Coltivazione albero di giuda

vedi anche: Albero di Giuda

Esigenze idriche

L'albero di Giuda, conosciuto anche col nome di siliquastro, è un albero di medie dimensioni (al massimo 8 metri), dalla folta chioma, utilizzato principalmente a scopo ornamentale per via dei suoi bellissimi fiori. Questo albero è molto resistente alla siccità quando è maturo, pertanto non necessita di interventi assidui d'irrigazione (anche se nei periodi di siccità è opportuno somministrare piccoli volumi d'acqua); per gli esemplari giovani, invece, le irrigazioni sono fondamentali per mantenere il suolo fresco ed umido. In ogni caso, è importante evitare la formazione di ristagni idrici, che possono causare marciume a livello radicale, e quindi causare la morte della pianta. L'acqua deve avere una temperatura non troppo diversa rispetto al terreno o alle radici, in modo da evitare shock termici per la pianta.
Albero Giuda

Albizia Julibrissina Pianta Astoni in vaso di Albizia Julibrissina - Astone in vaso

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Cure da fornire

Fiore albero Giuda L'habitat ideale dell'albero di Giuda prevede temperature miti e con poca esposizione ai venti; inoltre, la pianta non gradisce le elevate altitudini, quindi è preferibile piantarla in pianura. Sono necessarie molte ore di esposizione diretta al sole, anche durante le ore più calde. È adatto a vivere in molti tipi di terreno, a patto che siano umidi. L'albero è molto sensibile alle gelate, che danneggiano facilmente i rami più esposti: in questo caso, è importantissimo eliminare quelli danneggiati o bruciati. Tuttavia, dato che i fiori crescono anche su rami molto antichi, un'eventuale potatura di questi rami potrebbe limitare la loro produzione, per questo è consigliabile attendere la fioritura prima di procedere. Inoltre, effettuare la potatura durante la fioritura stimola la produzione di nuovi rami.

  • cercis siliquastrum L'albero di Giuda o siliquastro, nome comune per cercis siliquastrum, appartenente alla famiglia delle Leguminosae, è un albero di un certo fascino originario dell'Europa del sud e dell'Asia Minore. I...
  • erika All’interno di questa sezione parleremo delle piante perenni, cioè quelle che vivono più di due anni; queste piante arricchiscono i giardini di colori meravigliosi soprattutto nella stagione autunnale...
  • rosa Il linguaggio dei fiori era un modo di comunicare molto diffuso nell’800 ma ancora oggi, ad esempio, le rose rosse si regalato per significare passione, quelle bianche purezza e quelle rosa amicizia. ...
  • stella di natale Chi di noi non conosce la stella di Natale, o meglio, l’Euphorbia Pulcherrima? Nessuno o quasi. Tutti noi, almeno una volta, abbiamo comprato questa pianta durante il periodo natalizio, per fare un re...

Castagno-Castanea sativa-radice nuda-Resistente a l'inchiostro-150/200 cm in altezza-si fa

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10€


Come concimare

Fertilizzante piante La concimazione per la pianta adulta è superflua: le radici stabiliscono infatti un rapporto di simbiosi con alcuni ceppi di batteri azotofissatori, i quali producono azoto come metabolita. Durante l'autunno si consiglia l'impiego di fertilizzanti poveri in azoto, che permettono il rafforzamento di radici e fusto contro il gelo imminente. In primavera ed in estate, invece, è consigliato l'utilizzo mensile di piccole dosi di concime granulare a base di stallatico maturo a lenta cessione, molto ricco in potassio, per migliorare la fioritura. Lo stallatico maturo (bovino o equino) può essere utile anche per migliorare il drenaggio del terreno, contribuendo a renderlo meno compatto e più soffice. Per gli alberi giovani gli interventi devono essere più frequenti, poiché nella fase vegetativa la pianta necessita di un maggior apporto di nutrienti.


Coltivazione albero di giuda: Malattie e parassiti

Siliquastro L'albero di Giuda è poco soggetto all'attacco di parassiti, data la sua rusticità. Tuttavia, in condizioni di vulnerabilità (causate da gelate, siccità o terreno povero di nutrienti) può essere facilmente attaccato da afidi che, in condizioni gravi, possono portare la pianta a morte. Gli afidi possono essere trattati con un comune antiparassitario. Una malattia fungina che attacca i rami giovani dell'albero di Giuda è il cancro rameale da Nectria, il cui nome proviene dal fungo Nectria galligena. Questa malattia si manifesta con depressioni presenti su tutte le parti legnose, ma in particolar modo concentrate in prossimità delle gemme secche o dei rami giovani. La reazione della pianta provoca delle spaccature nella corteccia o nei rami, le quali mettono in mostra gli strati legnosi sottostanti; se il cancro si diffonde per tutta la circonferenza dell'albero, questo muore. Per evitare l'attacco da parte di questi funghi è importante attuare adeguati piani di prevenzione che prevedano l'impiego di corrette pratiche agronomiche.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO