a forma di cornetto. A maturazione assume un bel color rosso acceso lucidoMedia, da 10.000 a 30.000 Unità ScovillePiuttosto compatta (da 50 a 60 cm di altezza), ma allargata, con molti steli basali. In aree ventose può richiedere sostegni. I frutti crescono a mazzettiOttimo nell’orto, ma cresce bene anche invaso. Bello anche come pianta ornamentale nelle bordureDolce e fruttatoDa fresco su pasta, pesce, formaggi e nelle salse. Può essere essiccato facilmente al sole. Ottimo per creare ornamentali collane di peperoncini essiccati
    Peperone lungoDi forma triangolare, lungo fino a 8 cm, molto stretto, prima verde, poi gradatamente rosso vivo.Medio-alta, da 30000 a 100.000 Unità ScovilleAlto da 60 a 70cm, con molti steli. Necessita quasi sempre di sostegni. Produce abbondanti frutti a mazzetti, rivolti verso il basso, con maturazione scalareCresce bene nell’orto, con terreno molto ricco. Va bene anche in vasi larghi e profondiDolce e piccante da maturo, meno forte e più amaro da verdeOttimo da fresco, può essere essiccato facilmente da intero (la polpa è sottile) e intrecciato in collane da appendere.
    SalomonFrutti a cornetto, prima verdi, poi rosso scuro lucido. Sono lunghi da 6 a 8 cm e larghi circa 2.Molto bassa, circa 1.000 Unità ScovillePianta compatta e larga. Cresce al massimo fino a 60 cm, ma ha molti steli che necessitano sostegno.Cresce bene nell’orto, ma si adatta bene anche al vaso. Ornamentale anche per il giardinoMolto dolceOttimo consumato da fresco, anche da crudo con altre verdure. Ideale per chi non ama l’eccessiva piccantezza Può dare un tocco frizzante e dolce alle salse
    Naso di caneFrutti a mazzetti, a triangolo equilatero. Lunghi mediamente da 12 a 20 cm, di colore rosso vermiglio da maturo, prima verde o a chiazzeAbbastanza bassa: di solito non supera le 3000 Unità ScovillePianta bassa (60 cm) e larga, con molte ramificazioni. Il più delle volte necessita di tutori. I frutti sono a mazzetti rivolti verso l’altoOrticola coltivabile anche in vaso. I frutti verso l’alto lo rendono estremamente allegro e ornamentaleFruttatoAdatto sia all’essicazione sia all’utilizzo da fresco. Data la forma e la polpa compatta si farcisce facilmente. La sua polvere è molto usata negli insaccati tradizionali.
    Naso di cane piaccanteForma a triangolo equilatero, lungo fino a 20 cm, prima verde poi rosso vivaceMediamonete piccante: da 10.000 a 20.000 Unità ScovilleAlto fino a 60 cm e molto ramificato. Anche questo produce frutti rivolti verso l'alatoDa orto o da vaso ampio. visti i bei frutti trova collocazione anche in giardino.- Dolce Da fresco in salse e primi piatti. Da essicato negli insaccati.
    Cherry bomb (peperoncino a ciliegia, grande)Frutti rotondi abbastanza grandi (fino a 6 cm di diametro), di un bel colore rosso acceso. Esistono anche varianti giallePoco piccante (fino a 5.000 Unità Scoville) Esiste anche una varietà molto simile (detta “bacio di Satana”) più forte.Pianta compatta e larga: alta e ampia circa 60cm. Il più delle volte necessita di tutori.Ottima da giardino o da grande vaso, ma bella e divertente in giardino- Dolce e leggermente piccante Usato da fresco. La compattezza di polpa e buccia consente di cuocerlo e farcirlo in varie maniere. I più piccoli vanno bene anche per conserve sott’olio sott’aceto


    Il peperoncino in Italia

    Il peperoncino giunse nel nostro paese proprio grazie all’influenza culturale che gli arabi avevano nelle nostre regioni meridionali. Questa spezia cominciò a diffondersi prima in Sicilia, per poi diventare comunissima in Calabria. Le sue qualità antibatteriche furono da subito gradite, ma un altro punto a suo favore fu l’estrema facilità di coltivazione in quel clima e in quei terreni: si ebbero da subito abbondanti raccolti. I frutti, inoltre, erano molto semplici da conservare, sia da secchi, sia sott’olio: rappresentavano quindi una valida e economica alternativa alle

    carissime spezie orientali.

    Già alla metà del 1600 questa coltura, come ci racconta Tommaso Camapanella, era estremamente diffusa in tutta la regione; all’inizio del 1800 il peperoncino era ormai diventato indispensabile per un gran numero di piatti essendo praticamente l’unico condimento a disposizione degli strati più poveri della popolazione. Secondo molte fonti veniva addirittura utilizzato correntemente come merce di scambio.


    Varietà

    In Calabria e nelle regioni limitrofe il peperoncino è molto coltivato. Si possono quindi trovare molte varietà diverse, per lo più denominate in maniera tradizionale: non derivano di solito da linee pure e non sono frutto di una selezione professionale. Si possono quindi trovare piante simili nel portamento, nella forma del frutto e nella piccantezza, ma è del tutto probabile che vi sia anche una grande variabilità. Precisiamo inoltre che, nonostante la grande reputazione del peperoncino calabrese, la sua piccantezza, se confrontata con altre tipologie coltivate in Messico, Africa o Asia, risulta solamente media, se non bassa.

    Qui descriveremo le tipologie più diffuse e gli usi cui vengono destinate abitualmente.


    Prodotti tipici

    peperoncino calabrese Come abbiamo detto il peperoncino in Calabria viene utilizzato praticamente in tutte le preparazioni. Alcune di queste sono però diventate “tradizionali” e quindi simbolo del legame di questa terra con il sapore piccante.

    La prima che viene in mente a tutti è la “Nduja”: crema a base di carne di maiale macinata cui vengono aggiunte molte spezie e una buona quantità di peperoncino (almeno il 20%) ad alto tasso di capsaicina. Viene di solito mangiata spalmata su fette di pane caldo. Può però venire impiegata anche come base di sughi o salse o in abbinamento a formaggi.

    Altrettanto celebrata è la soppressata: è un insaccato che prende la tipica forma piatta grazie alla pressione che viene esercitata dai pesi sotto cui viene posta per almeno due settimane. In seguito viene spostata in locali per la stagionatura che deve durare un minimo di 6 mesi. In questo tempo il prodotto si asciuga e diventa più compatto e saporito. Gli ingredienti utilizzati sono di grande pregio: è infatti selezionata a questo scopo solo la migliore carne derivante dalle cosce di suino, poi mescolata ad aromi e spezie. Il peperoncino è essenziale per dare il tipico sapore e colore al prodotto finito.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO