Celosia

Celosia

La Celosia è una specie di pianta molto coltivata in Europa per essere poi esposta negli appartamenti, perché ha dei colori molti intensi e vivaci. Questa pianta ha origine in America, Asia, e anche alcune zone dell’Africa. La Celosia più importante è quella Argentea, perché ha dei fiori con un colore molto particolare ed in più riesce a generare molte altre piante della specie. La particolarità di alcune specie del genere è che anche se vengono essiccati tutti i fiori, questi rimangono per tutto il resto del tempo con lo stesso colore originario. Per essiccare questi fiori, dovrete prenderli e riporli con estrema cura in una stanza buia, dove il sole non penetra per alcun motivo, infine capovolgeteli e il gioco è fatto. Cosi nel giro di pochi giorni diventeranno secchi e potranno essere usati come decorazione.

La Celosia è una pianta estremamente facile da coltivare, in giardino o in vaso. Le piantine si trovano comunemente presso i vivai, ma possiamo scegliere di crescerle direttamente da seme, specie se ne abbiamo bisogno una grande quantità. È molto decorativa nelle aiuole, nelle bordure e anche nel giardino roccioso ( specie le varietà più basse). La sua fama è però in gran parte dovuta al suo impiego come fiore da taglio. Sua caratteristica peculiare è infatti la capacità di mantenere intatti i colori dei petali anche dopo l’essicazione: diventa quindi il soggetto ideale per creare mazzi duraturi o da inserire in composizioni secche, da esporre per buona parte della stagione fredda.

Un esempio di pianta di Celosia da appartamento tenuta in un vaso

Click&Grow Starter Kit Celosia (cresta di gallo)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 44,57€


Storia della Celosia

La Celosia è giunta in Europa piuttosto recentemente: la pianta infatti era quasi sconosciuta fino alla metà dell’”800. Da quel momento si cominciò a selezionarne varietà e ibridi, a partire dalle circa 50 specie rinvenibili in natura, originarie per lo più della fascia tropicale dei continenti africano, asiatico e americano. In quel clima viene normalmente trattata da perenne: da noi tuttavia, a causa della sua limitatissima rusticità, va invece considerata una annuale.

Grazie agli incroci tra le varie specie le varietà oggi a disposizione sono davvero tantissime. La gamma di colori è ampissima e le diverse altezze (da appena 20 cm a più di un metro) ci consentono un gran numero di impieghi: ottimo è l’inserimento nelle bordure miste (dove attireranno l’attenzione per l’eccentricità o la verticalità delle infiorescenze), ma la celosia si fa valere anche come ottimo coprisuolo o pianta da giardino roccioso. Ci stupirà per la sua resistenza e la lunga stagione di fioritura.


  • Camelia Avete idea di quante possano essere le piante da giardino? Sicuramente moltissime e tutte molto interessanti e degne di considerazione ma noi ci limiteremo ad illustrarvene alcune come l’azalea, piant...
  • begonie Questa sezione è dedicata alle piante annuali, cioè quelle il cui ciclo vitale dura un anno oppure una o due stagioni. Parleremo, tra le altre, di alcune piante molto note che troviamo nei nostri parc...
  • erika All’interno di questa sezione parleremo delle piante perenni, cioè quelle che vivono più di due anni; queste piante arricchiscono i giardini di colori meravigliosi soprattutto nella stagione autunnale...
  • pianta In questa sezione parleremo delle numerose piante da appartamento, questi bellissimi esseri vegetali che decorano e rendono più belle ed allegre le case di tutti noi, danno un tocco di poesia, di spen...

Celosia argentea var.new look - Pot du 10,5cm - Pack du 15Unités

Prezzo: in offerta su Amazon a: 40,04€


Ambiente ed esposizione

Un esempio di fiore che troviamo sulle piante di Celosia.Anche per questa pianta d’appartamento l’ambiente e l’esposizione varia seconda del periodo dell’anno, infatti durante i periodi caldi, dovrete esporla molto spesso al sole preferendo allo stesso tempo un ambiente umido. Mentre invece nei periodi invernali, dovrete fare lo stesso riguardo l’esposizione, e cioè tenerla più al sole possibile, ma per quanto riguarda l’ambiente, dovrete scegliere uno meno umido e con un clima più temperato.

