Cachi ragno

vedi anche: Kaki

Cachi ragno

La fine dell’autunno è, nell’orto e nel frutteto, uno dei periodi più difficili: i prodotti freschi da raccogliere per il consumo familiare cominciano a scarseggiare, specialmente se si vive nelle regioni settentrionali.

Proprio per questo l’albero del cachi è stato da subito apprezzato al suo arrivo dall’Estremo Oriente ed è oggi molto frequente nei pressi delle case.

Oltre ad offrire dei frutti dolcissimi (energetici e ricchi di vitamine), può essere considerato una vera benedizione per il giardino. È molto resistente a parassiti e patologie varie e, data la crescita lenta, richiede pochissimi interventi di manutenzione. In più le sue foglie si trasformano, nello spazio di un inverno, in un fertilissimo substrato che potremo prelevare e usare come ammendante per i nostri vasi o nell’orto. Rappresenta poi, in estate, un richiamo per gli insetti impollinatori e, in inverno, una fonte di cibo per la piccola avifauna.

Non dimentichiamo in ogni caso il suo indubbio valore ornamentale: nel mese di novembre le sue foglie virano lentamente verso cromie calde, gialle e aranciate, che nulla hanno da invidiare a quelle degli aceri e dei liquidambar. Una volta spoglio è capace di mantenere fino a gennaio inoltrato i suoi frutti vivaci, che spiccheranno anche sotto la neve.

Cachi ragno

CONCIME GRANULARE BIOLOGICO SPECIALE PER FRAGOLE KIWI LAMPONI MIRTILLI 3x 500 GR

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,9€


Le varietà di cachi e la loro maturazione

Il cachi è stato, negli ultimi decenni, sottoposto ad un’importante opera di selezione per ovviare ad alcuni problematiche che lo rendevano poco appetibile sul mercato. In primo luogo molte vecchie varietà avevano, alla raccolta, una sapore astringente dovuto alla massiccia presenza di tannini. Per questa ragione sono state introdotte tipologie ermafrodite che non necessitano impollinazione incrociata, risultando dolci da subito e dando raccolti più costanti nelle annate.

Sono inoltre state immesse sul mercato varietà denominate “cachi mela” che possono essere consumate appena raccolte e che hanno la polpa molto più compatta, al punto da poter essere facilmente affettata: il trasporto è favorito ed anche la preparazione casalinga.


  • Cachi Il cachi è un albero da frutto che appartiene alla famiglia delle Ebenaceae con l'origine in Asia orientale. Le piante sono a foglia caduca con un'altezza massima che potrebbe arrivare a 18 metri. Le ...
  • Albero cachi mela I cachi mela non sono piante particolarmente esigenti in termini di apporto idrico. Ovviamente le giovani piante sono molto più sensibili alle annaffiature. I cachi mela acquistati nei vivai vanno irr...
  • Cachi maturi Il cachi è un albero di media grandezza, che può raggiungere i 10 metri circa d'altezza. È una pianta che viene usata anche per scopi ornamentali, dati i suoi contrasti di colore tra l'estate e l'autu...
  • Coltivazione cachi L'albero del cachi può raggiungere altezze superiori a 6m. La pianta adulta generalmente non necessita di interventi supplementari. La piovosità stagionale dovuta alle naturali precipitazioni atmosfer...

MyLifeUNIT - Ombrello compatto da viaggio, motivo: dipinto a olio di Van Gogh “Ramo di mandorlo in fiore”

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,95€


Il cachi ragno

cachi ragnoIl “Ragno” è una tipologia di diospero ormai ritenuta tradizionale, coltivata frequentemente nel Centro-nord della nostra penisola, in particolare nei frutteti tradizionali. La sua diffusione è dovuta innanzitutto alla buona rusticità dell’albero, che riesce a crescere anche nelle zone pedemontane, al sapore gradevole e alla buona conservabilità dei frutti.

Questi cachi sono di dimensioni medio-grandi (sui 250 gr cadauno), inizialmente sono arancione acceso, ma col tempo vanno verso il color mattone.

Loro peculiarità è la presenza nella parte bassa di linee concentriche di colore nero che, a maturazione completa, si allontanano e possono anche portare a delle spaccature. L’albero ha una crescita lenta e non entra in piena produzione prima dei 6 anni dalla messa a dimora. In compenso si tratta di una varietà ermafrodita: non è quindi necessario l’impianto di due esemplari per ottenere buoni risultati con continuità. La polpa è, alla raccolta, ancora astringente. Si consiglia l’ammezzimento ( aiutandosi con delle mele o congelando i frutti). I frutti si conservano anche per 6-8 settimane e possono essere usati anche per la produzione di marmellate o per l’essicazione.


Clima, esposizione e impianto

Il diospero è a crescita lenta e l’entrata in produzione non sia ha prima di quattro anni dall’inserimento. Per questa ragione è importante scegliere con oculatezza la zona di impianto. Un celere sviluppo si otterrà in pieno sole e magari nei pressi di un muro esposto a Sud: la pianta godrà di un buon riparo dai venti e eviteremo, soprattutto nei primi anni, gli effetti delle forti gelate.

Si adatta bene a diversi tipi di terreno, a patto che sia sempre garantito un buon drenaggio. Preferisce un substrato da neutro a subacido con aggiunta di abbondante ammendante organico. Il colletto non va mai coperto: favorirebbe i marciumi.

Le piante innestate (su Lotus o Virginiana) hanno dimostrato una maggiore vigoria e capacità di adattamento, soprattutto nel Nord Italia


Protezione dal freddo

pianta di kaki ragno Sono alberi robusti, ma temono il freddo e il vento, soprattutto nei primi anni di vita. Per questo si consiglia di scegliere posizioni riparate e di far uso di un robusto tutore fino almeno al quarto anno di età. Con inverni particolarmente rigidi può essere utile proteggere il tronco.


Manutenzione

Il cachi è impegnativo solamente nei primi anni. Per favorire l’attecchimento e lo sviluppo è importante mantenere sempre fresco il substrato nell’area coperta dalla chioma, evitando i ristagni. Le irrigazioni vanno effettuate frequentemente da maggio a fine agosto, specialmente se il terreno è sabbioso e il clima torrido.

Le potature non sono strettamente necessarie, specialmente nei primi anni. È però possibile impostare l’esemplare aprendo il centro e selezionando 4 branche principali. In questo modo favoriremo il passaggio di luce ed aria oltre ad ottenere frutti di maggiore pezzatura.




COMMENTI SULL' ARTICOLO