Albizia

Albizia: caratteristiche generali

L’Albizia è una pianta appartenente alla famiglia delle Fabaceae, all’interno della quale sono racchiuse circa 50 specie di fiori, costituiti da fiori e foglie molto particolari e caratteristici di queste specie. L’Albizia è originaria dell’Asia subtropicale, presenta una chioma a forma di ombrello, le foglie sono bipennate o decidue e disposte in modo alternato; ha un fusto costituito da immensi rami e una corteccia molto liscia che col tempo tende a diventare rugosa. Quest’albero, per certi aspetti, è molto simile a quello dell’acacia. I fiori prodotti da questa pianta hanno una conformazione estetica molto particolare, sono ermafroditi e il loro colore varia dal bianco, giallo, al rosa, secondo la specie di appartenenza. I frutti sono costituiti da un baccello o da una sorta di legume di dimensioni notevoli.
Pianta di Albizia

Albizia Julibrissina Pianta Astoni in vaso di Albizia Julibrissina - Astone in vaso

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Coltivazione e annaffiatura

Pianta di Albizia all’esterno. L’Albizia è una pianta solitamente coltivata all’aperto o in terrazzo, permettendo di godere della bellezza delle sue infiorescenze. Si adatta sia a climi mediterranei ma anche a quelli freddi. Ad esempio, l’Albizia Julibrissin è molto resistente, infatti, può tranquillamente sopportare -10 °C circa. Tuttavia, se le temperature tendono a scendere in modo vertiginoso, è conveniente coprire la pianta con dei teli in plastica trasparente. Non richiedono cure specifiche, sono resistenti all’inquinamento e alla salsedine e, possono vivere nella penombra o sotto i raggi solari diretti. Vanno messe a dimora tra ottobre e marzo. Riguardo alle annaffiature, occorre fare molta attenzione a evitare ristagni d’acqua. Durante la stagione estiva, esse devono essere abbondanti mentre in inverno, quando cioè la pianta ha perso tutte le foglie, le annaffiature devono essere notevolmente ridotte.

  • Primo piano delle foglie e dei fiori dell'acacia di Costantinopoli L’acacia di Costantinopoli, comunemente conosciuta come ‘albizia’, è una pianta che appartiene alla famiglia delle mimosaceae e comprende più di cento diverse varietà arbustive e di alberi. Questo tip...
  • Albizia julibrissin L'abizia julibrissin è un albero da giardino dal grande potere ornamentale. E' originario delle zone temperate dell'Iran e da lì si è poi diffusa in tutto il medio Oriente fino a giungere a colonizzar...
  • Fiori <strong>albizia</strong> julibrissin Il terreno ideale per la coltivazione dell'Albizia è quello soffice e fertile, con pH tendente all'acido e dotato di un ottimo drenaggio. Se la pianta viene coltivata in vaso, è necessario posizionare...
  • erika All’interno di questa sezione parleremo delle piante perenni, cioè quelle che vivono più di due anni; queste piante arricchiscono i giardini di colori meravigliosi soprattutto nella stagione autunnale...

Albizia Jullibrissin Seeds

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,07€


Dalla concimazione alla moltiplicazione

Fiori di Albizia. Nel momento in cui l’Albizia inizia a creare alle sue infiorescenze, è conveniente procedere con la concimazione. È utile ricordare che l’uso del fertilizzante deve essere ben dosato e non deve avvenire se la pianta non è in fiore. I prodotti da utilizzare devono essere a base di azoto perché, trattandosi di fiori azotofissatori, a livello delle radici si formano dei noduli, indispensabili per la trasmissione di azoto alla pianta. Le infiorescenze compaiono dalla primavera mentre, i frutti maturano verso la stagione autunnale. Tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera bisogna potare la chioma e i rami danneggiati. Bisogna sempre sterilizzare gli strumenti, prima di procedere con la potatura. L’Albizia si propaga per seme. La moltiplicazione si esegue in primavera e i semi, prima di essere piantati, devono essere immersi in acqua tiepida per circa 24 ore.


Parassiti e malattie

L’Albizia non è una pianta soggetta a particolari attacchi per opera di parassiti o malattie tuttavia, si nota che essa è soggetta all’attacco della Psilla. Questo parassita sta diventando sempre più dannoso perché durante la stagione vegetativa, esso è in grado di realizzare a più generazioni. Se si osserva la pianta, infatti, si possono notare le uova, le larve e gli adulti, nello stesso momento. La Psilla si nutre della linfa della pianta causando la caduta delle foglie e, producendo una sostanza appiccicosa, sporca interamente la pianta. I prodotti utili a debellare il parassita sono quelli a base di sali di potassio in quanto, danneggiano la parete cellulare delle larve portandole alla morte. Questo prodotto non è dannoso per la pianta e neanche per l’ambiente. La disinfestazione non si conclude in un solo ciclo perché, bisogna eliminare le generazioni di uova e larve, per poi concludere con l’eliminazione degli esemplari adulti, utilizzando insetticidi come il Rotenone.



  • albizia L’albrizia julibrissin è un albero (o arbusto) facente parte della famiglia delle Leguminosae. È molto comune nei giardi
    visita : albizia

COMMENTI SULL' ARTICOLO