LA CELOSIA IN BREVE
Famiglia, genere, specie Amaranthaceae, celosia argentea
Luoghi di origine America, Asia, Africa; nelle fasce tropicali
Tipo di pianta Perenne coltivata come annuale, erbacea
Portamento eretto
Colore fiori Rosso, arancio, giallo, bianco, rosa
Uso Bordure, aiuole, giardino roccioso, vaso, fiore da taglio, orto-giardino
Altezza a maturità Da 20 cm a più di un metro
Larghezza  Da 20 a 50 cm
Velocità di crescita Da normale a veloce
Manutenzione media
Irrigazioni frequenti
Temperatura minima 10°C
Temperatura ideale  20-25°C
Esposizione Pieno sole-mezz’ombra (al Sud)
Terreno Ricco, fresco, ben drenato
Concime Ricco in potassio, liquido, ogni 15 giorni (per vaso), granulare in piena terra; anche fogliare
pH suolo Subacido-neutro
Umidità suolo Sempre fresco; ottimo drenaggio
Umidità ambientale alta
Moltiplicazione Semina


Semina

La celosia è una pianta capace di dare grandi soddisfazioni al coltivatore più esperto come a quello alle prime armi. Come molte annuali ha infatti una crescita veloce e, se seminata nel giusto periodo, germina senza alcuna difficoltà.

Ecco alcuni suggerimenti per ottenere esemplari di grande effetto e in piena salute.

La semina della celosia non presenta grandi difficoltà. Bisogna solamente prestare particolare attenzione alle temperature minime e al mantenimento di un’alta umidità ambientale.

Estremamente importante è però partire da semi di qualità, selezionati e conservati in maniera ottimale: compriamoli a fine inverno, controllando la data di scadenza.

Come procedere con la semina?

Se vogliamo anticipare la fioritura è possibile cominciare la semina già a fine inverno, indicativamente a febbraio. Per ottenere la germinazione ricordiamoci però che dobbiamo garantire una temperatura minima costante di circa 17°C (anche se è consigliabile rimanere sui 20°C). Ciò è attuabile ponendo i vasetti su di un termosifone, in cima ad un frigorifero (dove fuoriesce aria calda) o utilizzando un tappetino riscaldante.

Altrettanto importante è mantenere sempre un alto tasso di umidità: vaporizziamo spesso e copriamo i vasetti con pellicola trasparente. Un’ottima alternativa è anche utilizzare scatole di plastica trasparenti con coperchio, con qualche buco di aerazione (ad esempio quelle usate per la vendita delle fragole). È ciò che più si avvicina ad una serretta.

Utilizziamo una composta ricca, ma capace di drenare bene l’acqua: mescoliamo terriccio per piante fiorite, terra da giardino e sabbia in parti uguali.

I semi vanno semplicemente sparsi e coperti con un leggero strato di terriccio setacciato (o, meglio ancora, vermiculite agricola).

Se vogliamo seminare all’aperto (o direttamente a dimora) è bene aspettare almeno maggio, accertandoci sempre che le temperature minime non scendano mai sotto i 15°C.

In ogni caso teniamo presente che la germinazione è abbastanza lenta: ci possono volere da un minimo di 10 fino 20 giorni, in relazione alla qualità dei semi e alle condizioni climatiche.

Dopo la germinazione è importante, appena vediamo le prime foglioline, esporre le piantine ad una luce intensa, ma non diretta. Eviteremo così che “filino” diventando inutilizzabili. Quando saranno di circa 3 cm potremo procedere con il diradamento, mentre per il trapianto sarà necessario attendere che raggiungano almeno i 10-15 cm (a seconda della varietà). Cerchiamo in quella fase di non rompere il pane di terra: le radici sono molto delicate. Da questo punto di vista per la semina si hanno risultati sicuri impiegando vassoi alveolari.

Una volta che le piantine avranno raggiunto i 10 cm avranno una crescita molto veloce e fioriranno entro 45 giorni. Per ottenere esemplari più equilibrati, fioriferi e accestiti è bene effettuare diverse cimature.


Terreno

Queste tipo di piante hanno bisogno di un terreno ottenuto da un miscuglio formato da un terriccio molto fertile, e della sabbia alquanto torba. Il ph da constatare deve essere di almeno di 6,3.

