Tisane per dormire

Funzioni principali delle tisane per dormire

Le piante indicate per il trattamento dell'insonnia hanno lo scopo di calmare la tensione nervosa e favorire l'induzione del sonno anche se, l'intensità di tali attività, può variare significativamente da pianta a pianta. Oggi conosciamo molte più informazioni rigiardo la natura del nostro sonno, attraversato da diverse fasi, tra cui quella REM, importantissima per riequilibrare le energie che si muovono nel nostro subconscio. I fitoterapici agiscono piuttosto sulla predisposizione al sonno, producendo una condizione di generale rilassamento che aiuti ad addormentarsi con facilità. I rimedi erboristici consentono, quindi, di scaricare la psiche dallo stress della giornata appena trascorsa, alleviando sensazioni di ansia e tensione, e inducendo un sonno riposante e tranquillo. Le piante più utilizzate a questo scopo sono principalmentre tre: la valeriana, il luppolo e la passiflora.
L'importanza di un sonno riposante

Willi Dungl Equilibrio interiore, tisana rilassante - [. Misc] 20Beutel

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,25€


Piante per realizzare efficaci tisane per dormire

Radici di valeriana Una delle piante più utilizzate per risolvere i problemi di insonnia è sicuramente la valeriana (Valeriana officinalis) erba dotata di foglie opposte, fiori piccoli e bianchi, alta complessivamente circa un metro. La parte utilizzata è la radice, dal caratteristico odore sgradevole, ricca di composti chiamati valtrati, che rappresentano i principi attivi della pianta. La valeriana ha effetto ipnotico solo se assunta ad alti dosaggi quindi è bene ricordare che piccole dosi potrebbero non sortire alcun effetto nella cura dell'insonnia. Un'altra pianta molto utile in questi casi è il luppolo (Humulus lupulus), rampicante molto conosciuta in quanto rientra nella produzione della birra. Molti, però, non sanno che i principi attivi contenuti nei suoi frutti hanno una efficace azione sedativa, ed è particolarmente indicata nelle insonnie associate a gastriti nervose. Un'altra pianta rampicante molto conosciuta per la sua azione sedativa è la passiflora (Passiflora incarnata), erba dai fiori particolarissimi e appariscenti, usata anche come pianta da ornamento. Proprio nei fiori è contenuto un alcaloide che ha azione ipnotica e blandamente antidepressiva.

  • Pianta di ortosiphon L’ortosiphon è una pianta di provenienza indonesiana nota anche con il nome di The di Giava, particolarmente diffusa ed utilizzata per le sue proprietà benefiche e depuranti. Il nome scientifico della...
  • parietaria Un nome curioso per una pianta officinale, che trae origine da una caratteristica altrettanto curiosa della specie stessa, ovvero la diffusione tra crepe dei muri esterni e lungo le strade. E’ infatti...
  • Piantaggine La piantaggine è una pianta perenne diffusa sul territorio sin dai tempi antichi: si presume che il nome derivi da ‘planta’, accezione latina con la quale in latino si indicava la pianta del piede; an...
  • Prezzemolo Presente sulla tavola degli italiani da sempre, il prezzemolo è non solo un fido compagno per l'insaporimento delle pietanze, ma anche una potente pianta officinale ed una preziosa risorsa fitoterapi...

Finocchio Semi Tisana Biologico 200g

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,99€


Alcune ricette per realizzare delle tisane per dormire

Fiore di passiflora Per realizzare delle ottime tisane per dormire, è necessario miscelare le diverse erbe in maniera intelligente, tenendo conto degli specifici campi di applicazione delle piante prese in esame ed, eventualmente, aggiungendone altre che possano sposarsi alla perfezione con il rimedio erboristico principale. Ad esempio, nelle insonnie causate dalle gastriti di origine nervosa, è più utile miscelare 1-2 cucchiai di valeriana, luppolo e melissa in acqua bollente, lasciando in infusione almeno 15 minuti e sorseggiando la sera prima di coricarsi. Seguendo la stessa modalità di preparazione, è invece più indicato, nelle insonnie accompagnate da tachicardia nervosa, utilizzare la valeriana assieme a passiflora e biancospino, quest'ultimo ideale per calmare il ritmo cardiaco. Per migliorare complessivamente il sapore della tisana è possibile aggiungere erbe come la menta o la lavanda, dotate esse stesse di una blanda azione sedativa e di un gusto più piacevole.


Tisane per dormire: Altre erbe utili per realizzare tisane per dormire

Fiori di escolzia Altri rimedi eboristici da poter inserire nella preparazione di tisane per dormire sono rappresentatae dall'arancio amaro, dall'escolzia e dal tiglio. L'arancio amaro è il frutto della pianta Citrus aurantium, ed è del tutto simile al frutto che accompagna i nostri pasti nelle stagioni invernali, dotato, però, di un gusto decisamente più amaro. In tisana si utilizzano le scorze del frutto, aggiungendone 1-2 cucchiaini in una tazza di acqua bollente, assieme a valeriana o passiflora. L'escolzia, conosciuta anche come papavero della California, appartiene alla famiglia delle Papaveraceae e contiene alcaloidi con attività ipnotica. E' molto utile nelle insonnie infantili, utilizzandone 1 cucchiaino in infusione in una tazza di acqua bollente. Anche il tiglio può essere utilizzato in associazione con altre erbe nelle tisane per dormire, grazie alla sua azione calmante, specifica nelle gastriti e nella tachicardia nervosa. 1-2 cucchiaini di tiglio si possono aggiungere, in infusione in una tazza di acqua bollente, assieme a passiflora e valeriana.



COMMENTI SULL' ARTICOLO