goji controindicazioni

Goji controindicazioni

A giudicare dalle opinioni e dai giudizi espressi nei forum on line, le bacche di goji sembrano fare molto bene alla salute e sembrano anche prive di controindicazioni. I giudizi sono dunque molto incoraggianti e fanno sperare di essere di fronte a dei frutti davvero “miracolosi”. Le bacche di goji sono effettivamente dei frutti, che siano miracolosi non è ancora certo, anche se si stanno effettuando degli studi in merito. L’unica cosa certa, per il momento, è che queste famose bacche si sviluppano da un albero omonimo, detto albero di goji. La pianta, in realtà chiamata Lycium barbarum, cresce spontaneamente nelle valli dell’Hymalaia, tra la Cina del Nord, la Mongolia e il Tibet. E’ però in quest’ultimo paese che le bacche di goji sono maggiormente coltivate e rinomate. Sono stati proprio gli stessi ricercatori tibetani a coniare il nome goji durante gli studi effettati nei primi anni ’70. I frutti di goji sono ormai conosciuti in tutto il mondo e vengono considerali l’ultima frontiera del benessere e della longevità
gojicontroindicazioni1

Kit Frutto Proibito di Plant Theatre - 5 deliziosi frutti da coltivare

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Effetto antiossidante

gojicontroindicazioni2 Le caratteristiche positive delle bacche di goji sembrano superare quelle negative. Su queste ultime si sa ancora poco, per la verità nulla, anche se gli studi recenti cercano di valutare e considerare la possibile presenza di controindicazioni nei frutti di goji. Queste bacche contengono importanti principi nutritivi, sostanze con potenti effetti antiossidanti. Gli antiossidanti sono utili per combattere l’invecchiamento della pelle e delle cellule; ecco perché i frutti di goji sono ritenuti anche portatori di longevità o “elisir di lunga vita”. Aumentando la quota di antiossidanti, infatti, diminuisce la velocità di invecchiamento cellulare e quindi il rischio di danni alle stesse cellule. I responsabili dell’invecchiamento cellulare sono i radicali liberi, sostanze che si sviluppano nell’organismo a seguito di uno scorretto stile di vita o dell’assunzione di sostanze tossiche o inquinanti. Queste sostanze sono in realtà delle molecole molto instabili che tendono a danneggiare il DNA delle cellule. A lungo andare, gli effetti dei danni cellulari si notano sulla pelle e sulla funzionalità generale dell’organismo.

  • bacche di goji La fama delle bacche di goji è recente, ma non la loro importanza nel campo dell’erboristeria e della medicina naturale. Originarie del Tibet, queste bacche venivano impiegate anche nell’’antica medic...
  • bacche goji controindicazioni Delle bacche di goji si parla per le loro proprietà, un po’ meno per le loro controindicazioni. Ammesso che ve ne siano. I frutti più chiacchierati del momento sono infatti considerati degli ottimi an...

Giardino di piante 100pcs bacca di goji sementi biologiche non OGM Goji Wolfberry Berry biologici freschi SEMI Bonsai Seed

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,95€


Effetti sui radicali liberi

I radicali liberi possono inoltre essere causati dal fumo, dall’inquinamento, dallo stress, dall’assunzione di cibi troppo grassi o contenenti additivi e coloranti. Per combatterli, servono una sana alimentazione e un corretto stile di vita. In questo contesto entrano in gioco proprio le bacche di goji, classificate dal Ministero della Salute come antiossidanti. Gli alimenti ricchi di antiossidanti impediscono la formazione dei radicali liberi e i conseguenti danni cellulari. Ricordiamo che alla base dello sviluppo dei tumori ci sono proprio dei danni al DNA delle cellule. Quindi, il dato positivo è che l’assunzione regolare di antiossidanti permette di prevenire l’invecchiamento e i danni cellulari e probabilmente anche il cancro. Le bacche di goji sembrano contenere una quota di antiossidanti 300 o 500 volte superiore a quella degli altri alimenti. L’elevato contenuto di vitamine, amminoacidi, fitosteroli, sali minerali e acidi grassi vegetali delle bacche di goji, sembra apportare enormi benefici all’organismo, con un potenziamento della sensazione di benessere, energia e concentrazione mentale. Le bacche di goji fanno anche bene alla vista, alle prestazioni sessuali e alla perdita di peso. Il loro basso contenuto di zuccheri le rende ideali anche nelle diete dimagranti: assumerle prima dei pasti dona, infatti, un senso di sazietà che induce a mangiare meno. Insomma, il quadro appena descritto depone a favore degli effetti positivi delle bacche, che allo stato attuale non sembrano avere alcuna controindicazione.


goji controindicazioni: Possibili controindicazioni

I prodotti classificati come “integratori alimentari” difficilmente presentano controindicazioni. Queste possono, invece, essere presenti nei rimedi erboristici che intervengono su alcuni disturbi o patologie acute o croniche. Le bacche di goji vengono, invece, vendute fresche, essiccate o a forma di succo e si consumano come qualsiasi altro frutto. La dose giornaliera ideale è di 15 grammi al giorno. Assumendole regolarmente, si possono prevenire gli effetti negativi dell’invecchiamento e dei radicali liberi. Non è però corretto indicarle come possibile “cura” per malattie croniche o gravi. Queste si prevengono sempre e soltanto con un corretto stile di vita ed è impensabile, ma anche illusorio, credere che in una settimana o un mese si possano spazzare via le conseguenze di una cattiva alimentazione o di uno stile di vita non proprio ortodosso. Alcuni studi hanno tuttavia rivelato che le bacche di goji possono potenziare l’azione dei farmaci anticoagulanti; è pertanto consigliabile evitarne il consumo in caso della contestuale assunzione di farmaci per malattie croniche o acute. Altre notizie sulle possibili controindicazioni delle bacche di goji si potranno avere solo con ulteriori studi e approfondimenti scientifici. Per il resto, si consiglia di guardare alle bacche di gojj per quello che in realtà sono: un buon alimento. Gli effetti "miracolosi" sono, invece, una delle controindicazioni più pericolose del marketing: fanno alzare il prezzo delle bacche e fanno calare i quattrini dal portafoglio.



COMMENTI SULL' ARTICOLO