Come tutte le piante dalla fioritura prolungata la celosia necessita di un substrato ricco di sostanze nutritive. Altra importante caratteristica, in questo caso, è la capacità di mantenersi fresco a lungo.

I preparati per piante fiorite vanno abbastanza bene; per ottenere il meglio è però consigliato un miscuglio, in parti uguali, di terriccio, terra da giardino e sabbia di fiume.

Per scongiurare il pericolo di marciumi, piuttosto frequenti, creiamo sempre sul fondo uno strato drenante con ghiaia o argilla espansa.

IL CALENDARIO DELLA CELOSIA
Semina Da febbraio ad aprile/ possibile semina scalare
Fioritura Giugno-novembre
Essicazione fiori Agosto-settembre
Raccolta semi settembre


Messa a dimora e rinvaso

Il rinvaso è un operazione che non viene fatta quasi mai quando si parla di Celosie, perché esse sono piante che vengono coltivate annualmente e per questo non hanno alcun bisogno della messa a dimora e del rinvaso.

Posizionamento

Queste annuali gradiscono posizioni molto esposte, calde e luminose. Possiamo quindi inserirle a Sud o comunque dove vengano raggiunte dal sole per almeno 5 ore al giorno. Crescono bene anche all’interno o in veranda: in quel caso dovremo però essere più accorti per evitare che i raggi solari vengano concentrati dai vetri causando bruciature fogliari.


Annaffiatura

La celosia non necessita di un annaffiatura costante giorno per giorno, e anche il terreno deve essere tenuto umido, ma non troppo. Infatti se operate un annaffiature troppo pesante, rischierete di far marcire le radici della vostra pianta . Inoltre dovete far ben attenzione a non lasciare delle pozze di acqua sotto il vaso, perché anche in questo caso, l’acqua potrebbe penetrare nella pianta col passare del tempo e di conseguenza essa marcirebbe e la sua vita cesserà in breve tempo.

Siccome è una pianta che predilige il clima tropicale, dovrete fare attenzione a tenerla ben umida nei periodi estivi, però dovete riporre accortenza nel bagnare lievemente soltanto le foglie e non tutta la pianta, per il solito problema delle radici. In ultimo ci raccomandiamo di fare questa operazione soprattutto nelle ore mattutine, cosi che per l’arrivo della sera tutte le foglie siano ben asciugate.

Il terreno delle celosie deve sempre essere fresco, ma bisogna evitare che vi siano ristagni idrici. Oltre a curare particolarmente il substrato è bene accertarsi sempre dello stato del terreno prima di tornare a somministrare acqua: aspettiamo sempre che i cm più superficiali risultino ben asciutti. Per aiutare le piante nei periodi più caldi può anche essere utile aumentare l’umidità vaporizzando le foglie e le aree intorno.


Concimazione

La concimazione deve essere fatta utilizzando dei fertilizzanti fluidi; essa deve essere fatta una volta al mese e di solito è bene farla corrispondere con l’annafiatura.Quando poi la pianta di Celosia inzia a fiorire, la concimazione deve avvenire più spesso, per lo meno due volte al mese. Affinchè la vostra pianta possa , crescere in modo naturale, dovrete usare un fertilizzante che abbia un rapporto 3:1:2 tra Azoto, Fosforo e Potassio.

Per le piante in vaso è ottimo un prodotto liquido, ad alto tenore di potassio, da somministrarsi ogni 10-15 giorni. In piena terra risultano invece più efficaci i prodotti granulari a lenta cessione, sempre con le stesse caratteristiche di composizione (per esempio sono ottimi i fertilizzanti per pomodori).

Buoni riscontri si ottengono anche con la concimazione fogliare, seguendo le indicazioni del produttore.


Potatura

La Celosia ha dei fiori molto belli, per vederli e farli uscire brillanti e vigorosi, dovrete applicare la cimatura all’apice vegetativo della pianta; in modo tale da fa crescere molti altri rami. Cosi la pianta potrà respirare di più e genererà dei bellissimi fiori.

Pulizia

Per garantire un veloce rinnovo degli steli fiorali e un effetto estetico di lunga durata è bene dedicarsi frequentemente alla pulizia delle piante. Eliminiamo sistematicamente le infiorescenze appassite o danneggiate dalla pioggia: ciò ci aiuterà anche a tenere sotto controllo l’autodisseminazione.


