Pianta di cachi

vedi anche: Kaki

Quanto irrigare

Il cachi è un albero di media grandezza, che può raggiungere i 10 metri circa d'altezza. È una pianta che viene usata anche per scopi ornamentali, dati i suoi contrasti di colore tra l'estate e l'autunno. Il suo habitat prevede temperature miti, con inverni non troppo rigidi ed estati soleggiate, anche se resiste a temperature al di sotto dello 0. Non è adatta a vivere in ambienti troppo umidi, e teme i ristagni idrici, per questo motivo il terreno di coltura dev'essere ben drenante. Gli interventi di irrigazione devono essere concentrati soprattutto nel periodo estivo, dove l'innalzamento di temperatura può provocare siccità (alla quale la pianta resiste, compromettendo però la qualità dei frutti): un intervento di irrigazione ogni due settimane, con pochi volumi d'acqua, è più che sufficiente. Si sconsiglia di bagnare le foglie, in quanto ciò potrebbe favorire l'attacco da parte di alcuni funghi.
Cachi maturi

1 PIANTA DI KAKI CACHI MELA ALBERO DA FRUTTO POLPA SODA

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,9€


Cure richieste

Albero cachi frutto L'albero di cachi è tipicamente selvatico, pertanto non richiede molte cure. È adatto a qualsiasi tipo di terreno, sia esso argilloso o calcareo, ed a quasi tutti i valori di pH; tollera poco la presenza nel terreno di sodio e boro, e dev'essere disposto in una zona poco ventilata ma molto esposta alla luce del sole. È opportuno eliminare eventuali rami malati, che possono trasmettere l'infezione ad altre parti della pianta, ricordando però che la potatura va sempre effettuata dopo la raccolta dei frutti. La raccolta dei frutti va invece effettuata quando questi si presentano di colore arancio vivo, senza più striature verdi: questo accade generalmente all'inizio dell'estate, ma in alcune varietà ed in base alle cure fornite alla pianta, la raccolta può essere ritardata di qualche settimana.

  • Cachi Il cachi è un albero da frutto che appartiene alla famiglia delle Ebenaceae con l'origine in Asia orientale. Le piante sono a foglia caduca con un'altezza massima che potrebbe arrivare a 18 metri. Le ...
  • Albero cachi mela I cachi mela non sono piante particolarmente esigenti in termini di apporto idrico. Ovviamente le giovani piante sono molto più sensibili alle annaffiature. I cachi mela acquistati nei vivai vanno irr...
  • Coltivazione cachi L'albero del cachi può raggiungere altezze superiori a 6m. La pianta adulta generalmente non necessita di interventi supplementari. La piovosità stagionale dovuta alle naturali precipitazioni atmosfer...
  • Cachi ragno La fine dell’autunno è, nell’orto e nel frutteto, uno dei periodi più difficili: i prodotti freschi da raccogliere per il consumo familiare cominciano a scarseggiare, specialmente se si vive nelle reg...

1 PIANTA DI KAKI CACHI VANIGLIA ALBERO DA FRUTTO MATURA A NOVEMBRE

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,9€


Quando e quanto concimare

Pianta frutto Gli interventi di concimazione possono essere limitati quando la pianta è adulta. Una volta all'anno, preferibilmente prima della fioritura, è opportuno distribuire ai piedi dell'albero 1 kilogrammo di concime ternario (contenente quindi azoto, fosforo e potassio in proporzioni simili) a lenta cessione. Lo stallatico maturo, bovino o equino, è adatto per questi interventi. Per le piante più deboli, invece, si può somministrare una volta ogni due anni un concime con elevata concentrazione di azoto. Per le piante giovani, la prima concimazione dev'essere effettuata nel momento della messa a dimora (consigliata in autunno), con un concime più ricco in fosforo e potassio; il processo deve essere ripetuto identicamente durante i primi anni di vita, caratterizzati da improduttività della pianta, per favorirne la crescita.


Pianta di cachi: Malattie e parassiti

Cachi fiori L'albero di cachi, soprattutto quando ha prodotto i suoi frutti, può essere attaccato dalla mosca mediterranea della frutta: questo insetto può essere trattato con trappole in grado di catturare fisicamente l'esemplare adulto oppure, se la diffusione è più ampia, con antiparassitari chimici. Un altro parassita che non si nutre del frutto, ma che può danneggiare il legno dell'albero, è la sesia: le larve di questo insetto, a partire da aprile, creano dei fori nel tronco dell'albero e ci si incrisalidano; alla loro fuoriuscita, gli esemplari di sesso femminile deporranno le uova sulla corteccia, così da continuare l'attacco e danneggiare gravemente la pianta. Se gli attacchi sono sporadici, può essere utile spennellare la corteccia con della calce, altrimenti è necessario procedere con un prodotto chimico a base di composti fosforganici.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO