Coltivare il larice

Quando e quanto irrigare

Il larice è un albero adatto a vivere ad altitudini che superano anche i 2.000 metri, quindi preferisce inverni molto freddi, con gelate anche frequenti, ed estati fresche e ventilate. Le sue radici si sviluppano molto in profondità, sia per ancorare la pianta al terreno, sia per prelevare acqua dai terreni più profondi; per questo motivo, il larice deve essere annaffiato abbondantemente per favorire lo sviluppo verticale delle radici e per far sì che, nonostante le gelate frequenti, la pianta abbia sempre acqua disponibile allo stato liquido. La frequenza dell'annaffiamento per le piante giovani dev'essere bassa in inverno ed alta in estate, ed in entrambi i casi con volumi non troppo elevati di acqua, per adeguarsi al clima alpino; le piante adulte invece riescono a tollerare periodi di siccità di diverse settimane.
Foglie larice

Garden Mile® 10 x retro solare lampadina string luci a LED bianco caldo chiaro lampadina coperture con 2 modalità Multi uso Eco friendly impermeabile Outdoor string Lights Solar Powered Globe Fairy Orb lanterna string Lights Ambiant esterno giardino illuminazione per cortile party decorazione luce

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,18€


Come curarlo

Tronco larice Il larice, in quanto pianta che cresce prevalentemente allo stato selvatico, non richiede particolari cure da parte dell'uomo. Qualora si decida di coltivare una pianta di larice nel proprio terreno, è bene considerare che questa pianta raggiunge altezze fino ai 30 metri e che ha bisogno di uno strato di terreno molto profondo per sviluppare le radici in modo ottimale; oltretutto, viene danneggiata in modo grave dall'atmosfera, e non tollera il clima mediterraneo, caratterizzato da estati troppo calde. Preferisce zone molto esposte al sole, che ne favoriscono la crescita, ma può vivere anche in aree disposte all'ombra (in questo caso la crescita sarà più lenta). Nonostante la caratteristica resistenza al freddo ed alle intemperie, le piante giovani da poco messe a dimora devono trovarsi in condizioni atmosferiche stabili, data la loro delicatezza.

  • cydonia Specie originaria dell'Asia occidentale , la cydonia , è un albero naturalizzato e coltivato in tutta la zona temperata borele . Appartiene alla famiglia delle Rosaceae . La cydonia si divide in base ...
  • Luci Natalizie Quando si avvicina il Natale, anzi quando si avvicina l'otto di dicembre, data nella quale come sappiamo si festeggia un'altra ricorrenza religiosa e si addobba la casa in occasione del Natale, le per...
  • Il significato del rododendro, considerato il re degli arbusti tra le piante da fiore sempreverdi dei paesaggi temperati, è un simbolo di eleganza, di bellezza e di temperanza in virtù della moderazio...
  • butea superba La Butea Superba fa parte della grande famiglia delle Papilionacee e nei prodotti tradizionali della Thailandia viene chiamato con il nome di Red Kwao Krua.La Butea Superba si può trovare solamente ...

CHARCOAL COMPANION Trucioli di Legno di Noce Americano per affumicatura su Barbecue

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,44€
(Risparmi 0,04€)


Quanto concimare

Alberi conifere La messa a dimora della pianta di larice va effettuata in primavera, ed è in concomitanza di questo evento che è necessario concimare. Se il terreno è povero di nutrienti, è doveroso utilizzare dello stallatico maturo, bovino o equino, che contenga fosforo, potassio e azoto in proporzione, oppure humus di lombrico; il fertilizzante dev'essere cosparso ai piedi della pianta, e non bisogna eccedere con le quantità. La concimazione può essere ripetuta ad intervalli regolari di 3 anni, verso l'inizio dell'autunno. Il terreno adeguato per i larici dev'essere ben drenato (poiché la pianta teme i ristagni idrici), umido e compatto, per favorire lo sviluppo dell'apparato radicale. I terreni ideali per questa pianta sono sabbiosi o ghiaiosi, ma tollera anche quelli argillosi; inoltre, non è sensibile a variazioni di pH del terreno.


Coltivare il larice: Malattie e parassiti

Conifera larice L'habitat in cui cresce il larice è adatto anche alla proliferazione di differenti specie fungine, che possono attaccare la pianta in maniera più o meno grave, causando marciumi delle radici, caduta delle foglie e danneggiamento del legno. Nel caso in cui l'infezione sia molto diffusa è consigliabile sradicare l'albero, ed agire in difesa delle piante circostanti con dei trattamenti preventivi. La pianta può essere attaccata anche da afidi o pidocchi del larice, piccoli insetti che danneggiano foglie e rami, eliminabili con l'utilizzo di un antiparassitario. Un ulteriore parassita in grado di danneggiare la pianta tra maggio e luglio, è la tortrice del larice: questo insetto manifesta la propria presenza nutrendosi delle punte degli aghi, che risulteranno quindi tagliati; con la successiva diffusione, molte parti della pianta appariranno dapprima scure, e poi ricoperte da un sottile strato lucido che causa la caduta della maggior parte delle foglie. Nonostante la quasi totale defogliazione, il larice riesce a riprendersi dall'attacco in poco tempo.


Guarda il Video
  • larice albero Il genere Larix, a cui appartiene il larice delle nostre vallate alpine, conta circa una quindicina di specie di conifer
    visita : larice albero

COMMENTI SULL' ARTICOLO