Riproduzione

La pianta di Celosia si riproduce per seme; la conseguenza di questo è che le figlie saranno del tutto diverse dalla pianta madre; ma questo non deve essere considerato per alcun motivo un handicap, anzi potrete ammirare altre piante nel vostro appartamento. Riguardo la moltiplicazione per semi, bisogna dire che essa deve essere fatta all’inizio della primavera, quando il clima sarà temperato. I semi devono essere messi circa due mm sotto terra, vicino la pianta madre. Per aiutarvi in questa operazione, potrete usare degli attrezzi adatti, ma dovete fare attenzione che siano puliti bene, altrimenti portano dei parassiti alla pianta. Per essere più tranquilli, sarebbe meglio prendere una paletta di legno e sotterrare i semi. Una volta che i semi hanno germogliato, si prende il vaso e lo si espone interamente al sole, cosi in questo modo, i nuovi germogli diventeranno più forti e la loro vita sarà molto più lunga della media che hanno le Celosie. Infine quando avranno raggiunto un altezza di circa cinque centimetri, le potrete dividere e mettere in vasi piccoli. Da questo momento inizierete a trattarla come una pianta adulta.


Fioritura

La fioritura della Celosia inizia principalmente verso la fine di maggio, periodi che corrisponde con la fine della primavera, fino ad arrivare a novembre, quindi autunno inoltrato.


Malattie e parassiti

Una malattia che si presenta spesso con la Celosia è quella che fa avvizzire la pianta; il tutto accade quando si espone per troppo tempo la pianta al freddo. Se ve ne accorgete in tempo, dovrete spostare la pianta in un luogo più caldo, lontano soprattutto da correnti d’aria che possono continuare a danneggiarla.


Temperature per la celosia

La celosia non è assolutamente rustica. Come abbiamo detto cresce spontaneamente nelle regioni tropicali e da noi può cominciare a patire già quando si toccano i 10°C. La coltivazione all’esterno può essere effettuata in linea generale da aprile (nel Centro-Sud)-maggio a settembre. Negli altri mesi è bene ritirare i vasi all’interno o in serra. In caso di bruschi cali delle temperature si possono invece accostare a muri esposti a Sud o proteggerli con del tessuto apposito.

Vanno anche evitate le posizioni esposte ai venti, specialmente in primavera e autunno.

Ad ogni modo le condizioni ideali di crescita si hanno con temperature superiori ai 20°C.


Raccolta dei semi

Le celosie producono semi in abbondanza (e possono infatti risultare estremamente invasive). Ciò però può anche essere un vantaggio visto che non saremo obbligati a comprare bustine anno dopo anno. Teniamo solamente presente che le piante ottenute con semi “autoprodotti” raramente garantiscono il mantenimento del colore originale (o di altre caratteristiche peculiari).

I grani si possono raccogliere a fine estate, lasciando opportunamente maturare alcuni steli. Avvenuta l’essicazione sarà sufficiente scuotere i “pennacchi” all’interno di un sacchetto di carta. Conserviamoli poi al buio, in un locale fresco e non umido.


Celosia come fiore da taglio

Come abbiamo detto la diffusione della celosia è legata in maniera particolare alla sua conservabilità come fiore da taglio.

Le infiorescenze possono essere impiegate fresche oppure essiccate e, abbinate per esempio ad altri fiori, decorare gli interni durante il lunghi mesi invernali.

Per mantenere inalterati i bei colori importante raccogliere le spighe appena fiorite: andranno poi poste in un locale scuro, fresco e arieggiato in maniera che perdano completamente la loro umidità.

Possiamo creare dei bei mazzi abbinando la celosia con spighe di grano o di orzo, con bacche autunnali o con capsule di alchechengi



  • celosia Il genere Celosia appartiene alla famiglia delle Amaranthaceae e comprende all’incirca 50 specie originarie delle regio
    visita : celosia
  • pianta celosia Sono oltre 50 le specie e le varietà appartenenti al genere di piante denominato Celosia. Le irrigazioni sono un aspetto
    visita : pianta celosia

COMMENTI SULL' ARTICOLO