Pianta papiro

Caratteristiche generali della pianta papiro

E' una pianta, questa, che ha colonizzato praticamente tutte le zone paludose del pianeta, partendo dal delta del Nilo, il suo luogo di origine, dove è ancora presente, ma in quantità decisamente minore di un tempo. Qui, nel nostro Paese è presente allo stato selvatico, in alcune delle zone umide, specialmente in Sicilia, nella zona di Siracusa; ma è molto utilizzata anche come pianta da appartamento. E' una pianta erbacea dotata di spesse radici rizomatose da cui hanno origine dei fusti sottili che arrivano fino ad un'altezza di due metri circa e terminano con un ciuffo di brattee disordinate e sottili, simili a un piumino. In realtà esistono anche delle varietà nane alte sui 30 centimetri che sono destinate alla coltivazione in vaso. I suoi piccoli fiori verde-marrone fanno capolino in estate.
Esemplare di Cyperus papyrus

Paradisi mini serra nilo - semi palma datteri nana, piante papiro giglio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11€


Coltivazione del papiro

Papiro spontaneo Coltivare questa pianta non è così difficile come sembra; la cosa importante è mantenerla sempre in un luogo luminoso, ma piuttosto umido e tagliare subito via gli steli che si fossero eventualmente seccati. Il Cyperus papyrus è una pianta che vive bene con una temperatura estiva compresa tra i 20 e i 27° C, invece nei periodi dell'autunno e dell'inverno la temperatura può scendere fino a 15° C. Prestate attenzione perché se è vero che sopporta temperature abbastanza basse, non sopporta, invece, il gelo che gli è fatale. Sia d'estate che d'inverno è una pianta che vive bene con 10 cm di acqua nel sottovaso perché ha bisogno di frequenti innaffiature. In primavera e in estate va concimata con concime liquido due volte a settimana invece in autunno ed inverno non va concimata.

    Papiro - Albero Artificiale Da Arredo Interno - Alto 180 cm

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 189,99€


    Moltiplicazione

    Papiro in giardino Chi pianta papiro anche per diletto, sa che si moltiplica con la semina, la divisione dei rizomi e la talea. Il papiro produce tanto seme, ma piccolissimo e agli esemplari che se ne originano servono anni per generare un rizoma in grado di sviluppare piante con molta vegetazione. Chi non vuole usare il seme pianta papiro con gli altri metodi. La divisione del rizoma si fa in autunno: svasare la pianta e produrre porzioni del rizoma, facendo in modo che vi siano anche le radici. Se siete per la talea agite in primavera o in estate: tenete la punta con una porzione di gambo lunga circa un terzo di quello che era in origine un fusto. Accorciate anche le foglie: dovranno avere una lunghezza di circa 3 cm. A questo punto potete immergere la talea in acqua, dalla parte delle foglie, ricordatevene.


    Pianta papiro: Papiro, pianta e materiale

    Papiro antico Il nome papiro non indica solamente la pianta, ma anche il materiale che fu inventato dagli antichi Egizi per scrivervi sopra. Gli Egizi lo usavano per preparare i fogli da scrittura, più precisamente il suo fusto. Crescendo spontanea lungo le rive del Nilo, questa pianta rappresentava un prodotto a basso costo, disponibile in abbondanza. Il procedimento di preparazione consisteva nel tagliare i fusti della pianta a liste e poi farli macerare in acqua per alcune ore. Il metodo aveva lo scopo di renderli morbidi, per poter procedere alla fase successiva: la pressatura. A questo punto si avvicinavano le liste che per forza della pressione si trasformavano in un foglio unico. Materiale molto robusto, resistente nel tempo, del quale si sono trovati resti nelle tombe dei faraoni.


    Guarda il Video
    • pianta papiro Viene chiamata comunemente papiro una pianta erbacea appartenente al genere delle cyperacee, il cui nome botanico è cype
      visita : pianta papiro
    • pianta di papiro La pianta di papiro è un sempreverde originario dell'Africa settentrionale. Ne esistono un gran numero di specie sparse
      visita : pianta di papiro

    COMMENTI SULL' ARTICOLO