lycium barbarum

Lycium barbarum

Il Lycium barabrum è la pianta da cui si ricavano le ormai famose bacche di goji. Questa specie è infatti denominata anche goji o albero di goji, dal nome attribuitole dai ricercatori tibetani. Ormai non si fa altro che parlare dei frutti di goji o dell’albero omonimo. Molto ricercato è anche il nome botanico della pianta, ovvero Lycium barbarum, da cui derivano proprio i frutti a cui abbiamo appena accennato. Si parla molto anche del lycium barbarum perché sono tanti quelli che vorrebbero coltivarlo nel proprio giardino o sul balcone di casa, in modo da poter disporre tutto l’anno delle “miracolose” bacche di goji. La pianta, o meglio l’albero di licycium barbarum, è facilmente coltivabile nelle nostre zone a clima mite, caldo o temperato, anche se la pianta cresce spontaneamente in paesi generalmente freddi, come il Tibet e le valli dell’Himalaya. I metodi di coltivazione del lycium barbarum sono molto simili a quelli delle altre piante. Questo rende estremamente semplice anche la coltivazione e la produzione delle bacche di goji. Purtroppo, però, il lycium barbarum da semina non fruttifica facilmente e nemmeno velocemente. Per ottenere le bacche in tempi brevi, è consigliabile coltivare la pianta già adulta o un esemplare riprodotto per talea.
lyciumbarbarum2

1 PIANTA GOJI LYCIUM BARBARUM IN VASO DA 18 CM RADICI DRITTE ATTECCHIMENTO IMMEDIATO PIANTA FRUTTA BACCHE GIARDINO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14€


Caratteristiche

lyciumbarbarumCome già detto al paragrafo precedente, il lycium barbarum è la pianta da cui si ricavano le rinomante bacche di goji. Il termine botanico della pianta si riferisce a un arbusto perenne che può superare anche i due metri e mezzo di altezza. La pianta, appartenente alla famiglia delle solanacee, la stessa dei pomodori, delle patate e delle melanzane, cresce nelle valli dell’ Himalaya, tra il Tibet, la Cina del Nord e la Mongolia. L’albero si presenta con foglie ovate di colore verde o grigio verde e fiori campanulati di colore viola pallido. L’albero, a fine estate, produce dei frutti di colore rosso vivo noti come bacche di goji. Il sapore di queste bacche è simile al mirtillo o alla ciliegia scura. Il lycium barbarum è una pianta rustica che si adatta a vivere in qualsiasi tipo di terreno. Per ottenere una fioritura e una fruttificazione regolare, conviene però scegliere terreni neutri o leggermente acidi. Per le sua caratteristiche, infatti, il lycium barbarum è molto simile alle comuni piante acidofile. Le tecniche di coltivazione del lycium barbarum non sono difficili da attuare: basta adattarle alle varie fasi di sviluppo della pianta.


  • lyciumbarbarumgoji La natura ci ha saputo regalare quanto di meglio potesse avere: alberi, piante, frutti. Alcuni di questi non sono solo belli da vedere e coltivare, ma anche da consumare. Esiste, infatti, una pianta, ...
  • proprietalyciumbarbarum Il lycium barbarum è un arbusto originario del Tibet. Il suo habitat ideale sono le valli dell’Himalaya, dove le temperature sono rigide e dove l’aria è pura e non inquinata. Saranno proprio queste c...
  • goji1 Il termine “Goji” viene abbondantemente usato negli ultimi anni. In effetti, esiste una valida ragione: il nome appena indicato si riferisce ai frutti di una pianta di origine asiatica. Questa pianta,...
  • fruttogoji La natura ci ha donato alberi, piante, fiori e frutti. Tutti hanno una determinata funzione e utilità. Molte specie sono secolari, altre ancora di recente scoperta. Esistono dei frutti che esistevano ...

Vendita calda !!! 200 semi di Goji dell'Himalaya Berry, (wolfberry), più popolare bacche heathy, cespuglio nano ricco di antiossidanti! Tu scegli!

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,05€


Coltivazione

Il lycium barbarum si può coltivare in giardino o sul balcone di casa. L’albero tende a crescere con portamento verticale regalando, specie durante la fioritura e la fruttificazione, un’ottima resa estetica. Per velocizzare la fruttificazione, si consiglia di coltivare piante di lyvium barbarum già adulte o ricavate da talee. L’albero, infatti, se ottenuto dalla semina, tende a fruttificare poco o solo dopo qualche anno. Il lycium barbarum si può coltivare in vaso, all’aperto o in una serra. La pianta si adatta bene a qualsiasi clima, anche al caldo e al freddo. In inverno, però, specie a temperature molto basse o prossime allo zero, il lycium barbarum tende a perdere le foglie. Questo fenomeno protegge la pianta dai rigori invernali. La fioritura avviene ad agosto, con qualche anticipo nelle zone più calde. Nella pianta adulta o ricavata per talea, i frutti compaiono a partire da settembre. Per una coltivazione ottimale, il lycium barbarum necessita di terreni neutri, anche lievemente acidi, ben drenati e concimati con fertilizzanti organici. In estate, specie con clima arido e secco, l’albero di goji va irrigato frequentemente, mentre in inverno si può procedere ogni quindici o venti giorni. La pianta può essere potata come gli altri arbusti, per contenerne la crescita e mantenerla ordinata. Gli interventi si possono effettuare in estate in caso di crescita vigorosa, a primavera o in autunno in caso di crescita più regolare. Per un sano sviluppo, bisogna ricordare che il lycium barbarum ha bisogno di un ‘esposizione soleggiata per almeno cinque o sei ore al giorno.


lycium barbarum: Prezzi

L’albero di goji o lycium barbarum, ormai, si acquista facilmente nei vivai e negli e-commerce. La sua fama è talmente cresciuta negli ultimi anni che è davvero impossibile non trovarlo. Gli esemplari acquistabili sono in vaso ed ottenuti da talee, ovvero da rami ricavati dalla pianta adulta o pianta madre. In commercio si trovano pure i semi, ma se la coltivazione è finalizzata alla produzione dei frutti è meglio scegliere gli esemplari ricavati dalle talee. Il prezzo del lycium barbarum in vaso varia in base alle dimensioni della pianta e in genere si attesta intorno agli otto, dieci euro, con punte massime di quindici o sedici euro. Coltivando la pianta regolarmente, si otterranno delle gustose bacche di goji da consumare fresche o essiccate. La dose ideale per ottenere benessere ed energia è di circa 15 grammi di bacche al giorno. In caso di mancata fruttificazione, si avrà comunque una pianta dal portamento gradevole e dall'ottima resa estetica.



COMMENTI SULL' ARTICOLO